Raid razzista a Macerata: spari in centro città, 6 africani feriti


In seguito al grave accaduto di Macerata non si può rinunciare a pubblicare la notizia veramente allarmante, che denota la radicalizzazione delle reazioni xenofobe, che in Italia si susseguono purtroppo da qualche tempo, destinate ad incrementarsi se non si arresterà il clima di “caccia allo straniero irregolare”, pur essendovi attualmente una legislazione in Italia che permette un ‘automatica espulsione susseguente al mancato possesso di permesso di soggiorno o al non riconoscimento di status di rifugiato di cittadini di paesi terzi presenti nel territorio nazionale o al non possesso di altri requisiti previsti dal T.U.dell’immigrazione…

” Assalto xenofobo con saluto fascista Raid razzista a Macerata: spari in centro città, 6 africani feriti. Fermato un italiano incensurato L’autore della sparatoria è originario di Corridonia. Nel 2017 si era candidato con la Lega. Il ministro dell’Interno, Minniti: “Iniziativa criminale individuale e preparata” . Sono tutti africani di età compresa tra i 22 e i 35 anni di età i sei feriti nella sparatoria di oggi a Macerata. Cinque uomini e una donna, che provengono da Mali Ghana e Nigeria. Sono ricoverati all’ospedale locale.
Nessuno di loro è in pericolo di vita. Sono, tutti, stati raggiunti da colpi di arma da fuoco questa mattina tra le 11 e le 12.30 mentre passeggiavano per le vie cittadine. A sparare, il neofascista , 28 anni e incensurato, già candidato della Lega alle elezioni comunali del 2017 a Corridonia, vicino Macerata. E’ stato bloccato dalle forze dell’ordine e ora viene interrogato degli inquirenti. Dopo gli spari fa il saluto romano e grida “Viva l’Italia” Quando è stato bloccato dai Carabinieri,xxx è stato trovato in possesso di una pistola e ha ammesso le proprie responsabilità. E’ stato bloccato in piazza della Vittoria, dinanzi al Monumento ai Caduti. E’ sceso dall’auto, si è tolto il giubbetto, ha indossato una bandiera tricolore sulle spalle, salendo sui gradini del Monumento. Si è poi girato verso la piazza e ha fatto il saluto fascista. All’arrivo dei Carabinieri non ha opposto resistenza. A bordo dell’auto, un’Alfa Romeo 147 nera, c’era la pistola, una tuta mimetica, piume bianche, appunti a penna e bottiglie d’acqua. Nel 2017 candidato con la Lega Traini è stato candidato alle elezioni amministrative del 2017 a Corridonia, nelle Marche, con la Lega Nord. In un manifesto elettorale, appare insieme al candidato sindaco della Lega Nord per Corridonia che presenta la sua nuova squadra. Si tratta della tornata elettorale dell’11 giugno scorso. Nel programma, anche “il controllo degli extracomunitari”. Il “detonatore” potrebbe essere stato il caso di Pamela .Il detonatore per un giovane estremista da tempo pronto ad esplodere. Questo potrebbe essere stata la vicenda di Pamela Mastropietro per xxx. Per gli investigatori non ci sono collegamenti tra i due, ma la vicinanza temporale e geografica fra la morte orrenda della 18/enne romana – accusato un nigeriano – e il tiro al bersaglio contro i ‘neri’ del 28/enne marchigiano forte. xxx ha un passato lontano di famiglia disastrata e uno recente da candidato della Lega a Corridonia, nel Maceratese, alle comunali dello scorso anno. Chi lo conosce parla di una progressiva radicalizzazione a destra in una vita solitaria e disperata, a farsi i muscoli in palestra e a professare idee violente. Nato a Tolentino, nella stessa provincia, “è stato abbandonato dal padre quando era molto piccolo e la madre l’ha mandato via in anni recenti”, racconta l’amico . Titolare delle palestre frequentate negli ultimi dieci anni dal ragazzo, lo ha allontanato dall’ultima, a Tolentino: “A ottobre – ricorda – perché faceva il saluto romano e battute razziste”. E aveva da tempo la pistola – regolarmente denunciata – che ha usato per ferire i sei migranti africani, accecato dall’odio razziale. Un’idea che sembrava ossessionarlo. Tipo “border line” Nelle foto su Facebook, xxx appare rasato a zero, tatuato il simbolo di Terza Posizione, neofascisti anni ’70-’80. Un video delle comunali a Corridonia a giugno 2017 a pochi metri dal leader della Lega Matteo Salvini. “In passato era stato vicino a Forza Nuova e CasaPound”, dice xxx, “gli hanno inculcato idee violente”. Pochi lavoretti e sempre per breve tempo: buttafuori, vigilante, manovale soprattutto. xxx viveva con la nonna a Tolentino. “Qualche anno fa aveva una ragazza – aggiunge il proprietario della palestra -; da quando si son lasciati è diventato così”. Era stato anche da uno psichiatra. Diagnosi: tipo border line. Il confine lo ha scavalcato stamani in centro a Macerata, cercando ‘neri’ da colpire e sparando anche su una sede del Pd. I rivali alle comunali, “il controllo degli extracomunitari” nel programma del candidato sindaco della Lega con il quale si era presentato il giovane. xxx aveva preso zero voti. “Non aveva nemmeno amici”, dice . Una solitudine frustrata che lo ha portato a sfiorare la strage, per poi consegnarsi in maniera teatrale, tra tricolori, saluti romani e monumento ai caduti. I camerati di Forza Nuova promettono sostegno legale al ‘lupo solitario’ dell’estremismo razzista di provincia. “(fonte:rainews.it)

FacebookTwitterGoogle+EmailTelegramShare

I Commenti sono chiusi