Rubrica CSM : Plenum del 18 luglio 2018 all’odg le delibere relative alla Magistratura Onoraria


“OTTAVA COMMISSIONE
COMMISSIONE PER LA MAGISTRATURA ONORARIA ORDINE DEL GIORNO – SPECIALE A
Odg n. 2319 – speciale A del 18 luglio 2018
La Commissione propone, all’unanimità, l’adozione delle seguenti delibere:
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI DI PACE”

A) Avviso legale


L’intero testo pubblicato è conforme a quanto già pubblicato nel sito www.csm.it al quale si rinvia per ogni riferimento o citazione di fatti e/o generalità di soggetti ivi indicati e ci si esonera da qualsiasi responsabilità relativa ai sensi della vigente legislazione.

“1) – 773/GP/2017 – Dott.ssa Annarita PETRONE, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di BENEVENTO.
Nota in data 28 giugno 2017 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma relativa al procedimento penale n. 25852/17 RGNR riguardante il predetto giudice di pace.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 28 giugno 2017 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Roma con cui si trasmette copia della richiesta di archiviazione del procedimento penale n. 25852/17 RGNR riguardante la dott.ssa Annarita PETRONE, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di BENEVENTO;
– rilevato che in data 27 marzo 2018 è stato disposto di richiedere al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Roma informazioni sull’esito del procedimento penale;
– vista la successiva nota in data 23 maggio 2018 con cui il Procuratore della Repubblica trasmette copia del decreto di archiviazione del suindicato procedimento penale, emesso dal GIP di Roma in data 24 novembre 2017;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
2) – 947/GP/2017 – Dott.ssa Rosa BARRELLA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di VALLO DELLA LUCANIA.
1

109
Nota in data 18 ottobre 2017 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli relativa al procedimento penale n. 28862/17 Mod. 21 riguardante il predetto giudice di pace.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 4 gennaio 2017 del 18 ottobre 2017 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli con cui si trasmette copia della richiesta di archiviazione del procedimento penale n. 28862/17 Mod. 21 riguardante la dott.ssa Rosa BARRELLA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di VALLO DELLA LUCANIA;
– rilevato che con nota in data 1° febbraio 2018 del Presidente del Tribunale di Vallo della Lucania è stata data comunicazione del decesso della dott.ssa Rosa BARRELLA, avvenuto il 21 gennaio 2018;
d el i b era
il non luogo a provvedere in ordine alla nota in oggetto.
3) – 245/GP/2018 – Dott. Enrico PIETRANGELI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SARNO (circondario di Nocera Inferiore).
Nota in data 19 marzo 2018 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli relativa al procedimento penale n. 5548/18 Mod. 21 riguardante il predetto giudice di pace.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 19 marzo 2018 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli con cui si trasmette copia della richiesta di archiviazione relativa al procedimento penale n. 5548/18 Mod. 21 riguardante il dott. Enrico PIETRANGELI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SARNO (circondario di Nocera Inferiore);
2

110
– vista la successiva nota in data 30 maggio 2018 con cui il medesimo Procuratore Generale trasmette copia del decreto di archiviazione del suindicato procedimento penale, emesso dal GIP di Napoli in data 28 aprile 2018;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
4) – 271/GP/2018 – Avv. Guido TRAVAGLIONI, già giudice di pace nella sede di VELLETRI.
Nota in data 18 aprile 2018 con cui chiede di essere “riabilitato” a seguito della delibera consiliare di revoca dalle funzioni di giudice di pace del 3 giugno 2004.
(relatore Consigliere BALDUCCI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 18 aprile 2018 dell’avv. Guido TRAVAGLIONI, già giudice di pace nella sede di VELLETRI, con cui chiede di essere “riabilitato” a seguito della delibera consiliare di revoca dalle funzioni di giudice di pace;
– vista la delibera consiliare del 3 giugno 2004 con la quale è stata irrogata, ai sensi dell’art. 9, terzo comma, l. n. 374 del 1991 e succ mod., la sanzione della revoca del dott. Guido Travaglioni dall’Ufficio di giudice di pace nella sede di Velletri;
– rilevato che avverso tale delibera il dott. Guido TRAVAGLIONI, ha proposto impugnativa mediante ricorso al T.A.R. per il Lazio che con sentenza n. 1040/2006 depositata l’11 febbraio 2006, confermata dal Consiglio di Stato con decisione n. 1379/2007, ha rigettato la domanda di annullamento del provvedimento impugnato;
– considerato che nel momento in cui il destinatario del provvedimento di decadenza ne ha preso conoscenza si è completata la fattispecie legale tipica e si è perfezionato l’effetto estintivo del rapporto di servizio;
– ritenuto che con l’istanza in oggetto non sono stati prospettati elementi nuovi o sopravvenuti tali da far rivalutare la sussistenza dei presupposti per un eventuale provvedimento da emettere in sede di autotutela, atteso altresì che le odierne deduzioni non incidono sulla storicità dei fatti oggetto di valutazione della delibera consiliare di decadenza;
3

111
– ritenuto, pertanto, che l’istanza in esame non può trovare accoglimento; d el i b era
il rigetto dell’istanza in oggetto.
5) – 1033/GP/2017 – Nota pervenuta in data 23 ottobre 2017 del Capo dell’Ispettorato Generale del Ministero della Giustizia, con la quale si trasmette la relazione sulla ispezione ordinaria presso gli Uffici del Giudice di Pace del circondario del Tribunale di PAOLA, eseguita dal 14 marzo 2017 al 31 marzo 2017.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– premesso che con nota pervenuta in data 23 ottobre 2017 del Capo dell’Ispettorato Generale del Ministero della Giustizia, veniva trasmessa la relazione sulla ispezione ordinaria presso gli Uffici del Giudice di Pace di Paola e Scalea eseguita dal 14 marzo 2017 al 31 marzo 2017;
– che, in data 12 dicembre 2017, è stato disposto di rimettere al Presidente della Corte di Appello di Catanzaro la relazione ministeriale concernente l’ispezione effettuata presso gli uffici del giudice di pace del circondario in oggetto, per le valutazioni di competenza, ai sensi dell’art. 21 del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
– rilevato che con nota in data 20 febbraio 2018 il Presidente della Corte di Appello di Catanzaro ha inviato il provvedimento del 14 febbraio 2018 con cui, lette le giustificazioni trasmesse dal Presidente del Tribunale di Paola relative all’ispezione in oggetto, ha archiviato gli atti;
d el i b era
di prendere atto del provvedimento di archiviazione in data 14 febbraio 2018 del Presidente
della Corte di Appello di Catanzaro.
6) – 205/GP/2018 – Nota in data 5 febbraio 2018 del Presidente del Tribunale di Reggio Calabria avente ad oggetto: Pianta organica del personale amministrativo dell’Ufficio del Giudice di Pace di Reggio Calabria. Richiesta urgente di ampliamento e copertura delle vacanze.
4

112
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 5 febbraio 2018, indirizzata anche al Ministero della Giustizia nonché al Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria del Personale e dei Servizi, con cui il Presidente del Tribunale di Reggio Calabria chiede l’ampliamento della pianta organica del personale amministrativo;
– considerato che l’argomento esula dalle attribuzioni specifiche del Consiglio Superiore della Magistratura;
d el i b era
il non luogo a provvedere, trattandosi di argomento di competenza del Ministero della
Giustizia, già destinatario della nota in oggetto.
7) – 289/GP/2015 – Dott. Giuseppe FRACASSI, già giudice di pace, e dott.ssa Barbara COSSU, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SASSARI.
Nota in data 27 aprile 2015 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma relativa al procedimento penale n. 14344/15 RGNR riguardante i predetti magistrati onorari.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 27 aprile 2015 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma con cui si trasmette copia dell’informativa del Procuratore della Repubblica di Roma relativa al procedimento penale n. 14344/15 riguardante il dott. Giuseppe FRACASSI, già giudice di pace nella sede, e la dott.ssa Barbara COSSU, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SASSARI;
– rilevato che in data 13 marzo 2018 è stato disposto di invitare il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma a fornire informazioni sullo stato e sull’esito del procedimento penale;
5

113
– vista la successiva nota del 23 aprile 2018 con cui il medesimo Procuratore della Repubblica trasmette copia della richiesta di archiviazione del suindicato procedimento penale formulata il 18 gennaio 2018;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare.
6

114
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI ONORARI DI TRIBUNALE
8) – 226/GT/2018 – Dott. Giovanni CONTE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di POTENZA.
Nota in data 19 dicembre 2017 della Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catanzaro relativa al procedimento penale n. 5958/17-21 riguardante il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 19 dicembre 2017 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catanzaro con cui si trasmette copia della nota informativa del Procuratore della Repubblica di Catanzaro comprensiva della richiesta di archiviazione del procedimento penale n. 5958/17-21 riguardante il dott. Giovanni CONTE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Potenza;
– vista la successiva nota in data 27 febbraio 2018 del medesimo Procuratore Generale con cui si trasmette copia del decreto di archiviazione emesso in data 20 febbraio 2018 dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Catanzaro nell’ambito del procedimento di cui all’oggetto;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
9) – 298/GT/2018 – Dott.ssa Maria FIORE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di BOLOGNA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere FANFANI)
7

115
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 15 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria FIORE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di BOLOGNA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Bologna;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 23 ottobre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
8

116
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria FIORE nell’incarico di giudice onorario del Tribunale ordinario di BOLOGNA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
10) – 344/GT/2018 – Dott.ssa Maria Teresa MAGLIONE, già giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di Roma.
Istanza avente ad oggetto: “riammissione nell’incarico di cui alla nomina ex D.M. 20/7/2017 e revoca della rinuncia”.
(relatore Consigliere BALDUCCI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 20 marzo 2018 della dott. Maria Teresa MAGLIONE, già giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di Roma avente ad oggetto: “riammissione nell’incarico di cui alla nomina ex D.M. 20/7/2017 e revoca della rinuncia”;
– ritenuto che la richiesta in esame non può essere accolta in quanto l’istituto della riammissione in servizio non è previsto dalla normativa relativa alla magistratura onoraria;
d el i b era
il rigetto della richiesta in oggetto.
11) – 287/GT/2017 – Dott.ssa Vittoria UGGENTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di BRINDISI.
Nota in data 28 marzo 2017 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Potenza relativa al procedimento penale n. 4948/16-21 riguardante il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 28 marzo 2017 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Potenza, con cui si trasmette copia della nota informativa e della richiesta
9

117
di archiviazione del Procuratore della Repubblica di Potenza relativa al procedimento penale n. 4948/16-21 riguardante la dott.ssa Vittoria UGGENTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Brindisi;
– vista la successiva nota in data 19 gennaio 2018 del medesimo Procuratore con la quale si trasmette copia del decreto di archiviazione emesso il 16 ottobre 2017 dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Potenza;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
12) – 304/GT/2018 – Dott. Michele DENTALE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CAMPOBASSO.
Nota in data 25 gennaio 2018 del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bari relativa al procedimento penale n. 15886/16 R.G.N.R. riguardante il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 25 gennaio 2018 del Procuratore della Repubblica di Bari, con cui si trasmette copia della richiesta di archiviazione del procedimento penale n. 15886/16 R.G.N.R. riguardante il dott. Michele DENTALE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CAMPOBASSO;
– vista la successiva nota in data 13 marzo 2018 del medesimo Procuratore con la quale si trasmette copia del decreto di archiviazione emesso il 21 febbraio 2018 dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Campobasso;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
10

118
13) – 320/GT/2017 – Dott.ssa Maria Teresa CORBUCCI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di RIMINI.
Nota in data 13 marzo 2017 del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona relativa al procedimento penale n. 523/17 RGNR riguardante il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 13 marzo 2017 della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona con cui si trasmette copia della richiesta di archiviazione del procedimento penale n. 523/17 RGNR riguardante la dott.ssa Maria Teresa CORBUCCI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di RIMINI;
– vista la successiva nota in data 7 giugno 2017 del medesimo Procuratore della Repubblica con cui si trasmette altresì copia del decreto di archiviazione emesso in data 18 aprile 2017 dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Rimini;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, visto l’esito del procedimento penale definito dal giudice competente.
14) – 194/GT/2014 – Dott.ssa Liliana PADALINO, giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO.
Nota in data 9 luglio 2013 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Caltanissetta relativa al procedimento penale n. 664/2013 Mod. 21 riguardante il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la nota pervenuta in data 26 luglio 2014 dalla Procura Generale della Repubblica di Caltanissetta relativa al procedimento penale n. 664/2013 Mod. 21, pendente presso la locale Procura della Repubblica, riguardante la dott.ssa Liliana PADALINO, giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di Palermo;
11

119
– vista la nota in data 16 febbraio 2018 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Caltanissetta con la quale si trasmette la sentenza di assoluzione emessa dal Tribunale di Caltanissetta in data 10 novembre 2017 nei confronti della dott.ssa Liliana PADALINO;
– rilevato peraltro che con delibera consiliare del 15 giugno 2016 è stata dichiarata la decadenza della dott.ssa Liliana PADALINO dall’incarico di giudice onorario ricoperto, per raggiunto limite massimo di età;
d el i b era
il non luogo a provvedere in ordine alla nota in oggetto, non facendo più parte la dott.ssa
Liliana PADALINO dell’Ordine giudiziario.
15) – 345/GT/2018 – Dott.ssa Lorenza MANCA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di SASSARI.
Nota in data 12 febbraio 2018 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma relativa al procedimento penale n. 49337/17 R.G.N.R. Mod. 21 riguardante, fra gli altri, il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 12 febbraio 2018 del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma, con cui si trasmette copia dell’informativa, e della richiesta di archiviazione, relative al procedimento penale n. 49337/17 R.G.N.R. Mod. 21 riguardante, fra gli altri, la dott.ssa Lorenza MANCA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di SASSARI;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare.
12

120
VICE PROCURATORI ONORARI
16) – 252/VP/2018 – Dott.ssa Fernanda SPERANZA, già vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di NAPOLI.
Nota in data 15 novembre 2017 del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma relativa al procedimento penale n. 45069/17 R.G.N.R. riguardante il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 15 novembre 2017 del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma con cui si trasmette copia dell’informativa relativa al procedimento penale n. 45069/17 R.G.N.R. riguardante la dott.ssa Fernanda SPERANZA, già vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Napoli;
– rilevato che con delibera consiliare del 14 marzo 2008 è stata dichiarata la cessazione della dott.ssa Fernanda SPERANZA dall’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica di Napoli a seguito dell’accettazione delle dimissioni dalla stessa rassegnate con atto del 15 gennaio 2008;
d el i b era
il non luogo a provvedere, non facendo più parte la dott.ssa Fernanda SPERANZA
dell’Ordine giudiziario.
17) – 204/VP/2018 – Dott.ssa Michela TURCHETTI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
13

121
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Michela TURCHETTI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto sull’attività svolta dal suindicato vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Perugia;
– visto il parere positivo ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 13 dicembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Perugia;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
14

122
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Michela TURCHETTI nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
18) – 206/VP/2018 – Dott.ssa Maria VALERIO, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria VALERIO, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto sull’attività svolta dal suindicato vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Perugia;
15

123
– visto il parere positivo ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 8 novembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Perugia;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria VALERIO nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di
PERUGIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
19) – 262/VP/2018 – Dott.ssa Paola CUCCHIARA, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PALERMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Paola CUCCHIARA, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PALERMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
16

124
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal suindicato vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Palermo;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 4 maggio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie, non sussistendo altresì cause di incompatibilità previste dall’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017 n. 116 (con riserva di verificare per quelle eventualmente segnalate l’esito del procedimento ai sensi della circolare consiliare del 15 novembre 2017, prot. P-20193/2017 in data 17 novembre 2017);
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Paola CUCCHIARA nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di
PALERMO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
17”

FacebookTwitterGoogle+EmailTelegramShare

I Commenti sono chiusi