Il Coordinamento nazionale dell’Area DG sui risultati delle elezioni per il rinnovo del CSM


AreaDG sui risultati delle elezioni per il rinnovo del CSM
Abbiamo affrontato una campagna elettorale difficile, ad esito della quale sono stati eletti al C.S.M. Giuseppe Cascini per la categoria requirenti, Alessandra Dalmoro, Giovanni Zaccaro e Mario Suriano per la categoria merito. A loro esprimiamo i nostri più affettuosi auguri per l’impegnativo lavoro che li attende.
AreaDG conferma i dati delle scorse elezioni, cioè oltre 2200 voti per il collegio di magistrati con funzioni giudicanti e oltre 1900 per il collegio dei magistrati con funzioni requirenti, pur vedendo una diminuzione in termini di seggi, dovuta al sistema elettorale penalizzante e ad una campagna elettorale che, specie per la categoria di legittimità, è stata fortemente influenzata dal contesto politico generale del Paese e dalla presenza di un candidato particolarmente noto, il cui credito e successo personali non hanno avuto però corrispondenza nel risultato complessivo del suo stesso gruppo.
E’ stata una campagna elettorale complessa che ha visto impegnati tutte le nostre candidate e tutti i nostri candidati con passione ed energia. A loro va il nostro più profondo ringraziamento.

Particolare gratitudine esprimiamo per la nostra candidata di legittimità Rita Sanlorenzo e per il candidato della categoria merito Bruno Giangiacomo, per l’enorme lavoro fatto durante la campagna elettorale, rammaricandoci per un risultato che sicuramente non esprime il loro alto e riconosciuto valore personale e professionale.
Un sentito e caloroso ringraziamento rivolgiamo infine a tutti i magistrati che con il loro voto hanno dato fiducia ai candidati ed al gruppo di AreaDG.
A loro chiediamo di continuare ad accompagnarci nel percorso che è appena iniziato per la attuazione del nostro programma di cambiamento del CSM e di rilancio del gruppo, che è e si conferma punto di riferimento della magistratura progressista.
Il Coordinamento nazionale di AreaDG

FacebookTwitterGoogle+EmailTelegramShare

I Commenti sono chiusi