Flash-mob a Montecitorio: “Abolire il reato di clandestinità”

3 febbraio 2016

immigrazione_reato
Pubblichiamo un articolo sull’abolizione del reato di immigrazione clandestina ,che riteniamo urgente ed improcrastinabile, in quanto la volontà del Parlamento è stata esplicitata in una legge che ha depenalizzato il reato ,di cui all’art.10 bis del D.Lgsvo 286/98, e che la Costituzione detta debba essere eseguita dal Governo senza ritardi ed interpretata dalla giurisdizione, per cui la Cassazione con sentenze diverse interpreta come atto abnorme la condanna in virtù di una legge depenalizzata ,che rimane in vigore solo in seguito ad una decisione governativa.Riteniamo che il Governo potrebbe emanare un decreto legge che abroghi la legge depenalizzatrice del già reato ( che dovrebbe essere convertito in legge entro 60 giorni dallo stesso Parlamento che aveva approvato la stessa legge depenalizzatrice) ma non può ritardare l’esecuzione di una legge dello stato ,realizzando così un vero e proprio conflitto istituzionale tra poteri dello Stato che solo la Corte Costituzionale potrebbe dirimere…

“Flash-mob a Montecitorio: “Abolire il reato di clandestinità”
I volontari e gli attivisti di Roma Che Accoglie e dei Medici per i diritti umani, assieme ad altre associazioni e movimenti che si occupano dei diritti dei migranti, hanno tenuto oggi un flash-mob di fronte Palazzo Chigi per chiedere l’abolizione del reato di clandestinità.

Leggi il resto di questo articolo »

Rifugiati e migranti: il popolo silenzioso dei minori non accompagnati, in Italia

2 febbraio 2016

bambini-stranieri
Pubblichiamo un contributo sull’annoso fenomeno dei minori rifugiati e migranti…

“Le immagini di bambini rimasti vittime durante i viaggi della disperazione sono le più drammatiche relative al fenomeno delle migrazioni. Il volume di Marco Accorinti dell’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche (Irpps-Cnr), ‘Politiche e pratiche sociali per l’accoglienza dei minori non accompagnati in Italia’, pubblicato da Cnr Edizioni in versione italiana e inglese, raccoglie il quadro delle informazioni, disposizioni e modalità di assistenza sui minori stranieri non accompagnati (Misna), ricostruito dal Punto di contatto nazionale dell’European Migration Network-Emn, di cui il Dipartimento scienze umane e sociali, patrimonio culturale (Dsu) del Cnr è partner con il Ministero dell’interno. Il libro viene presentato oggi, presso il Centro di Accoglienza Caritas Roma (via Venafro 30, ore 8,30-14,00).
Leggi il resto di questo articolo »

MIGRACIÓN El CIE de Zona Franca es declarado culpable y condenado a su cierre definitivo

1 febbraio 2016

ciespagnolo“MIGRACIÓN
El CIE de Zona Franca es declarado culpable y condenado a su cierre definitivo
Organizaciones de derechos humanos, expertos y cientos de personas han representado un juicio popular para pedir su clausura.inforelacionada Barcelona juzga al CIE de Zona Franca y pide su cierre definitivo
El juicio popular al CIE de Zona Franca, convocado por la plataforma Tancarem el CIE, reunió ayer, sábado 30 de enero, a cientos de asistentes que exigieron la clausura definitiva de este centro de internamiento de extranjeros, actualmente cerrado por obras y cuya reapertura se prevé para el mes que viene, en un juicio popular convocado por organizaciones e derechos humanos.
Leggi il resto di questo articolo »

Le inaugurazioni dell’anno giudiziario 2016 nelle Corti di Appello Italiane

31 gennaio 2016

giudicisciopero

Le inaugurazioni dell’anno giudiziario 2016 nelle Corti di Appello Italiane da radio radicale

PER IL BENE COMUNE I CORROTTI RESTITUISCANO CIÒ CHE HANNO RUBATO

31 gennaio 2016

corrotti2
“PER IL BENE COMUNE I CORROTTI RESTITUISCANO CIÒ CHE HANNO RUBATO
La corruzione minaccia il prestigio e la credibilità delle istituzioni, inquina e distorce gravemente l’economia, sottrae risorse destinate al bene della comunità, corrode il senso civico e la stessa cultura democratica. Il governo e il Parlamento ratifichino quanto prima e diano concreta attuazione ai trattati, alle convenzioni internazionali e alle direttive comunitarie in materia di lotta alla corruzione nonché alle norme, introdotte con la legge Finanziaria del 2007, per la confisca e l’uso sociale dei beni sottratti ai corrotti.” (fonte:libera.it)

Intervento del Presidente di Unità Democratica Giudici di Pace ed Onorari all’Inaugurazione dell’anno Giudiziario 2016 Corte di Appello di Roma

31 gennaio 2016

cropped-udgdpo1.jpg
Documento-di-Unità-Democratica-Giudici-di-Pace-ed-Onorari-per inaugurazione anno giudiziario 2016

Inaugurazione Anno giudiziario 2016 : Corte di Appello di Roma

31 gennaio 2016

inaugurazioneannogiudiario
Pubblichiamo le relazioni del Presidente della Corte di Appello di Roma e del Procuratore Generale della Corte di Appello di Roma all’inaugurazione dell’anno giudiziario del 30 gennaio u.s.

Corte di Appello_Relazione_AG_2015_2016
Procura Generale_ Relazione_AG_2015_2016
da radio radicale l’intera cerimonia dell’Inaugurazione dell’anno giudiziario

Inchieste, è allarme prescrizione .In appello salta un processo su due: nel Veneto

30 gennaio 2016

GIUSTIZIA; SI VOLTA PAGINA SU FORMAZIONE MAGISTRATI
“Il presidente della Corte Rinaldi: «Basta buttare energie e tempo, accantoniamo i casi a rischio. Si creano aree di impunità per i reati con tempi stretti, come l’evasione»
Quattro mila (3999, per la precisione) sono morti ancora prima di nascere, cioè nelle procure. Altrettanti (anzi un po’ di più: 4775) si sono arenati al gip/gup, la maggior parte in fase di indagine (dunque sovrapponibili ai precedenti). Altri 977 non passano il vaglio del tribunale. E fin qui, per ognuna delle fasi, siamo su una soglia del 7-10 per cento. Ma il dato clamoroso, com’è ovvio visto che si tratta dell’ultimo step di merito prima dell’eventuale ricorso in Cassazione, è quello della Corte d’appello: su 3788 processi penali definiti nell’arco dell’ultimo anno giudiziario (che va dall’1 luglio 2014 al 30 giugno 2015), i giudici ne hanno dichiarati prescritti addirittura 1874, cioè il 49 per cento.
Leggi il resto di questo articolo »

Senza cittadinanza e senza Stato, il Cir denuncia il dramma dei 15mila apolidi che vivono in Italia

30 gennaio 2016

apolidia
“Senza cittadinanza e senza Stato, il Cir denuncia il dramma dei 15mila apolidi che vivono in Italia
Parte la campagna del Consiglio italiano per i rifugiati. Tre storie emblematiche per chiedere una nuova legge.
Il titolo della campagna è “Non esisto”. Ed è anche la precisa descrizione della condizione nella quale in Italia si trovano 15mila persone (600mila in tutta l’Europa) che non risultano appartenere ad alcuno Stato. Sono senza patria, “apolidi”. Il loro nome non compare all’anagrafe, le procedure per ottenere il riconoscimento del loro status – cioè passare dalla condizione di apolidi di fatto ad apolidi di diritto – sono molto complicate. Come dimostrano i numeri: in Italia gli apolidi “ufficiali” sono 606, ma le persone che vivono nel nostro territorio senza essere in possesso di alcuna cittadinanza sono 15mila, e tra loro ci sono molti bambini.
Leggi il resto di questo articolo »

Intervento del Ministro Orlando all’inaugurazione dell’anno giudiziario 2016

29 gennaio 2016

LA NATURA DELL'ITALIA
Intervento del Ministro Orlando all’inaugurazione dell’anno giudiziario 2016 video

La Procura contro il reato di clandestinità: «Inutile e inefficace»

29 gennaio 2016

immigrazione_reato
Nel 2015 indagati 3.273 illegali: archiviati quasi tutti i fascicoli «Sprecate risorse economiche e umane con scarsi risultati»
UDINE. Il reato di immigrazione clandestina? Uno «spreco di tempo e di risorse immane», oltre che una norma «totalmente inutile e inefficace». Il procuratore capo di Udine, Antonio De Nicolo, lo va ripetendo da tempo e le parole pronunciate ieri dal presidente della Cassazione, Giovanni Canzio, all’inaugurazione dell’anno giudiziario, non fanno che rafforzarne la convinzione.
Sono i dati in possesso del suo ufficio a suggerirgli un giudizio così tranchant. «Condannare un clandestino a pagare un’ammenda di 5 mila euro che, ovviamente, non verserà mai, perchè non li ha e perchè magari è già sparito dalla circolazione – dice –, non aumenta di una virgola la sicurezza del cittadino. Eppure, oggi, è questo che la legge prevede e che ci obbliga ad aprire fascicoli su fascicoli per il reato 10 bis (ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato, ndr)». Una marea e quasi tutti destinati a restare lettera morta.
Leggi il resto di questo articolo »

Ancora sulla depenalizzazione

28 gennaio 2016

consiglio-dei-ministri
” Scopriamo nel dettaglio le disposizioni contenute nei decreti legislativi nn. 7 e 8 del 15 gennaio 2016 espressione di una grande volontà di depenalizzazione con la trasformazione di molti reati in illeciti civili ed amministrativi. Ecco nel dettaglio le fattispecie del d. lgs. n. 8: “a) Come disposizione generale (art. 1) sono depenalizzati tutti i reati per i quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda, compresi quelli che nelle ipotesi aggravate prevedono la pena detentiva, sola o congiunta a quella pecuniaria: in tale caso devono considerarsi come fattispecie autonome di reato.
Leggi il resto di questo articolo »

Avvocati: liberalizzata la pubblicità online

28 gennaio 2016

avvocati10
“Avvocati: liberalizzata la pubblicità online
Il Cnf approva il nuovo art. 35 del codice deontologico forense
Via libera per gli avvocati alla pubblicità online con ogni mezzo. Nella seduta amministrativa dello scorso 22 gennaio, infatti, il Consiglio Nazionale Forense ha approvato la nuova versione dell’art. 35 del Codice deontologico sul dovere di corretta informazione.
Leggi il resto di questo articolo »

Da naufrago soccorso a Lampedusa, richiedente asilo ma inquisito a Bologna per inottemperanza all’ordine di allontanamento dal territorio nazionale.

28 gennaio 2016

naufragio2
Pubblichiamo un interessante articolo sull’annosa vicenda dei respingimenti, dei richiedenti asilo e dei procedimenti penali in base al T.U. dell’Immigrazione.

“Da naufrago soccorso a Lampedusa, richiedente asilo ma inquisito a Bologna per inottemperanza all’ordine di allontanamento dal territorio nazionale. Quale sicurezza?
Continua da parte della questura di Agrigento la raffica di provvedimenti di respingimento differito ex art. 10 comma 2 del T.U. n.286 del 1998, malgrado la recentissima circolare del Ministero dell’interno, che rispondeva alle preoccupazioni espresse dalle associazioni in ordine alle “modalità, talora accelerate, con le quali i migranti sbarcati nel nostro Paese che non rientrano nella categoria dei richiedenti asilo “inclear need of international protection”, dopo l’identificazione, ricevono il decreto contenente l’ordine di allontanamento dal territorio nazionale”.
Leggi il resto di questo articolo »

Questione Giustizia: Schemi sui decreti legislativi n.7/16 e 8/16 sulla depenalizzazione

25 gennaio 2016

questionegiustizia
Pubblichiamo da Questione Giustizia gli schemi relativi ai recentissimi decreti legislativi relativi alla depenalizzazione di cui alla legge n.67/2014

depenalizzazione n.7 schemi

depenalizzazione n.8 schemi

TRAPANI: SBARCATI 723 MIGRANTI

25 gennaio 2016

migranti
“Giunti, questa mattina, al molo Isolella del porto di Trapani, 723 migranti soccorsi, in più operazioni, al largo della costa Libica. Sono arrivati a bordo di una nave battente bandiera norvegese. Assieme agli extracomunitari, appartenenti a variegate etnie, ha viaggiato il cadavere di un giovane somalo deceduto durante la traversata. A stroncargli la vita mentre era su un barcone è stato un malore. Quaranta migranti, in serata, saranno trasferiti nei centri di accoglienza della Campania, Toscana ed Emilia Romagna.
Leggi il resto di questo articolo »

REATO DI CLANDESTINITÀ, L’ASGI: «INUTILE E FA MALE ALLA GIUSTIZIA»

25 gennaio 2016

arte e immigrazione
Pubblichiamo un’interessante intervista sull’argomento di attualità :l’abrogato art.10 bis del D.Lgsvo n.286/98…

” È una legge del tutto inefficace, che fa spendere un sacco di soldi allo Stato e che ingolfa il lavoro dei magistrati, spiega l’avvocato Guido Savio, dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione. Ma il governo prende tempo, e non lo abolisce. Danneggiando gli immigrati e la giustizia. E venendo meno a un’indicazione precisa del Parlamento, che ne aveva chiesto l’abrogazione entro 18 mesi.

Leggi il resto di questo articolo »

Ufficio del giudice di pace al collasso con un solo magistrato in servizio: a Castel di Sangro,

25 gennaio 2016

triblesulmona
Castel di Sangro, – Circa mille provvedimenti in un anno per un unico magistrato onorario rimasto in servizio: la paralisi l’ufficio sulmonese del giudice di pace, dove dal primo gennaio è rimasta sola.
Sono 986 i procedimenti, di cui 684 civili e 302 penali, discussi nell’ultimo anno nel presidio, secondo i dati statistici aggiornati al 31 dicembre scorso, su un territorio che supera i 50mila abitanti e che si estende da Pescasseroli alla Valle Subequana.
Per questo dall’ufficio è stato lanciato un appello al presidente della Corte d’appello dell’Aquila per una nuova nomina.

Intanto, Leggi il resto di questo articolo »

Corte di Cassazione: attivazione delle notificazioni e comunicazioni telematiche Decreto Ministero, Giustizia 19/01/2016 , G.U. 21/01/2016

24 gennaio 2016

cassazione4

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale 21 gennaio 2016, n. 16 il D.M. Giustizia recante Attivazione delle notificazioni e comunicazioni telematiche presso la Corte di cassazione, ai sensi dell’articolo 16, comma 10 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre 2012, n. 221.
Il Decreto stabilisce che con uno o piu’ decreti aventi natura non regolamentare, sentiti l’Avvocatura generale dello Stato, il Consiglio nazionale forense ed i Consigli dell’ordine degli avvocati interessati, il Ministro della giustizia, previa verifica, accerta la funzionalità dei servizi di comunicazione, individuando gli uffici giudiziari diversi dai Tribunali e dalle Corti d’appello nei quali trovano applicazione le disposizioni del citato articolo 16.
Leggi il resto di questo articolo »

GUIDA PRATICA PER MIGRANTI “WELCOME TO ITALY”

24 gennaio 2016

migranti77
“E’ disponibile la versione integrale – in italiano e in inglese – della guida pratica per migranti “Welcome to Italy” appena redatta e trovate gli aggiornamenti nelle singole sezioni (inclusa la sezione “contatti” dove sono state inserite numerose realtà – attivisti, associazioni,ecc… – presenti nelle varie città italiane)”

guida pratica per migranti

Protezione sussidiaria ai cittadini nigeriani: esiste una violenza indiscriminata e diffusa che coinvolge l’intero Paese Corte d’Appello di Trieste, Sentenza n. 7 del 11 gennaio 2016

24 gennaio 2016

guerrainnigeria

Protezione sussidiaria ai cittadini nigeriani: esiste una violenza indiscriminata e diffusa che coinvolge l’intero Paese
Corte d’Appello di Trieste, Sentenza n. 7 del 11 gennaio 2016
Ringraziamo l’Avv. Dora Zappia per la segnalazione.
la sentenza della Corte di Appello di Trieste
Leggi il resto di questo articolo »

Andrea Orlando: “Clandestinità, un reato da cancellare”

23 gennaio 2016

orlando34

Annachiara Valle intervista Andrea Orlando, Famiglia Cristiana, 21 gennaio 2016
“Sul tavolino basso dello studio tante rassegne stampa e il libro di Franco La Torre su suo padre Pio La Torre, l’ispiratore del reato di associazione mafiosa ucciso da Cosa Nostra. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando arriva all’appuntamento in via Arenula direttamente dal question time che lo ha impegnato in Parlamento. «L’abolizione del reato di clandestinità», come ha detto in aula, «slitta, ma non è un impegno annullato».
Quindi il prossimo decreto non prevede che si affronti questo tema?
«Abbiamo deciso di affrontarlo all’interno di un quadro più ampio che disciplini la materia complessiva dei procedimenti di riconoscimento dell’asilo e dei rimpatri. Non credo che ci vorrà molto per decidere in merito, anche se non c’è ancora una data».
Leggi il resto di questo articolo »

Incontro pubblico promosso dall’associazione Rifare l’Italia dal titolo “A Torino come a Roma impegno capitale. Contro le mafie, per la legalità”

23 gennaio 2016

antimafia
Incontro pubblico promosso dall’associazione Rifare l’Italia dal titolo “A Torino come a Roma impegno capitale. Contro le mafie, per la legalità” che si terrà lunedì 25 gennaio alle ore 21, C.so Ferrucci, 65 a Torino.Unità Democratica Giudici di Pace ed Onorari invitata sarà comunque presente e ringrazia dell’invito.
25_1_16 A Torino come a Roma impegno capitale - Torino

All’ordine del giorno del 27 gennaio p.v. il parere del CSM sul DDL 1738

23 gennaio 2016

csm
Pubblichiamo il testo del parere delle Commissioni sesta ed ottava del Consiglio Superiore della magistratura che apprezziamo per la completezza ed analicità e condividiamo in quanto sottolinea ciò che ha costituito da anni la piattaforma rivendicativa di Unità Democratica Giudici di Pace ed Onorari(ben visibile nei documenti pubblicati nel nostro sito) e che quasi integralmente è stata trasfusa nel DDL 1738 del guardasigilli Orlando , già approvato dalla Commissione Giustizia del Senato,calendarizzato per l’esame in Aula del Senato e della Camera e che potrà essere approvato,pervenuto il parere del CSM, definitivamente entro pochissimi giorni…gufi permettendo o meno…

Odg. 1211 Ordinario del 27 gennaio 2016
PARERI
1R) – Fasc. 12/PA/2015 per la Sesta Commissione – Nota pervenuta in data 25 marzo
2015 con la quale il Ministro della Giustizia trasmette, per il parere, il testo del disegno di
legge AS 1738 concernente: “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura
onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace.”.
Leggi il resto di questo articolo »

Tre generazioni della sinistra davanti al feretro del regista scomparso: Ettore Scola

23 gennaio 2016

scola
“Renzi, D’Alema, Veltroni. Tre generazioni della sinistra si sono ritrovate ieri mattina alla casa del Cinema, riunite davanti al feretro di Ettore Scola. Il primo ad arrivare è stato il presidente del Consiglio Matteo Renzi, poco prima delle 10.40. Subito dopo è stata la volta di Walter Veltroni, molto vicino alla famiglia Scola, e poi di Massimo D’Alema.

Il premier è andato via dopo una decina di minuti, fermandosi giusto un attimo con i cronisti per ribadire il suo cordoglio e annunciare future iniziative a ricordo del grande maestro scomparso: “Parlando con la sua famiglia e con Walter Veltroni, penso che sarà bello trovare le forme più discrete e giuste per ricordare questo straordinario maestro”, ha detto il premier. Pochi minuti più tardi è uscito anche D’Alema, fermandosi anche lui con i cronisti per ricordare il regista. Intanto, al portone della casa del cinema, si affacciavano l’ex leader di Sel Nichi Vendola, e il segretario della Fiom Maurizio Landini. Un altro pezzo di quella sinistra che i film di Scola, per anni, hanno raccontato insieme alla storia dell’Italia e degli italiani.
Leggi il resto di questo articolo »

Mar Egeo: morti 44 migranti, tra cui 20 bimbi. A rischio Schengen

23 gennaio 2016

immigrazione3
“Il tema immigrazione al centro del dibattito in Europa sulla possibile sospensione per due anni del Trattato di Schengen, che favorisce la libera circolazione all’interno dell’Unione. Molte le perplessità, mentre il Presidente americano Obama chiede alla Cancelliera tedesca Merkel la convocazione di un vertice internazionale entro l’anno. Intanto, nel Mar Egeo c’è stata una nuova tragedia. In un naufragio al largo di Smirne sono morte almeno 44 persone, tra cui 20 bambini. Giancarlo La Vella ha intervistato padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli:
Leggi il resto di questo articolo »

Sassari: undici indagati per assenteismo negli uffici del giudice di pace

23 gennaio 2016

sassari1
Pubblichiamo un articolo relativo ad un aspetto negativo, purtroppo non isolato ,di assenteismo negli uffici dei giudici di pace…

“Inchiesta chiusa. La magistratura competente sta facendo notificare l’avviso ai cancellieri e agli altri impiegati dello stabile di via Casu a SASSARI. La Procura quantifica per ciascuno degli indagati le ore di assenza dal posto di lavoro – nel periodo dal 21 novembre 2013 al 12 dicembre 2013 – e il relativo «danno economico procurato all’Erario»: complessivamente poco meno di duemila euro.
In questi giorni la magistratura romana – competente perché nell’inchiesta è coinvolto un giudice – sta notificando l’avviso di chiusura delle indagini preliminari sui presunti casi di assenteismo che tre anni fa hanno coinvolto il coordinatore dei giudici di pace di Sassari e altri dieci impiegati degli uffici di cancelleria civile e penale dello stabile di via Casu .
Leggi il resto di questo articolo »

La sesta ed ottava commissione del CSM esprimono il parere sulla riforma della magistratura onoraria

23 gennaio 2016

csm69
“Le sesta ed ottava commissione del CSM hanno ammesso che, così come attualmente impiegati, i giudici onorari di tribunale, vice procuratori onorari e giudici di pace non sono “onorari”, in quanto non svolgono le funzioni giudiziarie né in modo occasionale, né in misura accessoria rispetto ad altri lavori, né in modo temporaneo,; le commissioni esprimono un parere favorevole al ddl del Governo, ritenendo che una proroga di altri dodici anni costituisca una forma di «eccessiva stabilizzazione». Le commissioni ribadiscono l’inopportunità di impiegare i magistrati onorari attualmente in servizio dai 65 ai 68 anni nell’ufficio per il processo, in quanto tale impiego costituirebbe una “retrocessione”.
Leggi il resto di questo articolo »

Il Senatore D’Ascola Presidente Della Commissione Giustizia

23 gennaio 2016

dascola
Nella foto Il sen. D’Ascola presidente della commissione giustizia del Senato.
Con L’elezione del Sen. Prof. Nico D’Ascola (NCD) alla Presidenza della 2° Commissione Permanente Giustizia è stato sostituito il precedente presidente sen. Nitto Palma.

Dare del “cialtrone” via email è diffamazione secondo la Cassazione

23 gennaio 2016

diffamazione2

“Per la Cassazione Il diritto di critica trova un limite nel rispetto della dignità altrui e nella libertà di espressione delle proprie opinioni.
– Il rispetto della dignità altrui rappresenta un limite all’esercizio del diritto di critica, non potendo tale diritto costituire mera occasione per gratuiti attacchi alla persona ed arbitrarie aggressioni al suo patrimonio morale, anche mediante l’utilizzo di “argumenta ad homine”.
Leggi il resto di questo articolo »

Decreti legislativi n.7 ed 8/2016 depenalizzazione a norma art2 c.2 Legge n.67/2014

23 gennaio 2016

leggi
Pubblichiamo i decreti legislativi n. 7 ed 8 del 2016 con note

DECRETO LEGISLATIVO 15 gennaio 2016, n. 7
Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di
illeciti con sanzioni pecuniarie civili, a norma dell’articolo 2,
comma 3, della legge 28 aprile 2014, n. 67. (16G00010)
(GU n.17 del 22-1-2016)
Vigente al: 6-2-2016
Leggi il resto di questo articolo »

Nella Gazzetta Ufficiale del 22 gennaio u.s. sono stati pubblicati i decreti legislativi recanti”Disposizioni in materia di abrogazione di reati” :in vigore dal 6/2/16

23 gennaio 2016

gazzetta-ufficiale_01
Nella Gazzetta Ufficiale del 22 gennaio u.s. sono stati pubblicati i decreti legislativi n.7 -8 recanti ‘Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili, a norma dell’articolo 2, comma 3, della legge 28 aprile 2014, n. 67’ in vigore dal 6/2/16
Leggi il resto di questo articolo »

La non punibilità per la tenuità del fatto: esame delle prime decisioni della Cassazione

22 gennaio 2016

tenuitadelfatto2
Pubblichiamo un particolare ed interessante contributo sull’argomento di piena attualità..

“Come è noto l’istituto della non punibilità per particolare tenuità del fatto è stato introdotto con il d.lg. n. 28 del 2015, emanato in ottemperanza alla legge delega n. 67 del 104, art. 1, comma 1, lett. m). La suddetta disciplina si compone di poche disposizioni che investono tanto il codice penale che quello di procedura. Di seguito, si propone una rassegna delle principali questioni affrontate dalla recente giurisprudenza di legittimità in materia.
Leggi il resto di questo articolo »

Giustizia: Orlando, dopo anni di scontro oggi clima diverso

22 gennaio 2016

orlando28
Il Ministro Orlando nella relazione annuale alla Camera sull’amministrazione della Giustizia: “Terrorismo ci minaccia ma non cederemo su diritti”.
“La giustizia è stata per lungo tempo il terreno di uno scontro, a tratti persino drammatico”, ma oggi “comincia ad essere oggetto di un più pacato confronto perché parte di un dibattito più ampio sul destino della nostra democrazia”. Lo ha sottolineato il ministro Andrea Orlando, nella relazione annuale alla Camera sull’amministrazione della Giustizia. “Le divisioni hanno impedito che si riflettesse sul tempo nuovo che la giurisdizione è chiamata ad affrontare, in un’epoca di grandi opportunità ma ad alto rischio”, ma – ha aggiunto -, “io rivendico a questo Governo e all’azione del Ministero della Giustizia il merito di aver contribuito a chiudere quella fase e di aver avviato, in un clima diverso, questa riflessione”. “Il clima diverso – ha detto Orlando – ha permesso di intervenire in ambiti sino a qui troppo trascurati, come la giustizia civile e l’organizzazione della giustizia. Ambiti che però danno senso e contenuto effettivo alla parola ‘cittadinanza’”.
Leggi il resto di questo articolo »

Orfanotrofi: Umiliati e offesi

22 gennaio 2016

minoristranieri
Pubblichiamo un articolo relativo ad un aspetto della magistratura onoraria sul quale crediamo debba aprirsi un dibattito in tutta la categoria della MO…

“In Italia le strutture per minori sono un mondo opaco, dimenticato dalla legge e dall’opinione pubblica. Tantissimi bambini lasciati nelle comunità, perché darli in adozione significa far perdere la retta all’istituto che li ospita. Anni perché i tribunali prendano decisioni
Figli dello Stato. Figli di nessuno. I minori, orfani o allontanati dai genitori, parcheggiati nelle case famiglia e nelle comunità di tutta Italia sono circa 30-35mila (anche se dati certi non ne esistono). Bambini alle prese con la burocrazia già a uno, due, tre, quattro anni. Entrano in una struttura, in attesa di tornare a casa o essere adottati, e non sanno quando ne usciranno. Incastrati in un mondo nebuloso fatto di cooperative, istituzioni, servizi sociali e tribunali in cui circolano fiumi di denaro. Un miliardo di euro l’anno, o forse più. Delle strutture che li ospitano non si sa neanche quante siano – il Garante per l’infanzia ha pubblicato la prima raccolta dati sperimentale solo a novembre 2015. Né si sa quanto costino davvero alle casse pubbliche, visto che le rette da pagare variano dai 40 ai 400 euro al giorno. Erogate finché il minore resta tra le mura della comunità. E un bambino adottato in più, significa sempre una retta in meno.
Leggi il resto di questo articolo »

L’archiviazione per particolare tenuità del fatto: vuoti di tutela per l’indagato

18 gennaio 2016

questionegiustizia
Interessante argomento di viva attualità anche per i giudici di pace in materia di diritto processuale penale e di immigrazione…
l’articolo da Questione Giustizia

Consiglio Superiore della Magistratura Seduta del 13 gennaio 2016 – OTTAVA COMMISSIONE Circolari relative ai criteri per la nomina e conferma e sullo stato professionale dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari

18 gennaio 2016

csm
Pubblichiamo, senza alcun commento, le recenti Circolari del CSM relative ai GOT ed ai VPO in quanto riteniamo che non sia nostro compito commentare le delibere di un organo costituzionale, quale il Consiglio Superiore della Magistratura, di autogoverno della magistratura.

“Consiglio Superiore della Magistratura-Seduta del 13 gennaio 2016- OTTAVA COMMISSIONE
COMMISSIONE PER LA MAGISTRATURA ONORARIA
1)Circolare relativa ai criteri per la nomina e conferma e sullo stato
professionale dei giudici onorari di tribunale.
2) Circolare relativa ai criteri per la nomina e conferma e sullo stato
professionale dei vice procuratori onorari.
Leggi il resto di questo articolo »

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DELL’ ESECUTIVO NAZIONALE DI UNITA’ DEMOCRATICA GIUDICI DI PACE ED ONORARI PER IL GIORNO 21 gennaio 2016

17 gennaio 2016

cropped-udgdpo1.jpg
CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DELL’ ESECUTIVO NAZIONALE DI UNITA’ DEMOCRATICA GIUDICI DI PACE ED ONORARI PER IL GIORNO di giovedì 21 gennaio 2016 DALLE ORE 15,00 ALLE ORE 18,00 A ROMA VIA TEULADA N. 28 II PIANO QUINTA SEZIONE CIVILE CON IL SEGUENTE ORDINE DEL GIORNO:
1) SITUAZIONE SINDACALE , DDL 1738 RIFORMA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA DI PACE ED ART.18 BIS, AZIONI VERTENZIALI ;
2) SITUAZIONE DELL’UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ROMA :SEZIONI PENALI,STRANIERI,CIVILI;
3) ORGANIZZAZIONE CONVEGNO-PROIEZIONE SUL DIRITTO DELL’IMMIGRAZIONE IN MATERIA DI ESPULSIONI TRATTENIMENTI NEI CIE E REATI CONNESSI IN TEMPI DI TERRORISMO INTERNAZIONALE;
4) TESSERAMENTO E QUOTE ANNO 2016 -ORGANIZZAZIONE DEL CONGRESSO NAZIONALE;
5) VARIE ED EVENTUALI.
SONO INVITATI A PARTECIPARE ISCRITTI E SIMPATIZZANTI MAGISTRATI DI PACE ED ONORARI
ROMA 16/01/2016 IL PRESIDENTE DI UDGDPO
DIEGO LOVERI

Contrasto all’immigrazione clandestina: espulsioni a raffica ad Imperia

16 gennaio 2016

espulsioni5
” Su impulso del Questore della Provincia di Imperia sono stati intensificati i controlli da parte della Polizia di Stato volti ad arginare i fenomeni di criminalità diffusa mediante lo strumento del contrasto all’immigrazione clandestina di soggetti già manifestatisi come dediti ad un progetto migratorio di natura criminale.
Nelle prime due settimane del mese di dicembre, infatti, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, il personale dell’Ufficio Prevenzione e Soccorso Pubblico di Imperia, e quello dei Commissariati PS distaccati di Sanremo e di Ventimiglia, ha rintracciato, a seguito di controlli delle aree a più alto tasso di criminalità dei rispettivi territori, quindici cittadini stranieri, tutti irregolari sul Territorio Nazionale e con numerosi precedenti penali, pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica.
Leggi il resto di questo articolo »

Il ministero dice sì allo Street Control

16 gennaio 2016

streetcontrol
“Il nuovo strumento permette piu’ rapidi tempi di scrittura dei verbali – bastano pochi secondi per ogni veicolo – e consente la trasmissione immediata della multe al sistema elettronico centrale, risparmiando il tempo della digitazione manuale.
Un dispositivo dotato di telecamera in grado di fotografare le auto dei romani lasciate in doppia fila o parcheggiate in aree non consentite, capace di fare ben 6 multe al minuto e secondo alcune indiscrezioni anche di identificare i veicoli rubati. Nel primo periodo della sperimentazione dello Street control c’è stato un notevole incremento di contravvenzioni: solo in un anno del 22%; nel 2014 gli utenti della strada hanno ricevuto 790.353 multe, mentre nel 2015 sono stati fatti 974mila verbali. La novità, introdotta dal Ministero dei Trasporti con l’inedito parere n. 4851/2015, non è da poco: il codice della strada il codice della strada prevede espressamente la possibilità di non contestare immediatamente l’infrazione in caso di assenza del trasgressore.
Leggi il resto di questo articolo »

A Treviso: Macedone espulso, partirà anche la sua famiglia

16 gennaio 2016

espulsioni7
“Treviso: costituiva “una minaccia per la sicurezza” dello Stato italiano. Secondo gli investigatori del Ros, sarebbe stato in grado, per le sue posizioni islamiste radicali, di agevolare i terroristi,
costituiva “una minaccia per la sicurezza” dello Stato italiano. Secondo gli investigatori del Ros, sarebbe stato in grado, per le sue posizioni islamiste radicali e profondamente antisemite, di “agevolare, in vario modo, organizzazioni o attività terroristiche, anche internazionali”. All’indomani dell’espulsione, per motivi di prevenzione di terrorismo, del macedone, che fino all’alba di mercoledì ha vissuto con moglie e cinque figli a San Zenone, emergono nuovi particolari sulle indagini dei carabinieri del Ros di Padova.
Leggi il resto di questo articolo »

SINISTRI STRADALI: CONCORSO DI COLPA AL 50% TRA CHI NON RISPETTA LA PRECEDENZA E CHI CORRE TROPPO

16 gennaio 2016

sinistristradali

“Concorso di colpa a metà, se entrambi i conducenti hanno contribuito a causare il sinistro, l’uno non rispettando la precedenza, l’altro correndo troppo, nel senso opposto. A sancirlo è il Tribunale de L’Aquila, con la recente sentenza n. 623/2015, dichiarando corresponsabili al 50% due automobilisti coinvolti in un incidente stradale.
Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento, sul cellulare di un gambiano foto della bandiera dell’Isis

16 gennaio 2016

bandiera-isis-giudici-di-pace

“AGRIGENTO. Sul telefono cellulare di un gambiano di 32 anni sono state trovate alcune foto che ritraggono persone armate mentre controllano i migranti al momento dell’imbarco in un porto imprecisato. In una delle foto si vedrebbe anche sventolare una bandiera dell’Isis. L’immigrato è stato portato in questura, ad Agrigento.
Nella città dei Templi sono stati effettuati controlli anti terrorismo e anti immigrazione clandestina disposti dal questore e condotto dalla Divisione anticrimine. Il gambiano avrebbe sostenuto che quelle fotografie gliele avrebbe date un amico. La polizia sta adesso cercando d’appurare se gli scatti siano autentici o se siano stati scaricati da Internet.
Leggi il resto di questo articolo »

Governo, sì al decreto depenalizzazioni ma senza toccare l’immigrazione clandestina

16 gennaio 2016

depenalizzati
“Per la legalizzazione della cannabis bisogna attendere l’esito della proposta presentata in parlamento. Il decreto del governo è solo per chi già può coltivare per ricerca. Tra i reati depenalizzati, come annunciato, non c’è l’immigrazione clandestina

Governo, sì al decreto depenalizzazioni ma senza toccare l’immigrazione clandestina
Il secondo consiglio dei ministri del 2016 è il consiglio delle depenalizzazioni. Si va dalla guida senza patente, alla coltivazione della cannabis per uso terapeutico. «Non si tratta della depenalizzazione per chi coltiva l’erba in terrazzo», ha però subito chiarito il ministro della giustizia Andrea Orlando, anche per evitare che oltre al dibattito sulle unioni civili esplodesse quello sulla marijuana.
Leggi il resto di questo articolo »

Comunicato stampa del Governo sulla depenalizzazione di reati

16 gennaio 2016

Consiglio-dei-Ministri-200x200
DEPENALIZZAZIONE DI REATI
Disposizione in materia di depenalizzazione (decreto legislativo – esame definitivo)
Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della giustizia Andrea Orlando, ha approvato in esame definitivo un decreto legislativo recante disposizione in materia di depenalizzazione a norma dell’articolo 2, comma 2, della legge 28 aprile 2014, n. 67.
L’obiettivo della riforma è quello di trasformare alcuni reati in illeciti amministrativi, anche per deflazionare il sistema penale, sostanziale e processuale, e per rendere più effettiva la sanzione.
Leggi il resto di questo articolo »

Orlando, reato immigrazione clandestina è simulacro: va abolito

13 gennaio 2016

orlando28

“Ma con il ministro degli Interni “si sta ragionando su un intervento complessivo che riguardi rimpatri e tempi per il riconoscimento di status di rifugiato
Quello di immigrazione clandestina è un “simulacro di reato”, va abolito ma nell’ambito di un intervento organico. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando a ‘Omnibus’ su La7 torna sulla questione del reato di immigrazione clandestina sul quale il governo sarebbe intenzionato a intervenire, assicura.

L’abolizione del reato di immigrazione clandestina – ha detto il ministro – “si deve fare”, ma “col ministero degli Interni si sta ragionando su un intervento complessivo che riguardi i rimpatri, i tempi per il riconoscimento dello status di rifugiato: l’abolizione del reato può stare dentro quel pacchetto”.
Leggi il resto di questo articolo »

Renzi testimone in aula, parte lesa per diffamazione

13 gennaio 2016

renzi
“E’ stata fissata per il 25 gennaio la testimonianza del premier Matteo Renzi al processo in corso a Firenze a un dipendente del Comune. L’uomo è accusato di aver diffamato l’attuale presidente del Consiglio, anche con interviste e dichiarazioni sul web, attribuendogli sprechi quando era presidente della Provincia e poi sindaco di Firenze.

Il processo nasce dagli sviluppi di una denuncia di Renzi. Il legale del premier ha ribadito che “salvo impegni di carattere istituzionale”, il 25 gennaio il premier sarà presente in aula per testimoniare e che non si avvarrà della facoltà di essere ascoltato a Palazzo Chigi.
Leggi il resto di questo articolo »

ITALIA DEPENALIZZAZIONI, ATTI OSCENI E GUIDA SENZA PATENTE NON SARANNO PIÙ REATI

13 gennaio 2016

reaticontrogdp

” Il nuovo decreto messo a punto da ministro della Giustizia Orlando depenalizza un gran numero di reati che verrano puniti con una sanzione amministrativa Ok da Cdm a semplificazione Pa e depenalizzazione dei reati lievi Renzi: la depenalizzazione del reato di immigrazione clandestina non sarà nel prossimo CdM 12 gennaio 2016 In vista del consiglio dei ministri di venerdì prossimo il governo si appresta a studiare la delega sulle depenalizzazioni in scadenza il 17 gennaio. ll Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della Giustizia Andrea Orlando, ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che abroga alcuni reati e introduce sanzioni pecunarie civili. I reati oggetto del decreto sono numerosi. Primo tra tutti la guida senza patente: il decreto prevede che chi verrà sorpreso a guidare l’auto senza patente non sarà sottoposto a processo penale ma dovrà invece pagare una sanzione tra i 5.000 e i 30mila euro.
Leggi il resto di questo articolo »

Pensioni ultime notizie prospettive reato clandestinità e novità pensioni due facce delle stessa medaglia

13 gennaio 2016

IMMIGRAZIONE: A LAMPEDUSA IN NOTTATA ALTRI 310 CLANDESTINI

“La difficoltà a introdurre novità sulle pensioni è la stessa che incontra il governo nel cambiare le norme sul reato di clandestinità.
C’è molto in comune tra il freno a mano tirato in relazione alle novità sulle pensioni e il semaforo rosso acceso dinanzi alla prospettiva di cambiare la norme sul reato di clandestinità. Alla base delle due decisioni ci sono anche considerazioni strategiche sull’imminenza delle elezioni amministrative di primavera, che coinvolgeranno anche Milano, Napoli e Roma. Le ultime notizie, affiancate ai sondaggi più recenti, raccontano come non sia consigliabile mettere mano su due delle questioni più delicate, anche dal punto di vista emotivo. Sia in senso positivo sia nell’altro, appare sempre un’operazione rischiosa quella di modificare le regole sulla previdenza, anche se la percezione comune è proprio quella di introdurre modifiche profonde.

Leggi il resto di questo articolo »

Sulla costituzionalità o meno del luogo dell’udienza di convalida dei trattenimenti nei Cie dei giudici di pace e caso Shalabayeva

10 gennaio 2016

leggi
Interessante il recente comunicato stampa dell’Unagipa (che,però, omette le fonti delle due rimessioni alla Corte Costituzionale nel2009 e nel 2013) in materia di incostituzionalità o meno della sede (CIE) dell’udienza di convalida, da parte dei giudici di pace, dei trattenimenti dei cittadini di paesi terzi e del trattamento giuridico ed economico riservato agli stessi gdp per tutti i procedimenti di loro competenza in materia di immigrazione. A tal proposito ripubblichiamo alcune fonti dell’annosa questione che il caso Shalabayeva ha drammaticamente riproposto all’attualità e che è attualmente e notoriamente al vaglio della Magistratura romana e perugina.
Leggi il resto di questo articolo »

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legislativo n.212/2015 in materia di diritti assistenza e protezione delle vittime di reato:entra in vigore il 20 gennaio p.v.

9 gennaio 2016

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 2015, n. 212
Attuazione della direttiva 2012/29/UE del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 25 ottobre 2012, che istituisce norme minime in
materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato e
che sostituisce la decisione quadro 2001/220/GAI. (15G00221)
(GU n.3 del 5-1-2016)
Vigente al: 20-1-2016
Leggi il resto di questo articolo »

Giudici onorari: in Gazzetta Ufficiale i bandi di concorso per Bolzano

9 gennaio 2016

giudici di pace
“Giudici onorari, in G.U. i bandi per Bolzano
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 2 – IV Serie speciale dell’ 8 gennaio 2016 sono stati pubblicati i bandi relativi alla procedura di selezione per la nomina a giudice onorario del Tribunale di Bolzano e per la nomina a vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bolzano.”(fonte:ilsole24ore.com)

Jihadista giustizia la madre: lo aveva incitato a lasciare l’Isis

9 gennaio 2016

jihadista
Jihadista giustizia la madre: lo aveva incitato a lasciare l’Isis
Il ventenne ha ucciso la donna con un fucile d’assalto a Raqqa, la capitale dello Stato islamico in Siria
Un combattente dello Stato islamico ha giustiziato la propria madre a Raqqa, in Siria, dopo averla denunciata ai jihadisti perché lo aveva “incitato ad abbandonare l’Isis”. E’ quanto hanno riferito gli attivisti siriani di “Raqqa is Being Slaughtered Silently” (Raqqa è massacrata nel silenzio, ndr), precisando che l’esecuzione è avvenuta in pubblico, nei pressi dell’edificio postale della città, oggi roccaforte dell’Isis, dove la donna lavorava.
Leggi il resto di questo articolo »

Il governo vuole cancellare il reato di clandestinità «Così sarà più facile individuare e colpire i trafficanti di esseri umani»

8 gennaio 2016

clandestinità
“Il governo vuole cancellare il reato di clandestinità
«Così sarà più facile individuare e colpire i trafficanti di esseri umani», afferma il procuratore nazionale anti-mafia e anti-terrorismo Franco Roberti in un’intervista a Repubblica
Leggi il resto di questo articolo »

La massoneria deviata che controlla il mondo

8 gennaio 2016

massoneria2
Pubblichiamo un articolo sulla massoneria che riteniamo interessante ,anche se non ne condividiamo il metodo e le deduzioni ,perchè analizzare tutti gli aspetti della società è necessario a parer nostro per aprirsi al mondo non chiudendo la magistratura di pace ed onoraria nell’alveo dell’autoreferenzialità…

“C’è una guerra in corso tra la massoneria progressista e quella conservatrice. Coinvolti tutti i Paesi, come Obama, la Merkel, Napolitano, Draghi e…
Leggi il resto di questo articolo »

Consiglio dei Ministri :rinviata al 15 gennaio p.v. l’approvazione dei decreti legislativi di attuazione della depenalizzazione dell’art.10 bis D.Lgsvo 286/98 e di altri reati

8 gennaio 2016

governorenzi
Ennesimo rivio del Consiglio dei Ministri sull’approvazione dei decreti legislativi di attuazione della depenalizzazione del reato di cui all’art.10 bis del D.Lgsvo n.286/98 (immigrazione clandestina), assieme a tutti gli altri reati,annunciato per oggi.

“Quindici righe stanno per cancellare, dopo sette anni, il reato di immigrazione clandestina. Tecnicamente si chiama “depenalizzazione”. La vuole fortemente il Guardasigilli Andrea Orlando, l’ha appoggiata quasi all’unanimità (alfaniani esclusi) prima di Natale la commissione Giustizia della Camera, la sponsorizza il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti, la chiedono i procuratori di frontiera alle prese con i trafficanti di esseri umani.
Leggi il resto di questo articolo »

Giudice di Pace eccepisce l’illegittimità costituzionale della non punibilità per particolare tenuità del fatto per mancata previsione che l’imputato possa esprimere in maniera vincolante il proprio dissenso

8 gennaio 2016

gdp4
Pubblichiamo l’ordinanza del gdp di Matera sull’illegittimità costituzionale della non punibilità per particolare tenuità del fatto per mancata previsione che l’imputato possa esprimere in maniera vincolante il proprio dissenso
Reg. ord. n. 215 del 2015 pubbl. su G.U. del 28/10/2015 n. 43
Ordinanza del Giudice di pace di Matera del 07/05/2015
Oggetto:
Reati e pene – Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto – Denunciata mancata previsione che l’imputato possa esprimere in maniera vincolante il proprio dissenso in ordine alla definizione del processo con sentenza declaratoria di non punibilità per tenuità del fatto (sentenza poi iscritta nel casellario giudiziale) – Lesione del diritto di difesa e del diritto ad un giusto processo – Violazione del principio di non colpevolezza – Lesione del diritto alla tutela della propria onorabilità e reputazione – Violazione del principio di ragionevolezza.
Leggi il resto di questo articolo »

L’Isis è una “associazione terroristica”, “così definita da numerose risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu”, e “non uno Stato”

8 gennaio 2016

terrorismo4
Pubblichiamo un commento ad una recente sentenza della Cassazione relativa all’Isis

“Cass. pen., 1 dicembre 2015 n. 47489
L’Isis è una “associazione terroristica”, “così definita da numerose risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu”, e “non uno Stato”, sebbene si estenda “su parte della Siria e dell’Iraq” che sono da considerarsi “territorio occupato”: per questo motivo è vietato fare propaganda del Califfato, sul web, anche dall’Italia. Con riferimento alle strutture organizzative “cellulari” o “a rete”, caratterizzate da estrema flessibilità e in grado di rimodularsi secondo le pratiche esigenze che di volta in volta si presentano, in condizione di operare contemporaneamente in più Paesi, anche in tempi diversi e con contatti (fisici, telefonici, informatici) anche discontinui o sporadici tra i vari gruppi in rete, la fattispecie delittuosa di cui all’articolo 270-bis del Cp deve ritenersi integrata – in presenza del necessario elemento soggettivo – anche da un sodalizio che realizza condotte “di supporto” all’azione terroristica di organizzazioni riconosciute e operanti come tali: quali quelle volte al proselitismo, alla diffusione di documenti di propaganda, all’assistenza agli associati, al finanziamento, alla predisposizione o acquisizione di armi, alla predisposizione o acquisizione di documenti falsi, all’arruolamento, all’addestramento, ecc.; con l’affermazione in proposito della giurisdizione italiana in caso di “cellula” operante in Italia per il perseguimento della finalità di terrorismo internazionale sulla base dell’attività di indottrinamento, reclutamento e addestramento al martirio di nuovi adepti, da inviare all’occorrenza nelle zone teatro di guerra, e della raccolta di denaro destinato al sostegno economico dei combattenti del Jihad all’estero.
Leggi il resto di questo articolo »

Terrorismo: 78 tra giudici e pm a scuola di jihadismo

8 gennaio 2016

terrorismo
Importante iniziativa del CSM in materia di terrorismo ,fenomeno purtroppo sempre più posto alla ribalta dall’attualità negli ultimi tempi e che sta cambiando, anche per i giudici di pace impegnati nell’immigrazione settori civile e penale, l’orientamento interpretativo data la gravità della situazione che fa rievocare in Italia un brutto periodo che ci auguravamo di non dover vedere mai più…

“A un anno di distanza dal decreto con cui il governo ha affidato alla procura nazionale antimafia il coordinamento delle inchieste giudiziarie in questo settore,
I magistrati tornano sui banchi di scuola per affrontare la sfida del terrorismo islamico. Accadrà il 19 gennaio al Csm con un seminario ristretto riservato a 78 toghe selezionate in tutta Italia e provenienti dagli uffici giudiziari potenzialmente più esposti su questo fronte. Si tratta in particolare di 34 pm e altrettanti giudici, e dieci toghe della Corte di Cassazione, di cui sette consiglieri e tre sostituti procuratori generali.
Leggi il resto di questo articolo »

Hot Spots fuori legge e Rilocazione mancata verso altri paesi Ue

7 gennaio 2016

hotspot2
Riceviamo e pubblichiamo:

“Hot Spots fuori legge e Rilocazione mancata verso altri paesi Ue. Ennesimo fallimento delle politiche sicuritarie, l’Unione Europea riesce solo ad aumentare le dotazioni di Frontex. Da Fiumicino un volo Frontex al mese verso la Nigeria.
Sembra che soltanto 272 richiedenti asilo su 160.000 previsti siano stati ritrasferiti dall’Italia e dalla Grecia verso altri paesi europei.
http://axisoflogic.com/artman/publish/Article_72674.shtml?
Leggi il resto di questo articolo »

Non sussiste incompatibilità in astratto tra l’incarico di magistrato onorario e la qualità di pubblico dipendente

6 gennaio 2016

giudici di pace
“Non sussiste incompatibilità in astratto tra l’incarico di magistrato onorario e la qualità di pubblico dipendente “.Così ha risposto ad un quesito il CSM con delibera del 18/2/2015 ai sensi dell’art.2 c.11 del DM 6 luglio 1998 e dell’art 42 quater del R.D. 12 /41 .In ogni caso il pubblico dipendente dovrà ottenere il nulla osta dell’amministrazione di appartenenza e dovrà avere l’idoneità ad assolvere degnamente ed a soddisfare con assiduità ed impegno le esigenze di servizio ,desunta da provate garanzie di professionalità e da accertati requisiti di credibilità ed indipendenza.(d.l.)

Le funzioni di vice procuratori onorari sono incompatibili con l’incarico di consigliere circoscrizionale

6 gennaio 2016

giudici
Le funzioni di vice procuratori onorari sono incompatibili con l’incarico di consigliere circoscrizionale anche se di un Comune sito in un Circondario diverso rispetto a quello in cui le funzioni di magistrato onorario vengono esercitate ai sensi dell’art.71 c.2 del R.D. n.12/1941 che rinvia all’applicazione dell’art.42 quater dello stesso R.D. n.12/1941.Così ha risposto ad un quesito il CSM con delibera in data 22/7/2015.(d.l.)

Imminenti i Concorsi a posti di giudici di pace da bandire dalle Corti di Appello

6 gennaio 2016

gdp11
In base alle risposte date dal Consiglio Superiore della Magistratura a vari quesiti posti in relazione ai concorsi per il reclutamento di giudici di pace si può dedurre che sono prossimi i bandi dei relativi concorsi che verranno emanati dalle singole Corti di Appello italiane, essendo conclusa l’operazione relativa ai trasferimenti dei giudici di pace in base agli organici comunicati dal CSM proprio in occasione della Circolare dell’anno scorso relativa ai trasferimenti dei giudici di pace.(Risposta a quesito del 7 ottobre 2015).
Il CSM infatti ha precisato che l’art.4 c.1 della Legge n.374/1991 e successive modificazioni attribuisce al Presidente della Corte di Appello la competenza in ordine alla pubblicazione dei posti di giudice di pace vacanti nel distretto, mediante inserzione nel sito Internet del ministero della giustizia nonchè nella gazzetta ufficiale.
Leggi il resto di questo articolo »

Visita a Ponte Galeria

5 gennaio 2016

pontegaleria4

“Una delegazione di Radicali ha visitato il Centro di Identificazione ed Espulsione di Ponte Galeria, a Roma.
Lo scrive il sito Stranieri in Italia, che riporta alcune dichiarazioni tratte dal comunicato diffuso al termine della visita.
Del gruppo facevano parte il segretario dei Radicali Italiani Riccardo Magi, il segretario dei Radicali Roma Alessandro Capriccioli e il Presidente della Commissione Diritti Umani del Senato, Luigi Manconi.
“I Cie e la detenzione amministrativa si sono dimostrati in questi anni strumenti inefficaci in termini di contrasto all’immigrazione irregolare, e utili solamente a provocare sofferenza e precarietà”, si legge nel comunicato. “La procedura di identificazione prevista negli hotspot, basata sulla distinzione tra potenziali richiedenti asilo e migranti economici, ha subìto un’accelerazione e, da quanto si apprende, si ha la sensazione che si stia procedendo sommariamente, violando le normative nazionali ed internazionali sull’asilo, e basandosi sul solo infondato criterio della provenienza, senza approfondire la storia individuale di ciascuno e senza garantire concretamente a tutti la possibilità di accedere alla protezione internazionale”.
I Radicali confermano che da settembre sono due i centri di espulsione tornati in funzione: quello di Brindisi e quello di Crotone.
Leggi il resto di questo articolo »

Commissione di inchiesta su Cie, Cara e accoglienza. A che punto siamo?

4 gennaio 2016

caracastelnuovo
Pubblichiamo un interessante articolo sulla situazione dei lavori della commissione parlamentare di inchiesta sui Cie Cara e centri di accoglienza italiani

“Per varie legislature si è discusso in Italia dell’importanza di istituire una commissione di inchiesta sulle modalità e le strutture d’accoglienza, di trattenimento e di espulsioni, dei cittadini migranti. Il tentativo operato con la “Commissione De Mistura” (dal nome del commissario nominato) ma facente capo in maniera quasi esclusiva al Ministero dell’interno, nel 2007, portò ad evidenziare punti critici ma non divenne mai tema di reale dibattito politico.
Leggi il resto di questo articolo »

In Iran nascono “i muri della gentilezza” per aiutare senzatetto e poveri

2 gennaio 2016

“Il muro della gentilezza è nato in un piccolo paese dell’Iran. Grazie a twitter, instagram e alla rete si è diffuso in tutto il paese dando un aiuto concreto a senzatetto e poveri. Un’iniziativa contro la crisi e che ci può far riscoprire il vero senso di queste feste.
In Iran la crisi non è ancora passata. Un report del 2013, raccontato qui dal Guardian, raccontava di una situazione precaria e di un aumento spropositato degli iraniani che si trovavano a vivere sotto la soglia di povertà. Oggi, solo a Teheran si parla di almeno 15mila senzatetto, di cui un terzo sono donne.
Così, in maniera spontanea, qualche settimana prima di Natale, è nato un muro della gentilezza per aiutare le persone meno fortunate. Un fenomeno che si è velocemente replicato in varie zone del paese e che ha invaso twitter e instagram.
Leggi il resto di questo articolo »

Giudici di Pace : la situazione è drammatica secondo alcuni

2 gennaio 2016

giudice di pace9

Giudici di Pace, la situazione è drammatica

Nullità matrimoniali. Una riforma che rischia di affondare sul nascere

2 gennaio 2016

foto slovacchia bratislava
“L’estrema facilità dei processi era la soluzione escogitata da papa Francesco per riammettere alla comunione i divorziati risposati. Ma non tutto funziona come previsto. Una nota del canonista

Come già padre Antonio Spadaro su “la Civiltà Cattolica”, anche un altro degli ecclesiastici più vicini a Francesco ha lanciato un ballon d’essai in vista delle conclusioni che il papa trarrà dal sinodo sulla famiglia.
Leggi il resto di questo articolo »

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30/12/15 il decreto milleproroghe 2016

1 gennaio 2016

Decreto-milleproroghe-commissione-bilancio-senatoPubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30/12/15 il decreto milleproroghe 2016
milleproroghe2016

Rifugiati: umane risposte di accoglienza per chi soffre

1 gennaio 2016

rifugiati_o

Apolidia : un problema da affrontare in un paese civile

1 gennaio 2016

apolidia_o

Iniziamo una rassegna delle conseguenze dei “pensionamenti anticipati” :In Lombardia Poco personale, sedi inadeguate: Procure e Tribunali in affanno

1 gennaio 2016

pensionati
” Cambi ai vertici, carenze di magistrati, personale amministrativo assolutamente insufficiente, sedi inadeguate: Procure e Tribunali lombardi sono alle prese con importanti novità e annosi problemi di organico e di strutture, se possibile sempre più gravi.

I numeri del ministero della Giustizia fotografano la situazione nel distretto della Corte di Appello di Milano (che comprende il territorio di Como, Lecco, Lodi, Monza, Pavia, Sondrio e Varese): rispetto alle previsioni in pianta organica, mancano un centinaio di magistrati ordinari (su 875) e ben 403 onorari (su 902), tra cui 203 giudici di pace (su 358). In tutte le Procure e i Tribunali, il ritornello dell’anno appena concluso è la richiesta di nuove forze, soprattutto personale amministrativo, per smaltire la mole di lavoro e rendere un miglior servizio ai cittadini. In alcuni casi c’è da fare i conti con pensionamenti e nuove nomine delle figure chiave: procuratori e presidenti.
Leggi il resto di questo articolo »

Le persone disordinate sono dei geni produttivi: Lo dice la scienza

1 gennaio 2016

disordine
Con il nuovo anno 2016 pubblichiamo un articolo relativo al disordine eclettico che sembrerebbe caratterizzare questo sito. Difendiamo ,quindi, una caratteristica che ci contraddistingue perchè vogliamo solo evidenziare quanto sia importante difendere la qualità e l’originalità della nostra formula voluta per sollecitare la curiosità e l’interesse non solo della categoria dei magistrati onorari di pace ma di tutti coloro che si interessano al mondo della giustizia ed ai temi sociali,storici,giuridici,filosofici,psicologici,artistici,ecc….

“Da bambini ci hanno insegnato che una stanza disordinata equivale a una mente disordinata. Non avevamo scelta: o mettevamo a posto o eravamo in castigo.
Leggi il resto di questo articolo »

BUON ANNO 2016 : Alla conquista dell’Everest…ovvero della riforma della magistratura onoraria di pace

1 gennaio 2016

Auguri da Unità Democratica Giudici di Pace ed Onorari per il nuovo anno 2016 nel quale anche i magistrati onorari di pace italiani avranno la loro riforma che paragoniamo alla conquista dell’Everest da parte di una spedizione di non vedenti…

Pubblicata nella gazzetta ufficiale del 30 dicembre u.s. la legge di stabilità

1 gennaio 2016

gazzetta-ufficiale_01
E’ stata pubblicata nella gazzetta ufficiale del 30 dicembre u.s. la legge di stabilità 2016
legge pdf

Auguri ad Aurelio Napolitano,coordinatore dell’ufficio del giudice di pace di Roma, che termina oggi il suo prestigioso incarico

31 dicembre 2015

napolitano2
Aurelio Napolitano, professore universitario, dottore commercialista,avvocato,autore di molti testi di diritto e di economia,imprenditore,dotato di rare, abili e feconde facoltà di mediazione ,amico di Arafat,presidente dell’Associazione Internazionale della Pace e dei Diritti Umani,rappresentante di un’Italia operosa e studiosa,nostro iscritto da anni,lascia (speriamo per poco) ,a causa del noto provvedimento discriminatorio di agosto 2015, l’incarico di coordinatore di Roma e di giudice di pace ,ma continua come giudice tributario e come docente universitario. Con stima ed affetto gli auguriamo ogni bene e di continuare a lottare come sa fare lui ,per continuare la sua opera incessante di stimolo per tutti noi. Aurelio Napolitano collaborerà con noi e con il nostro sito se lo vorrà .Sappiamo che avendo fatto ricorso non si arrenderà facilmente all’ingiusta legge che ha anticipato la cessazione degli incarichi e gli auguriamo che possa essere sospeso dal consiglio di stato il provvedimento notificato proprio nelle ultime ore. Ringraziamo il nostro coordinatore dell’ufficio del giudice di pace di roma ,il migliore che vi sia stato anche se per pochi mesi, e come gli dicevamo all’atto della presa di possesso dell’incarico che rimarrà nella storia della magistratura onoraria di pace romana ed italiana.
(diego loveri)

Intervista del Ministro Orlando a Repubblica: prima in pensione serve una giovane leva di magistrati

31 dicembre 2015

orlando16_n

Un saluto di Unità Democratica gdpo ai colleghi giudici di pace e magistrati onorari che cessano oggi dal loro mandato

31 dicembre 2015

avvocati2

Un saluto è un atto triste quando lo si dà a chi lascia ingiustamente il proprio incarico.Ed il nostro è un saluto mesto.E chi può farlo con maggiore affetto e considerazione di chi li ha difesi fino alla fine delle trattative con il Ministro della giustizia e con i parlamentari e di chi come noi continuerà a farlo anche in futuro, pur sapendo di dover affrontare una lotta impari? Vedere i colleghi, rappresentanti di tutte le altre associazioni, non difendere un principio giusto di vera e propria discriminazione nei confronti di coloro che ,anticipatamente, vengono allontanati dal loro ufficio, grazie ad un articolo 18 bis di una legge, che tutto regolamentava fuorchè la riforma della magistratura onoraria, tanto auspicata quanto irrealizzata, ci ha prodotto un’amarezza che ci intristisce e ci lascia un rimpianto di non essere riusciti a convincerli. Non ce l’abbiamo con nessuno nè con il Ministro nè con i parlamentari nè con i giovani per così dire ( dai 45 enni ai 68 enni…) giudici di pace e magistrati onorari.Ma un pensiero di riconoscenza per coloro che hanno compiuto i 72 anni quest’anno ce l’abbiamo .Molti ci scrivono e ci inviano e mail in queste ore o ci parlano definendo coloro che li hanno abbandonati con epiteti irripetibili e a chi ci chiede pareri sui loro ricorsi,lettere,esposti,ecc. rispondiamo che siamo d’accordo con loro perchè hanno subito un’ingiustizia e che preferiamo avere colleghi anziani onesti ,preparati e seri lavoratori a giovani corrotti sospesi dal servizio o allontanati per fatti vari.Per fortuna rimangono ancora in servizio colleghi bravi preparati e moralmente ineccepibili.Ma ci accorgeremo che sostenere un carico di lavoro pesante da domani ci renderà ancora più infelici, salvo per coloro che credono ancora in un arricchimento con la funzione onoraria ,che ,francamente, non è affatto il motivo che ci ha indotto ad accettare l’incarico, perchè vedranno assegnarsi i fascicoli dei cessati…Ma perchè li chiamiamo colleghi? Cosa ci lega? Molto poco. Tanto il CSM, il Ministero della Giustizia, i parlamentari ,i giudici togati professionali,l’avvocatura,i cittadini ci giudicano e continueranno a giudicarci per quello che facciamo per quello che siamo e per come ci comportiamo distinguendo sì tra di noi, ma poi mettendoci tutti in unico fascio che speriamo entro od oltre il 31 maggio dell’anno entrante non venga bruciato…(diego loveri)

“Lavoro: la crisi ha colpito più gli stranieri che i lavoratori italiani

31 dicembre 2015

immigrazione1marzo
Il tasso di disoccupazione degli stranieri, poi, è quasi raddoppiato rispetto a sei anni prima (+7,1 punti rispetto a +5,2 per gli italiani dalla nascita). L’’Istat presenta i principali risultati dell’approfondimento tematico sull’’integrazione di stranieri e naturalizzati nel mercato del lavoro, rilevato nel secondo trimestre del 2014 nell’’ambito della Rilevazione sulle forze di lavoro, con nuovi contenuti rispetto a quello realizzato nel 2008. “La ricerca di un lavoro è il motivo della migrazione in Italia per il 57% degli stranieri nati all’estero”, spiega l’Istat, aggiungendo che seguono ragioni legate ad aspetti familiari (39%), che rappresentano la spinta principale tra le donne.
Leggi il resto di questo articolo »

Quanti sono gli stranieri residenti in Italia? L’Istat fa una fotografia del Paese nel 2015

30 dicembre 2015

stranierilascianoitalia
“Il saldo migratorio – oltre 5 milioni – porta in positivo la dinamica della popolazione. Al 31 dicembre 2014 si contano in Italia 60.795.612 residenti (29.501.590 maschi e 31.294.022 femmine), solo 13 mila in piu’ rispetto all’inizio dell’anno. La ripartizione in cui si e’ registrato il maggiore incremento e’ il Centro (+0,2%), Sud e Isole risultano invece in calo. E’ il Nord-ovest l’area geografica con il maggior numero di residenti (16.138.643, 26,5% del totale). E’ la ‘fotografia’ che emerge dall’Annuario Statistico dell’Istat 2015.
Leggi il resto di questo articolo »

Non è questa l’accoglienza: MSF lascia l’hotspot di Pozzallo con una dura denuncia

30 dicembre 2015

medici

“«MSF non può prendersi cura dei pazienti, a causa di condizioni di accoglienza inadeguate e poco dignitose». In maniera secca e netta, Medici Senza Frontiere, organizzazione umanitaria premio Nobel nel 1999, attiva in molti teatri di guerra, di fuga e di crisi e che da sempre ha fatto dell’indipendenza da ogni istituzione il proprio punto di forza, ha annunciato di uscire dal Centro di Primo Soccorso e Accoglienza (ormai di fatto hot spot) e contemporaneamente la chiusura del progetto di supporto psicologico nei CAS della provincia di Ragusa. «L’organizzazione -riprende il comunicato stampa- ritiene che il centro di Pozzallo non offra le garanzie minime per una collaborazione efficace e rinnova il proprio appello alle autorità italiane affinché sviluppino risposte concrete e di lungo termine. I bisogni medici e umanitari delle persone più vulnerabili, passate attraverso condizioni durissime nel loro viaggio verso l’Europa, devono essere la priorità».
Leggi il resto di questo articolo »

Al porto di Palermo ancora uno sbarco all’insegna della solidarietà e dell’accoglienza.

29 dicembre 2015

palermo
“Oggi al porto di Palermo ancora uno sbarco all’insegna della solidarietà e dell’accoglienza. Presente il nuovo Arcivescovo della città che ha aperto le porte di alcune strutture della chiesa per oltre 130 persone, prendendo direttamente in carico i casi più vulnerabili. Davvero uno splendido inizio. Funziona ancora il coordinamento tra Comune, presente il Sindaco Orlando al porto, la Prefettura e la Questura. Non ci sono quegli sbarramenti che caratterizzano altri porti siciliani, come Catania, sede di Frontex. E ognuno contribuisce con tutte le sue energie, sia tra gli agenti istituzionali che tra i volontari.
Leggi il resto di questo articolo »

Napoli : 10 modi di conoscerla

29 dicembre 2015

napoligdp
10 cose da fare a Napoli

Il CSM del 28 dicembre 2015 sul caso del dr.Rossi

29 dicembre 2015

csm69
intervista ai membri del CSM del 28 dicembre 2015 da radioradicale.it

ESAME AVVOCATO 2015: LE ULTIME NOVITA’

29 dicembre 2015

avvocati9
” La consueta tre giorni di dicembre per gli aspiranti avvocati si è da poco conclusa ed adesso tutte le notizie e novità sull’Esame Avvocato 2015 riguarderanno la correzione degli elaborati con i pareri di civile e penale e degli atti giudiziari di civile, penale e amministrativo. La correzione dei compiti è come sempre affidate alle commissioni presso le Corti d’Appello ma per conoscere l’elenco degli aspiranti avvocati ammessi alla fase orale dovremo attendere la primavera del 2016.
Leggi il resto di questo articolo »

Medici, avvocati e negozianti: si pagherà sempre col bancomat!

29 dicembre 2015

1euro
“La norma introdotta nella legge di Stabilità 2016 sancisce l’obbligo per professionisti ed esercenti di accettare pagamenti elettronici senza limiti di importo
– Dal 1° gennaio, tutti i professionisti e i commercianti dovranno dotarsi di Pos, per consentire ai propri clienti di pagare tramite bancomat qualsiasi importo. La novità è stata introdotta dalla legge di Stabilità 2016 che, se da una parte ha innalzato la soglia dei pagamenti cash (da mille a tremila euro, salvo che per i money transfer e i pagamenti della P.A.), dall’altra ha rafforzato l’obbligo già esistente per negozianti e professionisti vari (dai medici agli avvocati, passando per i commercialisti) di attrezzarsi con strumenti idonei a ricevere i pagamenti in modalità elettronica (tramite bancomat e carte di credito), estendendolo anche (a partire però dall’1 luglio 2016) ai dispositivi di controllo di durata della sosta.
Leggi il resto di questo articolo »

Giudici di pace: a Chieti Renzi va in pensione

29 dicembre 2015

gdp
“CHIETI. Il giudice di pace coordinatore, dell’Ufficio circondariale di Chieti, il dottor Renzo Renzi, ha tenuto la sua ultima udienza civile il 21 dicembre scorso. Alla fine di dicembre infatti Renzi lascerà l’Ufficio di piazza Malta a seguito della riforma della pubblica amministrazione che ha disposto l’abbassamento dell’età pensionabile dei magistrati da 75 a 72 anni di età. Renzo Renzi ha coordinato l’Ufficio dal 2012, subentrando al giudice Giuseppe de Tiberiis, ma ha prestato servizio in qualità di giudice di pace presso l’Ufficio di Chieti sin dal 2001
Lascia l’Ufficio circondariale dopo aver diretto una fase delicata dell’amministrazione della giustizia teatina, ovvero le operazioni di accorpamento degli uffici soppressi del circondario, cioè Francavilla al Mare, Ortona, Orsogna, Guardiagrele e Lama dei Peligni.
Leggi il resto di questo articolo »

Storie da un lager: un libro bianco sul CPT “Serraino Vulpitta” di Trapani

29 dicembre 2015

cieditrapani
“Storie da un lager: un libro bianco sul CPT “Serraino Vulpitta” di Trapani
tratto da Indymedia Sicilia
Il Centro di permanenza temporanea di Trapani é il primo ad essere aperto in Italia e viene inaugurato nel luglio del 1998 nei locali della Casa di Riposo per Anziani “Rosa Serraino Vulpitta” alla presenza del capo della polizia Masone e del sottosegretario agli interni Sinisi. Viene celebrato come “il fiore all’occhiello” del Ministero degli Interni.
Da subito però si verificano rivolte, tentativi di fuga, episodi di autolesionismo da parte degli immigrati trattenuti. Il clima é di continua, altissima tensione.
Nella notte fra il 28 e il 29 dicembre del 1999, dopo l’ennesimo tentativo di fuga, uno degli immigrati appicca il fuoco ad alcuni materassi in una camerata. E’ l’inferno.
Nel rogo muoiono bruciati vivi tre giovani tunisini, altri tre moriranno in ospedale a causa delle ustioni riportate: Rabah, Nashreddine, Jamel, Ramsi, Lofti e Nasim.
Leggi il resto di questo articolo »

Se l’assicurato si costituisce in causa l’assicurazione gli paga le spese legali :anche il gdp 72 enne iscritto all’associazione se fa causa al Ministero della Giustizia o al CSM l’associazione dovrà pagare le spese legali?

26 dicembre 2015

innaffiatoreinnaffiato
Nel pubblicare l’articolo relativo all’assicurazione per la responsabilità civile e la disciplina dell’indennizzo diretto nel caso di lite giudiziale sottolineamo che anche in materia di associazionismo dei magistrati onorari di pace nel caso di coloro, gdp got e vpo, iscritti alle rispettive associazioni,che avendo compiuto nel 2015 i 72 anni et ultra tra qualche giorno cessano dalle loro funzioni,avrebbero diritto al risarcimento delle spese legali che dovrebbero essere anticipate e pagate dalle stesse associazioni ,non avendo le stesse chiesto una proroga per gli stessi iscritti ultra 72 enni nella propria piattaforma sindacale.E’ peraltro discutibile che le stesse associazioni pubblicizzino i nominativi dei legali ai quali rivolgersi per intentare delle cause per dei motivi che essi stessi non hanno voluto difendere in sede sindacale….
Leggi il resto di questo articolo »

Terrorismo: 2300 i soldati al lavoro a Natale per la sicurezza del Giubileo

26 dicembre 2015

ciemilo
Terrorismo: 2300 i soldati al lavoro a Natale per la sicurezza del Giubileo
L’operazione Strade Sicure vede in campo 9mila soldati in Patria e all’estero. Gli auguri di Natale del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito…
Leggi il resto di questo articolo »

È Giovanni Canzio il nuovo primo presidente della Cassazione. Lo ha eletto il plenum del Csm

26 dicembre 2015

canzio
Unità Democratica Giudici di Pace ed Onorari Augura al dr. Giovanni Canzio neo primo presidente della Cassazione ,con il quale si complimenta per la nomina, di poter svolgere la sua alta funzione oltre la fine dell’anno 2016 (in quanto nato nel 1945) essendo favorevole Udgdpo alla proroga ancora di altri anni per tutti coloro (giudici togati,gdp,got e vpo) che non hanno compiuto i 75 anni o che comunque non abbiano ancora 72 anni. Udgdpo saluta calorosamente il primo presidente della Cassazione dr.Giorgio Santacroce che il 31 dicembre p.v. cesserà dalle funzioni.
Leggi il resto di questo articolo »

Targhe alterne: a Roma in sei giorni multate 1100 auto su 6000 controllate. E ritornano anche il 28 e 29 dicembre p.v.

24 dicembre 2015

fasciaverde
“Targhe alterne: in sei giorni multate 1100 auto su 6000 controllate
I dati forniti dal comando della Polizia Locale delle sanzioni effettuate nei tre blocchi disposti a dicembre. Smog, le targhe alterne non bastano: dopo Natale Roma rischia il blocco totale
Natale, è allarme shopping tra i negozianti: i romani evitano il centro storico
Più di mille e cento auto non hanno rispettato il blocco del traffico nei sei giorni di targhe alterne disposti per il mese di dicembre. Dal comando della Polizia Locale arrivano i dati su multe e controlli effettuati il 4 e 5, il 17 e 18, il 21 e 22 dicembre: su un totale di 6023 veicoli fermati, 1132 non avevano la targa che consentiva la circolazione, quasi 200 al giorno. Ricordiamo che le sanzioni amministrative previste variano da 84 a 335 euro.
Leggi il resto di questo articolo »

La legge di stabilità 2016 ha stabilito la riduzione dei compensi dei magistrati onorari (giudici di pace, giudici onorari aggregati, giudici onorari di tribunale e vice procuratori onorari)

24 dicembre 2015

giudicipoveri
La legge di stabilità 2016 ha stabilito la riduzione dei compensi dei magistrati onorari (giudici di pace, giudici onorari aggregati, giudici onorari di tribunale e vice procuratori onorari), in modo da conseguire un risparmio minimo di spesa di 6,65 mln nel 2016 e 7,55 mln a decorrere dal 2017 (comma 609);
Legge di Stabilità 2016 – quadro di sintesi
Leggi il resto di questo articolo »

Riforma della giustizia: Renzi, che fine ha fatto?

23 dicembre 2015

istatgiustizia
Pubblichiamo il sottostante articolo da Il Fatto Quotidiano perchè, pur non condividendolo ,riteniamo che costituisca un contributo per un utile dibattito sui temi attuali della giustizia, che certamente generano numerosi interrogativi su recenti scelte sbagliate ,che non tengono conto di una necessaria saggezza e di una lungimiranza giuridica, cardini di un’auspicata rivoluzione nella giustizia ,che è proprio uno degli anelli più deboli dell’attuale assetto governativo italiano.(d.l.)
|
“Il “Bomba” si era appena insediato, oramai quasi due anni fa, che subito annunciò con il suo Guardasigilli nuovo di zecca a fianco: “Ed entro giugno avremo la riforma della Giustizia!”. Ricordo ancora di aver osservato in quell’istante la deglutizione multipla di Orlando, il quale a sua insaputa apprendeva or ora che il suo delicatissimo Ministero della Giustizia sarebbe stato investito dal ciclone di una riforma tanto necessaria quanto delicata.

Leggi il resto di questo articolo »

Approvata definitivamente la Legge di Stabilità 2016: proroga al 31 maggio 2016 ma non per i 72 enni gdp got e vpo

23 dicembre 2015

PARLAMENTO
Risolto il problema interpretativo del comma 347 della legge di stabilità 2016 approvata definitivamente dal Senato nella seduta pomeridiana del 22 dicembre u.s.: nessuna proroga per i 72-74 enni giudici di pace che cessano quindi dall’incarico il 31 dicembre 2015 creando seri problemi in tutte le sedi degli uffici dei giudici di pace dove ,come nel caso di Napoli,Roma,Milano ,ecc. centinaia di giudici di pace termineranno le funzioni, lasciando posti anche di responsabilità organizzativa, come quelli di coordinatore dell’ufficio del giudice di pace, senza che sia stata approvata la riforma della magistratura onoraria, che prevederà il coordinamento degli uffici dei giudici di pace affidato direttamente ai presidenti dei tribunali. Ci rammarichiamo che le istanze di Unità Democratica Giudici di Pace ed Onorari rivolte a lasciare il limite di età in vigore fino alla fine di quest’anno non siano state accolte.Alla fine dell’anno prossimo sono previste,inoltre, le cessazioni dagli incarichi dei 70-71 enni e dal 2017 cesseranno i 68 enni mentre con la riforma a regime anche i 65 enni…nonostante i giudici tributari ,i giudici dei tribunali dei minorenni ,i giudici ausiliari delle corti di appello,ecc. potranno svolgere incarichi fino a 75 anni ed oltre…Alla faccia della discriminazione ,che la Convenzione Europea dei diritti umani all’art.14 sanziona pesantemente…(diego loveri)

Dubbi interpretativi dopo l’approvazione della Camera dei Deputati della legge di stabilità 2016 in relazione alla proroga dei gdp got e vpo almeno 72enni

21 dicembre 2015

Dubbi interpretativi rimangono dopo l’approvazione della Camera dei Deputati della legge di stabilità 2016 ,che dovrà essere definitivamente approvata dal Senato da domani in poi, in relazione alla proroga dei gdp got e vpo ,almeno 72enni al 31/12/2015 ,in quanto il comma 347 del ddl approvato così recita:”i got ed i vpo il cui mandato scade il 31/12/2015 ,e per i quali non è consentita un’ulteriore conferma a norma dell’art.42 quinquies primo comma dell’ordinamento giudiziario,di cui al R.D. 30 gennaio 1941 n.12 ,
Leggi il resto di questo articolo »

Senato: il 22 dicembre p.v. discute la legge di stabilità 2016 per l’approvazione definitiva dopo il varo positivo della Camera

21 dicembre 2015

senato3

ORDINE DEL GIORNO
Martedì 22 dicembre 2015
alle ore 9,30
556a Seduta Pubblica
I. Seguito della discussione sulla proposta di modifica al calendario dei lavori
II. Discussione dei disegni di legge:
1. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016) (Approvato dal Senato; ove modificato dalla Camera dei deputati) (Votazione finale con la presenza del numero legale) (2111-B)
2. Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2016 e bilancio pluriennale per il triennio 2016-2018 (Approvato dal Senato; ove modificato dalla Camera dei deputati) (Votazione finale con la presenza del numero legale) (2112-B)
testo della legge di stabilità 2016

Plenum del CSM del 16 dicembre 2015 sulla magistratura onoraria

21 dicembre 2015

«Mancano coperte e servono avvocati per i migranti» ad Agrigento

19 dicembre 2015

migrantiacatania
«Mancano coperte e servono avvocati per i migranti», il grido d’allarme della Caritas agrigentina
Coperte e avvocati. Queste sono le esigenze più pressanti in atto per le decine di migranti che in questi giorni, dopo aver ricevuto il foglio di respingimento e la richiesta di auto rimpatriarsi entro una settimana, si trovano a vagare per le vie della Città dei templi

Leggi il resto di questo articolo »

Depenalizzazione: cosa prevede il decreto? Sanzioni e reati cancellati

19 dicembre 2015

leggi

“I due decreti legislativi sulla depenalizzazione di alcuni reati sono stati approvati dal Governo e dalle commissioni Giustizia di Camera e Senato. Cosa prevedono? Quali sono i reati cancellati?
Hanno ottenuto il via libera delle commissioni Giustizia di Camera e Senato i due decreti legislativi sulla depenalizzazione di alcuni reati, già approvati in precedenza dal Consiglio dei Ministri.
I due schemi di decreto contengono disposizioni circa l’abrogazione di alcuni reati e la trasformazione di altri in illeciti amministrativi.
Lo scopo è quello di ridurre il carico del sistema processuale e introdurre delle sanzioni che, essendo certe e comminate in tempi più rapidi, funzionerebbero meglio da deterrente rispetto alla minaccia di processi lunghi e costosi che molto spesso si concludono con un nulla di fatto a causa della prescrizione o di errori procedurali.
Vediamo di seguito cosa prevedono entrambi i decreti sulla depenalizzazione e l’abrogazione dei reati e quali sono i reati che verranno cancellati.
Leggi il resto di questo articolo »