Rubrica CSM : Plenum del 25 luglio 2018 all’odg le delibere relative alla Magistratura Onoraria


“OTTAVA COMMISSIONE
COMMISSIONE PER LA MAGISTRATURA ONORARIA ORDINE DEL GIORNO – SPECIALE A
INDICE
Odg n. 2322 – speciale A del 25 luglio 2018
La Commissione propone, all’unanimità, l’adozione delle seguenti delibere:
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI DI PACE””

A) Avviso legale


L’intero testo pubblicato è conforme a quanto già pubblicato nel sito www.csm.it alla quale fonte si rinvia per ogni riferimento o citazione di fatti e/o generalità di soggetti ivi indicati e ci si esonera da qualsiasi responsabilità relativa ai sensi della vigente legislazione.

“1) – 202/GP/2018 – Nota in data 5 aprile 2018 del Presidente del Tribunale di Venezia avente ad oggetto: segnalazione di impossibilità di funzionamento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Chioggia.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 5 aprile 2018 del Presidente del Tribunale di Venezia con cui si segnala l’impossibilità di funzionamento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Chioggia per la carenza di personale amministrativo assegnato;
– considerato che l’argomento esula dalle attribuzioni specifiche del Consiglio Superiore della Magistratura;
d el i b era
il non luogo a provvedere, trattandosi di argomento di competenza del Ministero della
Giustizia, già destinatario della nota in oggetto.
2) – 948/GP/2017 – Dott.ssa Federica POLI CAMAGNI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di BOLOGNA.
Nota in data 17 ottobre 2017 del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona relativa al procedimento penale n. 2744/17 R.G.N.R. riguardante il predetto giudice di pace.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
1

75
– vista la nota in data 17 ottobre 2017 del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona con cui si trasmette copia degli atti e della richiesta di archiviazione del procedimento penale n. 2744/17 R.G.N.R. riguardante la dott.ssa Federica POLI CAMAGNI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di BOLOGNA;
– rilevato che in data 9 maggio 2018 è stato disposto di richiedere al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Ancona informazioni sull’esito del suindicato procedimento penale;
– vista la successiva nota in data 5 giugno 2018 del medesimo Procuratore della Repubblica con cui si trasmette copia del provvedimento di archiviazione emesso il 7 marzo 2018 dal G.I.P. presso il Tribunale di Ancona;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
3) – 109/GP/2018 – Dott. Martino SPORTELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di MARTINA FRANCA (circondario di Taranto).
Nota in data 9 gennaio 2018 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Potenza relativa al procedimento penale n. 5071/17- 21 riguardante il predetto giudice di pace.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 9 gennaio 2018 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Potenza con cui si trasmette copia dell’informativa del Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il locale Tribunale relativa al procedimento penale n. 5071/17-21 riguardante il dott. Martino SPORTELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di MARTINA FRANCA (circondario di Taranto);
– vista la successiva nota in data 13 febbraio 2018 con cui il medesimo Procuratore Generale della Repubblica trasmette copia della richiesta in data 26 marzo 2018 di archiviazione del procedimento nonché il conforme decreto emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Potenza il 12 aprile 2018;
2

76
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
4) – 327/GP/2018 – Dott. Pasquale REGINA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TRANI.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 11 giugno 2018 con la quale il dott. Pasquale REGINA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TRANI, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116, secondo cui “Il magistrato onorario decade dall’incarico … per dimissioni volontarie…”;
d el i b era
di prendere atto delle dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Pasquale REGINA dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede
di TRANI.
5) – 323/GP/2018 – Nota in data 15 novembre 2017 del Presidente della Corte di Appello di Torino, avente ad oggetto: “Segnalazione del Consiglio Ordine Avvocati di Ivrea di inadeguatezza dell’organico dei Giudici di Pace della stessa Città”.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 15 novembre 2017 del Presidente della Corte di Appello di Torino, con cui fa richiesta di disporre l’aumento dell’organico dei Giudici di Pace di Ivrea di almeno cinque unità, a seguito della nota in data 9 novembre 2017 del Presidente del Tribunale di Ivrea.
3

77
– considerato che l’argomento esula dalle attribuzioni spe-cifiche del Consiglio Superiore della Magistratura;
d el i b era
il non luogo a provvedere, trattandosi di argomento di competenza del Ministero della
Giustizia, già destinatario delle note in oggetto.
4

78
COMPONENTI PRIVATI
6) – 25/CP/2018 – Dott. Francesco MALVASI, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di POTENZA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 24 maggio 2018 con la quale la dott.ssa Francesco MALVASI, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Potenza, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione del dott. Francesco MALVASI dall’ufficio di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di
POTENZA.
7) – 26/CP/2018 – Dott. Giovanni TAMMARO, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Napoli.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 24 maggio 2018 con la quale il dott. Giovanni TAMMARO, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Napoli, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
5

79
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione del dott. Giovanni TAMMARO dall’ufficio di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di NAPOLI.
8) – 21/CP/2018 – Dott.ssa Ernestina POLITI, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di MILANO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 8 giugno 2018 del Presidente del Tribunale per i minorenni di Milano con la quale si trasmette istanza, in data 29 gennaio 2017, con cui la dott.ssa Ernestina POLITI, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Milano, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione della dott.ssa
Ernestina POLITI dall’ufficio di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di MILANO.
9) – 22/CP/2018 – Dott.ssa Manuela DI ROSA, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di MILANO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 8 giugno 2018 del Presidente del Tribunale per i minorenni di Milano con la quale si trasmette istanza, in data 13 giugno 2017, con cui la dott.ssa Manuela DI ROSA, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Milano, rassegna le dimissioni dall’incarico;
6

80
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione della dott.ssa Manuela DI ROSA dall’ufficio di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di MILANO.
10) – 23/CP/2018 – Dott. Antonio RAMELLA, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di MILANO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 8 giugno 2018 del Presidente del Tribunale per i minorenni di Milano con la quale si trasmette istanza, in data 28 giugno 2017, con cui il dott. Antonio RAMELLA, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Milano, rassegna le dimissioni dall’incarico; – visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione del dott. Antonio RAMELLA dall’ufficio di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di
MILANO.
11) – 24/CP/2018 – Dott. Marco Fabio SIVIERO, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di MILANO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 8 giugno 2018 del Presidente del Tribunale per i minorenni di Milano con la quale si trasmette istanza, in data 15 gennaio 2018, con cui il dott. Marco Fabio
7

81
SIVIERO, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Milano, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione del dott. Marco Fabio SIVIERO dall’ufficio di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di
MILANO.
12) – 27/CP/2018 – Dott. Francesco MARCHIANO’, consigliere onorario della Sezione per i minorenni della Corte di Appello di TORINO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 8 giugno 2018 con la quale il dott. Francesco MARCHIANO’, consigliere onorario della Sezione per i minorenni della Corte di appello di Torino, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione del dott. Francesco MARCHIANO’ dall’ufficio di consigliere onorario della Sezione per i minorenni
della Corte di Appello di TORINO.
8

82
ESPERTI DI SORVEGLIANZA
13) – 28/ES/2018 – Dott.ssa Rossana SICILIANO, nominata esperto del Tribunale di sorveglianza di NAPOLI, per il triennio 2017-2019.
Rinuncia all’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 21 giugno 2018 del Presidente del Tribunale di sorveglianza di Napoli con la quale si trasmette la rinuncia all’incarico presentata in data 18 giugno 2018 dalla dott.ssa Rossana SICILIANO, nominata esperto del Tribunale di sorveglianza di Napoli con delibera consiliare del 26 aprile 2018;
d el i b era
di prendere atto della rinunzia all’incarico di esperto del Tribunale di sorveglianza di NAPOLI, per il triennio 2017-2019, della dott.ssa Rossana SICILIANO e, conseguentemente, di revocare la delibera consiliare in data 26 aprile 2018 nella sola parte in cui quest’ultima
disponeva la nomina della stessa.
9

83
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI ONORARI DI TRIBUNALE
14) – 440/GT/2018 – Dott.ssa Raffaella TRAMONTANO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 10 giugno 2016 dalla dott.ssa Raffaella TRAMONTANO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 15 marzo 2018 dal Presidente del Tribunale ordinario di Napoli;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 16 aprile 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Napoli;
10

84
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Raffaella TRAMONTANO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
NAPOLI, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
15) – 441/GT/2018 – Dott. Nicola INDOLFI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI NORD IN AVERSA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 27 giugno 2016 dal dott. Nicola INDOLFI , giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI NORD IN AVERSA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari
11

85
in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 1° febbraio 2018 dal Presidente del Tribunale ordinario di Napoli Nord in Aversa;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 16 aprile 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Napoli;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
– considerato peraltro che, ai sensi dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 92 del 2016 citato, l’incarico di magistrato onorario cessa in ogni caso al compimento del sessantottesimo anno di età;
d el i b era
di confermare, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Nicola INDOLFI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI NORD IN AVERSA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e
fino al compimento del sessantottesimo anno di età (21 gennaio 2019).
16) – 442/GT/2018 – Dott. Gianfranco CARDINALE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di AVELLINO.
12

86
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 29 giugno 2016 dal dott. Gianfranco CARDINALE , giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di AVELLINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Avellino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 16 aprile 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Napoli;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di
13

87
verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Gianfranco CARDINALE nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
AVELLINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
17) – 444/GT/2018 – Dott.ssa Annamaria CICALA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di AVELLINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 28 giugno 2016 dalla dott.ssa Annamaria CICALA , giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di AVELLINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
14

88
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Avellino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 16 aprile 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Napoli;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Annamaria CICALA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
AVELLINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
18) – 474/GT/2018 – Dott.ssa Giuseppina ZAPPA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 4 giugno 2018 con la quale la dott.ssa Giuseppina ZAPPA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Napoli, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
15

89
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Giuseppina ZAPPA dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
19) – 476/GT/2018 – Dott. Domenico VALLE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 24 maggio 2018 con la quale il dott. Domenico VALLE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Napoli, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Domenico VALLE dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del
Tribunale ordinario di NAPOLI.
20) – 478/GT/2018 – Dott.ssa Gerardina RODA’, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 12 giugno 2018 con la quale la dott.ssa Gerardina RODA’, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Napoli, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
16

90
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Gerardina RODA’ dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
21) – 479/GT/2018 – Dott.ssa Annunziata PIRO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di BENEVENTO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 14 giugno 2018 con la quale la dott.ssa Annunziata PIRO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Benevento, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Annunziata PIRO dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale
ordinario di BENEVENTO.
22) – 475/GT/2018 – Dott. Francesco BIANCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di AREZZO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 30 maggio 2018 con la quale il dott. Francesco BIANCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Arezzo, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
17

91
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Francesco BIANCHI dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di AREZZO.
23) – 398/GT/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici onorari del Tribunale ordinario di POTENZA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUCCI)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici onorari del Tribunale ordinario di POTENZA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai giudici onorari dott. Michele DI IESU, dott. Giuseppe LOMONACO e dott. Luigi VERARDI.
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati giudici onorari, redatti dal Presidente del Tribunale ordinario di Potenza;
18

1. 2. 3.
dott. Michele DI IESU;
dott. Giuseppe LOMONACO; dott. Luigi VERARDI.
92
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espressi in data 11 aprile 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Potenza;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dai giudici onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei giudici onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti giudici onorari di pace in servizio come giudici onorari del Tribunale ordinario di Potenza, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con
scadenza il 31 maggio 2020:
24) – 445/GT/2018 – Dott. Nicola CIANCIARUSO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di LECCO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata dal dott. Nicola CIANCIARUSO, giudice onorario di pace in servizio come
19

93
giudice onorario del Tribunale ordinario di LECCO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecco;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 8 maggio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Nicola CIANCIARUSO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di LECCO,
a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
20

94
25) – 477/GT/2018 – Dott. Michele MONGELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di FOGGIA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 22 maggio 2018 con la quale il dott. Michele MONGELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Foggia, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Michele MONGELLI dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del
Tribunale ordinario di FOGGIA.
26) – 446/GT/2018 – Dott.ssa Vanessa AVOLIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CASTROVILLARI.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 25 giugno 2016 dalla dott.ssa Vanessa AVOLIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CASTROVILLARI, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
21

95
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario redatto in data 19 febbraio 2018 dal Presidente del Tribunale ordinario di Castrovillari;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 16 maggio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Vanessa AVOLIO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
CASTROVILLARI, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
27) – 447/GT/2018 – Dott.ssa Carmela DELLA MURA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CASTROVILLARI.
22

96
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 25 giugno 2016 dalla dott.ssa Vanessa AVOLIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CASTROVILLARI, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario redatto in data 19 febbraio 2018 dal Presidente del Tribunale ordinario di Castrovillari;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 16 maggio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di
23

97
verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Carmela DELLA MURA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
CASTROVILLARI, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
28) – 452/GT/2018 – Dott. Leonardo FAVA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, presentata in data 9 giugno 2016 dal dott. Leonardo FAVA, giudice onorario di pace già in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
24

98
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 16 aprile 2018 dal Presidente del Tribunale ordinario di Ancona;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 16 maggio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Ancona ;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Leonardo FAVA nell’incarico di giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza
il 31 maggio 2020.
29) – 454/GT/2018 – Dott. Lamberto GIUSTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, presentata in data 9 giugno 2016 dal dott. Lamberto GIUSTI, giudice onorario di pace già in servizio come
25

99
giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 16 aprile 2018 dal Presidente del Tribunale ordinario di Ancona;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 18 aprile 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Ancona ;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Lamberto GIUSTI nell’incarico di giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza
il 31 maggio 2020.
26

100
30) – 455/GT/2018 – Dott.ssa Patrizia PIETRACCI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, presentata in data 9 giugno 2016 dalla dott.ssa Patrizia PIETRACCI, giudice onorario di pace già in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 16 aprile 2018 dal Presidente del Tribunale ordinario di Ancona;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 16 maggio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Ancona ;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed
27

101
ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Patrizia PIETRACCI nell’incarico di giudice onorario del Tribunale ordinario di ANCONA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con
scadenza il 31 maggio 2020.
31) – 464/GT/2018 – Dott.ssa Viviana FAZZINI, giudice onorario del Tribunale ordinario di MACERATA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 9 giugno 2016 dalla dott.ssa Viviana FAZZINI, giudice onorario del Tribunale ordinario di MACERATA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
28

102
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 30 settembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Macerata;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 1° marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Ancona ;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Viviana FAZZINI nell’incarico di giudice onorario del Tribunale ordinario di MACERATA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e
con scadenza il 31 maggio 2020.
32) – 469/GT/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici onorari del Tribunale ordinario di LOCRI, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
29

103
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici onorari del Tribunale ordinario di LOCRI, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai giudici onorari dott. Emanuele DEIDDA, dott.ssa Giuliana Maria Rosaria RANIERI, dott. Enrico RIZZO, dott. Elena BOVA, dott.ssa Loredana REGGIO e dott.ssa Antonella LUPIS;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati giudici onorari, redatti in data 4 maggio 2017 dal Presidente del Tribunale ordinario di Locri;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espressi in data 14 dicembre 2017, 8 febbraio 2018 e 22 febbraio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Reggio Calabria;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dai giudici onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei giudici onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dai giudici onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione
30

104
autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei giudici onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti giudici onorari di pace in servizio come giudici onorari del Tribunale ordinario di LOCRI, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con
scadenza il 31 maggio 2020:
1. dott. Emanuele DEIDDA;
2. dott.ssa Giuliana Maria Rosaria RANIERI;
3. dott. Enrico RIZZO;
4. dott. Elena BOVA;
5. dott.ssa Loredana REGGIO;
6. dott.ssa Antonella LUPIS.
31

105
GIUDICI AUSILIARI DI CORTE DI APPELLO
33) – 54/AC/2018 – Dott. Roberto MENNITI, giudice ausiliario della Corte di Appello di VENEZIA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 5 giugno 2018 con la quale il dott. Roberto MENNITI, giudice ausiliario della Corte di Appello di Venezia, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 71, commi 1 e 5, del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98;
– visto l’art. 14, punto 1, lettera c), della circolare consiliare Prot. P-17202/2014 del 24 ottobre 2014;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott.
Roberto MENNITI dall’ufficio di giudice ausiliario della Corte di Appello di VENEZIA.
34) – 55/AC/2018 – Dott. Raffaele SANTORO, giudice ausiliario della Corte di Appello di ROMA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– lette le note in data 5 e 11 giugno 2018 con le quali il dott. Raffaele SANTORO, giudice ausiliario della Corte di Appello di Roma, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 71, commi 1 e 5, del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98;
– visto l’art. 14, punto 1, lettera c), della circolare consiliare Prot. P-17202/2014 del 24 ottobre 2014;
32

106
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott.
Raffaele SANTORO dall’ufficio di giudice ausiliario della Corte di Appello di ROMA.
33

107
VICE PROCURATORI ONORARI
35) – 340/VP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di TREVISO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di TREVISO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92; – viste le domande di conferma presentate dai vice procuratori onorari dott.ssa Elena CONTARINI, dott.ssa Francesca DE NARDI, dott.ssa Francesca FRANCESCHINI, dott.ssa Eloisa GALLUPPI, dott.ssa Rosetta LICCIARDELLO, dott.ssa Paola LOPRIENO, dott. Umberto MAURO, dott.ssa Daniela OPPI, dott.ssa Francesca RICCIARDI e dott.ssa Maria Cristina SANVITALE;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati vice procuratori onorari, redatti dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Treviso;
34

giugno 1.
2.
3.
4. 5. 6. 7. 8. 9. 10.
2016 e con scadenza il 31 maggio 2020: dott.ssa Elena CONT ARINI;
dott.ssa Francesca DE NARDI;
dott.ssa Francesca FRANCESCHINI; dott.ssa Eloisa GALLUPPI;
dott.ssa Rosetta LICCIARDELLO; dott.ssa Paola LOPRIENO;
dott. Umberto MAURO;
dott.ssa Daniela OPPI;
dott.ssa Francesca RICCIARDI; dott.ssa Maria Cristina SANVITALE.
– 343/VP/2018 – Dott.ssa Michelina NARDOZZA, vice procuratore onorario della
36)
Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di POTENZA .
108
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espressi in data 14 febbraio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Venezia;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dai vice procuratori onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei vice procuratori onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di TREVISO, a decorrere dal 1°
35

109
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 28 giugno 2016 dalla dott.ssa Michelina NARDOZZA, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di POTENZA, componente della Sezione Autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Potenza;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Potenza;
– visto il parere formulato in data 8 giugno 2017 dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Potenza;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi
36

110
della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Michelina NARDOZZA nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di
POTENZA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
37) – 344/VP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PADOVA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PADOVA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92; – viste le domande presentate dai vice procuratori onorari dott.ssa Federica BASSETTO, dott.ssa Rosalba FRIGHETTO, dott Lorenzo SPARAPAN e dott. Paolo TIETTO;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
37

111
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati vice procuratori onorari, redatti dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Padova;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espressi in data 8 novembre 2017, 17 gennaio 2018 e 14 febbraio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Venezia;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dai vice procuratori onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei vice procuratori onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PADOVA i seguenti aspiranti, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020:
1. dott.ssa Federica BASSETTO;
2. dott.ssa Rosalba FRIGHETTO;
3. dott Lorenzo SPARAPAN;
4. dott. Paolo TIETTO.
38) – 348/VP/2018 – Dott. Antonio DI ROSARIO, vice procuratore onorario della Procura
della Repubblica presso il Tribunale ordinario di SALERNO. Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 26 aprile 2018 con la quale il dott. Antonio DI ROSARIO, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Salerno, rassegna le dimissioni dall’incarico a far data dal 30 giugno 2018;
38

112
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116; d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Antonio DI ROSARIO dall’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di SALERNO.
39) – 350/VP/2018 – Dott. Francesco DAMIANI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di NOLA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dal dott. Francesco DAMIANI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di NOLA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Nola;
39

113
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 13 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Napoli;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Francesco DAMIANI nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di NOLA, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
40) – 337/VP/2018 – Dott. Stefano GARUTI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di BOLOGNA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 16 giugno 2016 dal dott. Stefano GARUTI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di BOLOGNA, componente della Sezione Autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
40

114
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal vice procuratore onorario, redatto in data 4 gennaio 2017 dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Bologna;
– visto il parere formulato in data 21 giugno 2017 dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Stefano GARUTI nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di
BOLOGNA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
41

115
41) – 339/VP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di SULMONA ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Sulmona, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai vice procuratori onorari dott.ssa Patrizia BERNARDI, dott.ssa Anna Alessia MARCHIONE e dott.ssa Tiziana PINTERPE;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati vice procuratori onorari, redatti dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Sulmona;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espressi in data 27 giugno 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di L’Aquila;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dai vice procuratori onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti
42

1. 2. 3.
dott.ssa Patrizia BERNARDI; dott.ssa Anna Alessia MARCHIONE; dott.ssa Tiziana PINTERPE.
116
specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei vice procuratori onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Sulmona, a decorrere dal 1° giugno
2016 e con scadenza il 31 maggio 2020:
42) – 346/VP/2018 – Dott. Wolfango RIVELLI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di LANCIANO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dal dott. Wolfango RIVELLI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di LANCIANO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari
43

117
in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal vice procuratore onorario, redatto in data 2 marzo 2018 dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Lanciano;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 27 marzo 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di L’Aquila;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Wolfango RIVELLI nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di
LANCIANO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
43) – 349/VP/2018 – Dott. Lorenzo CASALBONI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di RAVENNA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere FANFANI)
44

118
Il Consiglio,
– letta la nota in data 13 giugno 2018 con la quale il dott. Lorenzo CASALBONI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Ravenna, rassegna le dimissioni dall’incarico a far data dal 30 giugno 2018;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Lorenzo CASALBONI dall’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso
il Tribunale ordinario di RAVENNA.
44) – 261/VP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di BELLUNO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUCCI)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di BELLUNO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai vice procuratori onorari dott. Giuseppe Danilo GULLI, dott.ssa Maria Luisa PESCO, dott.ssa Sandra ROSSI e dott. Gianluca TRICOLI;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
45

giugno 1.
2.
3.
4.
2016 e con scadenza il 31 maggio 2020: dott. Giuseppe Danilo GULLI;
dott.ssa Maria Luisa PESCO;
dott.ssa Sandra ROSSI
dott. Gianluca TRICOLI.
119
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati vice procuratori onorari, redatti dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Belluno;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espressi in data 14 febbraio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Venezia;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dai vice procuratori onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei vice procuratori onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di BELLUNO, a decorrere dal 1°
45) – 265/VP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale
46

120
ordinario di CAMPOBASSO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUCCI)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di CAMPOBASSO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai vice procuratori onorari dott.ssa Antonella CIRELLI, dott.ssa Renata PALLADINO, dott. Vittorio PICCIRILLO e dott.ssa Sabrina SALE;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati vice procuratori onorari, redatti dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di CAMPOBASSO;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espressi in data 19 dicembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di CAMPOBASSO;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dai vice procuratori onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti
47

121
specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei vice procuratori onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di CAMPOBASSO, a decorrere dal 1°
giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020: 1. dott.ssa Antonella CIRELLI;
2. dott.ssa Renata PALLADINO;
3. dott. Vittorio PICCIRILLO;
4. dott.ssa Sabrina SALE.
46) – 179/VP/2018 – Dott. Alessandro GABELLONE, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di ROVIGO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dal dott. Alessandro GABELLONE, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di ROVIGO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari
48

122
in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto negativo sull’attività svolta dal suindicato vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Rovigo;
– visto il parere contrario ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 19 aprile 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Venezia;
– rilevato peraltro che con delibera consiliare del 13 giugno 2018 è stata dichiarata la decadenza del dott. Alessandro GABELLONE dall’incarico di vice procuratore onorario ricoperto, in conseguenza dell’accettazione delle dimissioni rassegnate con atto in data 1 giugno 2018;
d el i b era
il non luogo a provvedere in ordine alla domanda di conferma in oggetto presentata ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92 dal dott. Alessandro GABELLONE, atteso che il medesimo con delibera consiliare del 13 giugno 2018 è stato dichiarato decaduto dall’incarico di vice procuratore onorario ricoperto, in conseguenza
dell’accettazione delle dimissioni rassegnate con atto in data 1 giugno 2018.
47) – 352/VP/2018 – Dott. Fabrizio GIORCELLI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di NOVARA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 21 giugno 2016 dal dott. Fabrizio GIORCELLI, vice procuratore onorario
49

123
della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di NOVARA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Novara;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Fabrizio GIORCELLI nell’incarico di vice
50

124
procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di NOVARA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
51

125
FORMAZIONE TABELLE UFFICI DEL GIUDICE DI PACE
48) – 35/TP/2018 – Decreto n. 101/2018 in data 23 aprile 2018 del Presidente del Tribunale ordinario di Salerno di destinazione in supplenza della dott.ssa Ornella MANNINO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Salerno.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– visto il decreto n. 101/2018 in data 23 aprile 2018 del Presidente del Tribunale ordinario di Salerno di destinazione in supplenza della dott.ssa Ornella MANNINO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Salerno, all’Ufficio del Giudice di Pace di Sant’Angelo a Fasanella, per la durata di mesi 12, a decorrere dal 13 maggio 2018;
– visto il parere favorevole espresso nella seduta del 23 maggio 2018 dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Salerno, Sezione Autonoma Giudici di Pace;
– visto l’art. 32 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (entrato in vigore il 15 agosto 2017) che al comma 9 prevede che “Fermo quanto disposto dall’articolo 6 della legge 28 aprile 2016, n. 57, dalla data di entrata in vigore del presente decreto i giudici di pace e i giudici onorari di tribunale in servizio a tale data possono essere destinati in supplenza o in applicazione, anche parziale, in un ufficio del giudice di pace del circondario dove prestano servizio, ove ricorrano presupposti di cui all’articolo 14 e con le modalità indicate nella stessa disposizione. Nel corso del periodo di supplenza o di applicazione la liquidazione delle indennità ha luogo in conformità ai criteri previsti per le funzioni e i compiti effettivamente svolti.”;
– visto altresì l’art. 14 del citato decreto legislativo n. 116 del 13 luglio 2017, rubricato “Supplenze e applicazioni negli uffici del giudice di pace”;
– rilevato che i due posti di giudice di pace previsti nella pianta organica della sede di Sant’Angelo a Fasanella risultano allo stato tuttora vacanti;
d el i b era
di approvare il decreto n. 101/2018 in data 23 aprile 2018 del Presidente del Tribunale ordinario di Salerno di destinazione in supplenza della dott.ssa Ornella MANNINO, giudice
52

126
onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Salerno, all’Ufficio del Giudice di Pace di Sant’Angelo a Fasanella, per la durata di mesi 12, a decorrere dal 13 maggio 2018.
49) – 36/TP/2018 – Decreto n. 102/2018 in data 23 aprile 2018 del Presidente del Tribunale ordinario di Salerno di destinazione in supplenza della dott.ssa Concetta CUOZZO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Salerno.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– visto il decreto n. 101/2018 in data 23 aprile 2018 del Presidente del Tribunale ordinario di Salerno di destinazione in supplenza della dott.ssa Concetta CUOZZO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Salerno, all’Ufficio del Giudice di Pace di Montecorvino Rovella, per mesi 12, a decorrere dal 25 aprile 2018;
– visto il parere favorevole espresso nella seduta del 23 maggio 2018 dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Salerno, Sezione Autonoma Giudici di Pace;
– visto l’art. 32 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (entrato in vigore il 15 agosto 2017) che al comma 9 prevede che “Fermo quanto disposto dall’articolo 6 della legge 28 aprile 2016, n. 57, dalla data di entrata in vigore del presente decreto i giudici di pace e i giudici onorari di tribunale in servizio a tale data possono essere destinati in supplenza o in applicazione, anche parziale, in un ufficio del giudice di pace del circondario dove prestano servizio, ove ricorrano presupposti di cui all’articolo 14 e con le modalità indicate nella stessa disposizione. Nel corso del periodo di supplenza o di applicazione la liquidazione delle indennità ha luogo in conformità ai criteri previsti per le funzioni e i compiti effettivamente svolti.”;
– visto altresì l’art. 14 del citato decreto legislativo n. 116 del 13 luglio 2017, rubricato “Supplenze e applicazioni negli uffici del giudice di pace”;
– rilevato che i cinque posti di giudice di pace previsti nella pianta organica della sede di Montecorvino Rovella risultano allo stato tuttora vacanti;
d el i b era
53

127
di approvare il decreto n. 101/2018 in data 23 aprile 2018 del Presidente del Tribunale ordinario di Salerno di destinazione in supplenza della dott.ssa Concetta CUOZZO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Salerno, all’Ufficio del Giudice di Pace di Montecorvino Rovella, per mesi 12, a decorrere dal 25 aprile 2018.
50) – 34/TP/2018 – Decreto n. 16/2018 in data 8 maggio 2018 del Presidente del Tribunale di Urbino di applicazione della dott.ssa Paola MOROSI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di Urbino, all’Ufficio del Giudice di Pace di Macerata Feltria.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– visto il decreto n. 16/2018 in data 8 maggio 2018 del Presidente del Tribunale di Urbino di applicazione della dott.ssa Paola MOROSI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di Urbino, all’Ufficio del Giudice di Pace di Macerata Feltria, per mesi sei, a decorrere dal 14 maggio 2018;
– visto il parere favorevole espresso nella seduta del 16 maggio 2018 dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Ancona, Sezione Autonoma Giudici di Pace;
– visto l’art. 32 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (entrato in vigore il 15 agosto 2017) che al comma 9 prevede che “Fermo quanto disposto dall’articolo 6 della legge 28 aprile 2016, n. 57, dalla data di entrata in vigore del presente decreto i giudici di pace e i giudici onorari di tribunale in servizio a tale data possono essere destinati in supplenza o in applicazione, anche parziale, in un ufficio del giudice di pace del circondario dove prestano servizio, ove ricorrano presupposti di cui all’articolo 14 e con le modalità indicate nella stessa disposizione. Nel corso del periodo di supplenza o di applicazione la liquidazione delle indennità ha luogo in conformità ai criteri previsti per le funzioni e i compiti effettivamente svolti.”;
– visto altresì l’art. 14 del citato decreto legislativo n. 116 del 13 luglio 2017, rubricato “Supplenze e applicazioni negli uffici del giudice di pace”;
– rilevato che i due posti di giudice di pace previsti nella pianta organica della sede di Macerata Feltria risultano allo stato tuttora vacanti;
54

128
d el i b era
di approvare il decreto n. 16/2018 in data 8 maggio 2018 del Presidente del Tribunale di Urbino di applicazione della dott.ssa Paola MOROSI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di Urbino, all’Ufficio del Giudice di Pace di Macerata Feltria, per mesi sei, a decorrere dal 14 maggio 2018, riqualificando il provvedimento come decreto di supplenza ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 32, comma 9, e 14 del decreto
legislativo 13 luglio 2017, n. 116.”
55

FacebookTwitterGoogle+EmailTelegramShare

I Commenti sono chiusi