Rubrica CSM : Plenum del 9 maggio 2018 o.d.g. relativo alla Magistratura Onoraria


OTTAVA COMMISSIONE
COMMISSIONE PER LA MAGISTRATURA ONORARIA ORDINE DEL GIORNO – SPECIALE
Odg n. 2302 – speciale A del 9 maggio 2018
La Commissione propone, all’unanimità, l’adozione delle seguenti delibere:
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI DI PACE

1) – 920/GP/2017 – Dott. Girolamo BASILE, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TARANTO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 29 giugno 2016 dal dott. Girolamo BASILE, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TARANTO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto negativo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale di Taranto, motivato dal fatto che “Il giudice per motivi di salute è stato assente dall’Ufficio dl GdP di Lizzano dal 11/12/2013 al 31/07/2015, riprendendo solo formalmente servizio presso codesta sede G.d.P. di Taranto. Per le difficoltà certificate … non ha potuto
1

185
più svolgere attività di udienza ma ha solo depositato sentenze già riservate per la decisione ed emesso decreti ingiuntivi”;
– visto il giudizio di inidoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce, in quanto “come risulta dalla documentazione in atti dal dicembre 2013 il dott. Basile non svolge udienza, essendo impossibilitato a farlo per certificati motivi di salute; conseguentemente, non può essere assegnatario di cause di cognizione, né -a fortiori- di un ruolo di cognizione” ed inoltre “negli ultimi quattro anni ha depositato solamente decreti ingiuntivi e le sentenze prese in decisione nel periodo precedente”;
– rilevato che in data 22 novembre 2017 la competente Commissione consiliare ha deliberato di comunicare, ai sensi dell’art. 10-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni e dell’art. 5 della citata circolare prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, al dott. Girolamo BASILE il preavviso di non conferma, alla luce delle risultanze della documentazione in atti;
– lette le osservazioni, pervenute in data 11 dicembre 2017, con cui il dott. Girolamo BASILE afferma che “la situazione di inidoneità rilevata è dovuta esclusivamente a gravi e comprovati motivi di salute “la cui relativa documentazione è in possesso dell’Ufficio del Giudice di Pace di Taranto), i quali mi hanno impedito di svolgere a pieno le mie funzioni”;
– considerato che, in conseguenza, in data 14 febbraio 2018 la Commissione ha deliberato di rimettere gli atti al Presidente della Corte di Appello di Lecce per le valutazioni di competenza in ordine all’avvio del procedimento di dispensa per impedimento superiore a sei mesi, ai sensi dell’art. 21 del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
– letta la successiva nota in data 2 marzo 2018 del Presidente della Corte di Appello di Lecce con cui si trasmette l’istanza presentata dal dott. Girolamo BASILE con la quale il giudice di pace comunica “che, a seguito del permanere del suo stato di malattia, già debitamente documentato, rinuncia alla domanda di conferma nell’incarico presentata in data 29 giugno 2016”;
d el i b era
il non luogo a provvedere in ordine alla domanda presentata, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016 n. 92, dal dott. Girolamo BASILE di conferma
nell’incarico di giudice onorario di pace come giudice di pace nella sede di TARANTO.
2

186
2) – 155/GP/2018 – Procedura di trasferimento di cui alla delibera consiliare del 15 novembre 2017 (prot. P-20193/2017 del 17 novembre 2017) per la copertura dei posti vacanti di giudice onorario di pace come giudice di pace nella sede di ISERNIA.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
Visto l’art. 5 del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116, rubricato “Incompatibilità” il quale prevede i casi di incompatibilità con l’esercizio delle funzioni di magistrato onorario;
Vista la delibera consiliare del 15 novembre 2017 (prot. P-20193/2018 del 17 novembre 2017) concernente: “Nuove e più ampie ipotesi di incompatibilità previste per i giudici di pace, i giudici onorari di tribunale ed i vice procuratori onorari dalla riforma organica della magistratura onoraria: adempimenti conseguenti.”;
Visto l’art. 12, comma 2, della citata circolare con il quale è stato disposto di pubblicare numero 2 posti vacanti di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di ISERNIA;
Viste le disposizioni sui criteri di valutazione delle domande di trasferimento presentate, riportate nella citata delibera del 15 novembre 2017 (prot. P-20193/2018 del 17 novembre 2017);
Rilevato che in caso di pluralità di domande per la medesima sede, alla luce dei loro differenti presupposti e della prevalente tutela costituzionale della salute (art. 32) e della famiglia (artt. 30 e 31), i trasferimenti per ragioni di salute hanno la precedenza sui trasferimenti per ragioni di famiglia e questi ultimi hanno la precedenza sui trasferimenti finalizzati a rimuovere una causa d’incompatibilità. All’interno della stessa tipologia di trasferimenti, prevale il magistrato onorario con maggiore anzianità di servizio (indicata dalla data del decreto ministeriale di nomina); a parità di anzianità di servizio prevale la minore età anagrafica (cfr. art. 3, comma 7, della legge n. 127/ 1997).
Esaminata la domanda di trasferimento per motivi di incompatibilità sopravvenuta presentata dal dott. Pietro Luigi SANTORO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TRICARICO (circondario di Matera);
3

187
Rilevato peraltro che il dott. Pietro Luigi SANTORO è cessato dall’incarico di giudice di pace per raggiunto limite massimo di sessantotto anni di età, a decorrere dal 15 aprile 2018;
d el i b era
il non luogo a provvedere in ordine alla domanda di trasferimento presentata dal dott. Pietro
Luigi SANTORO per la sede di ISERNIA non facendo più parte lo stesso dell’ordine giudiziario.
3) – 216/GP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici di pace nella sede di ALTAMURA (circondario di Bari), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici di pace nella sede di ALTAMURA (circondario di Bari), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai giudici di pace dott. Cosimo Damiano DI PEDE e dott. Raffaele MINOIA;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
4

188
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati giudici di pace, redatti in data 15 maggio 2017 e 1° giugno 2017 dal Presidente del Tribunale ordinario di Bari;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espressi in data 11 ottobre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bari;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dai giudici di pace istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei giudici di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti giudici onorari di pace in servizio come giudici di pace nella sede di ALTAMURA (circondario di Bari), a decorrere dal 1°
giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020: 1. dott. Cosimo Damiano DI PEDE;
2. dott. Raffaele MINOIA.
4) – 185/GP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici di pace nella sede di PERUGIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei giudici onorari di pace in servizio come giudici di pace nella sede di PERUGIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai giudici di pace dott.ssa Rosa Maria CANDELORO, dott.ssa Cristiana CRISTIANI, dott.ssa Angela DIFINO, dott.ssa Donatella
5

189
LIGUORI, dott.ssa Serafina LIOSI, dott. Antonio MARCHETTONI e dott. Roberto POMANTI;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati giudici di pace, redatti dal Presidente del Tribunale ordinario di Perugia;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espressi in data 7 febbraio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Perugia;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dai giudici di pace istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei giudici di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti giudici onorari di pace in servizio come giudici di pace nella sede di PERUGIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza
il 31 maggio 2020:
1. dott.ssa Rosa Maria CANDELORO;
2. dott.ssa Cristiana CRISTIANI;
3. dott.ssa Angela DIFINO;
6

190
4. dott.ssa Donatella LIGUORI;
5. dott.ssa Serafina LIOSI;
6. dott. Antonio MARCHETTONI;
7. dott. Roberto POMANTI.
5) – 197/GP/2018 – Dott. Claudio DAL SAVIO, giudice onorario di pace in servizio come
giudice di pace nella sede di ORVIETO (circondario di Terni).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 13 giugno 2016 dal dott. Claudio DAL SAVIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di ORVIETO (circondario di Terni), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Terni;
7

191
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 2 marzo 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Perugia;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Claudio DAL SAVIO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di ORVIETO
(circondario di Terni), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
8

192
COMPONENTI PRIVATI
6) – 12/CP/2018 – Dott.ssa Costanza STOICO, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di TRIESTE.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 5 marzo 2018 con la quale la dott.ssa Costanza STOICO, giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Trieste, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b), e 9, punto 2, della circolare C.S.M. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione della dott.ssa Costanza STOICO dall’ufficio di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di TRIESTE.
9

193
ESPERTI DI SORVEGLIANZA
7) – 18/ES/2018 – Dott.ssa Fabiana ESPOSITO, esperto del Tribunale di Sorveglianza di NAPOLI.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota con la quale la dott.ssa Fabiana ESPOSITO, esperto del Tribunale di Sorveglianza di Napoli, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b) e 9, punto 2, della circolare consiliare P-19453/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione della dott.ssa
Fabiana ESPOSITO dall’ufficio di esperto del Tribunale di Sorveglianza di NAPOLI.
8) – 17/ES/2018 – Dott.ssa Elisa CERAVOLO, esperto del Tribunale di Sorveglianza di FIRENZE.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 12 marzo 2018 con la quale la dott.ssa Elisa CERAVOLO, esperto del Tribunale di Sorveglianza di Firenze, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b) e 9, punto 2, della circolare consiliare P-19453/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa
Elisa CERAVOLO dall’ufficio di esperto del Tribunale di Sorveglianza di FIRENZE.
10

194
9) – 19/ES/2018 – Dott. Elio LO CASCIO, esperto del Tribunale di Sorveglianza di P ALERMO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 30 marzo 2018 con la quale il dott. Elio LO CASCIO, esperto del Tribunale di Sorveglianza di Palermo, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visti gli artt. 8, punto 1, lett. b) e 9, punto 2, della circolare consiliare P-19453/2015 del 26 ottobre 2015;
d el i b era
di accettare le dimissioni dall’incarico e, per l’effetto, di dichiarare la cessazione del dott. Elio
LO CASCIO dall’ufficio di esperto del Tribunale di Sorveglianza di PALERMO.
11

195
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI ONORARI DI TRIBUNALE
10) – 326/GT/2016 – Dott.ssa Augusta VILLANI, già giudice onorario del Tribunale ordinario di SALERNO.
Nota pervenuta in data 28 aprile 2016 della Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli relativa al procedimento penale n. 15340/15 mod. 21 riguardante, tra gli altri, il predetto magistrato onorario.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 28 aprile 2016 della Procura Generale della Repubblica presso il Tribunale di Napoli con cui si trasmette copia dell’informativa relativa al procedimento penale 15340/15 mod. 21 riguardante, tra gli altri, la dott.ssa Augusta VILLANI, già giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di SALERNO;
– rilevato che con delibera consiliare in data 25 ottobre 2017 è stato disposto di non confermare la dott.ssa Augusta VILLANI nell’incarico di giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di SALERNO;
d el i b era
l’archiviazione della pratica, non facendo più parte la dott.ssa Augusta VILLANI dell’Ordine
giudiziario.
11) – 287/GT/2018 – Dott. Gianni SALTARELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 16 marzo 2018 del Presidente del Tribunale di Napoli con la quale si trasmette l’istanza, in data 7 novembre 2017, con cui il dott. Gianni SALTARELLI, giudice
12

196
onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Napoli, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Gianni SALTARELLI dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del
Tribunale ordinario di NAPOLI.
12) – 302/GT/2018 – Dott. Vincenzo MOLETTIERI, nominato giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI.
Mancata assunzione nel possesso dell’ufficio nel termine assegnato.
(relatore Consigliere CANANZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 3 aprile 2018 con la quale il Presidente del Tribunale ordinario di Napoli comunica che il dott. Vincenzo MOLETTIERI, nominato giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di Napoli con delibera consiliare del 5 luglio 2017, non ha assunto il possesso dell’ufficio nel termine assegnatogli;
d el i b era
di dichiarare la decadenza del dott. Vincenzo MOLETTIERI dall’incarico di giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di NAPOLI, non avendo preso
possesso dell’ufficio nei termini stabiliti.
13) – 288/GT/2018 – Dott. Federico CECCARELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di LIVORNO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
13

197
– letta la nota in data 21 marzo 2018 del Presidente del Tribunale di Livorno con la quale si trasmette l’istanza con cui il dott. Federico CECCARELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Livorno, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116; d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Federico CECCARELLI dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di LIVORNO.
14) – 289/GT/2018 – Dott. Giuseppe GRAMMAUTA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di LIVORNO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 19 marzo 2018 con la quale il dott. Giuseppe GRAMMAUTA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Livorno, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Giuseppe GRAMMAUTA dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario
del Tribunale ordinario di LIVORNO.
15) – 240/GT/2018 – Dott.ssa Barbara FERRARI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di MILANO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
14

198
Il Consiglio,
– letta la nota trasmessa in data 12 marzo 2018 con la quale la dott.ssa Barbara FERRARI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Milano, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Barbara FERRARI dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del
Tribunale ordinario di MILANO.
16) – 281/GT/2018 – Dott.ssa Antonella CONTICELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di COMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 17 giugno 2016 dalla dott.ssa Antonella CONTICELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di COMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato
15

199
quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Como;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario di tribunale, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie pur rilevandosi la necessità di invitare il magistrato onorario ad una maggiore attenzione nella redazione delle motivazioni delle sentenze penali come evidenziato nel parere espresso dalla Sezione Autonoma;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Antonella CONTICELLI, nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
COMO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
17) – 299/GT/2018 – Dott.ssa Alessandra Biagina Anna GISSARA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di MONZA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota trasmessa in data 20 marzo 2018 con la quale la dott.ssa Alessandra Biagina Anna GISSARA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Monza, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
16

200
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Alessandra Biagina Anna GISSARA dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice
onorario del Tribunale ordinario di MONZA.
18) – 241/GT/2018 – Dott.ssa Eleonora FRISINA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO CALABRIA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 9 marzo 2018 con la quale la dott.ssa Eleonora FRISINA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Reggio Calabria, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Eleonora FRISINA dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del
Tribunale ordinario di REGGIO CALABRIA.
19) – 286/GT/2018 – Dott. Claudio ZANDER, giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di VELLETRI.
Comunicazione di decesso.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la nota in data 16 marzo 2018 del Presidente del Tribunale ordinario di Velletri con cui si informa del decesso del dott. Claudio ZANDER, giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di Velletri, avvenuto il 15 novembre 2017;
d el i b era
17

201
di prendere atto del decesso del dott. Claudio ZANDER, giudice onorario di pace come giudice onorario del Tribunale ordinario di VELLETRI.
20) – 290/GT/2018 – Dott.ssa Maria Grazia FULCO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di ROMA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– letta la nota trasmessa in data 15 marzo 2018 con la quale la dott.ssa Maria Grazia FULCO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Roma, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Maria Grazia FULCO dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del
Tribunale ordinario di ROMA.
21) – 292/GT/2018 – Dott. Filippo Giuseppe CAPUZZI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CASSINO.
Cessazione dall’incarico per raggiunto limite massimo di età di sessantotto anni, a decorrere dal 29 aprile 2018.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– visto l’art. 1 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 126 del 31 maggio 2016, che al comma 2 prevede che per i giudici onorari di Tribunale in servizio alla data di entrata in vigore del medesimo decreto (31 maggio 2016) “L’incarico cessa in ogni caso al compimento del sessantottesimo anno di età”;
18

202
– rilevato che il dott. Filippo Giuseppe CAPUZZI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Cassino, in data 29 aprile 2018 ha compiuto sessantotto anni di età;
– ritenuto pertanto che, ai sensi dell’art. 1, comma 2, del citato decreto legislativo n. 92/2016 deve essere dichiarata la cessazione del suindicato magistrato onorario dall’incarico di giudice onorario di Tribunale ricoperto, per raggiunto limite massimo di età;
d el i b era
di dichiarare, ai sensi dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la cessazione del dott. Filippo Giuseppe CAPUZZI dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CASSINO, per raggiungimento del
sessantottesimo anno di età, a decorrere dal 29 aprile 2018.
22) – 300/GT/2018 – Dott.ssa Concetta CERALDI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di CATANIA.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– letta la nota presentata in data 21 marzo 2018 con la quale la dott.ssa Concetta CERALDI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Catania, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza della dott.ssa Concetta CERALDI dall’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del
Tribunale ordinario di CATANIA.
19

203
VICE PROCURATORI ONORARI
23) – 208/VP/2018 – Dott. Claudio SIMONELLI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di FIRENZE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere FANFANI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dal dott. Claudio SIMONELLI, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di FIRENZE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Firenze;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espresso in data 28 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Firenze;
20

204
– rilevato peraltro che con delibera consiliare del 14 febbraio 2018 è stata dichiarata la cessazione del dott. Claudio SIMONELLI dall’incarico di vice procuratore ricoperto, per raggiunto limite massimo di sessantotto anni di età, a decorrere dall’11 gennaio 2018;
d el i b era
di confermare, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Claudio SIMONELLI nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di FIRENZE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e fino
alla cessazione per raggiunto limite massimo di età (11.01.2018).
24) – 146/VP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di CIVITAVECCHIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di CIVITAVECCHIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– viste le domande di conferma presentate dai giudici onorari dott.ssa Valeria DI ROCCO, dott.ssa Daniela FAGGIANI, dott.ssa Fabiana FOIS, dott. Marco MACCHIA, dott. Pietro MAZZEI, dott.ssa Gloria SABBATINI, dott.ssa Vlasta SCHIAVO, dott. Floro SINATORA e dott. Massimiliano STRAMPELLI;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
21

205
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai vice procuratori onorari, redatti dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Civitavecchia;
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espressi in data 28 febbraio 2018 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Roma;
– ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dai vice procuratori onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei vice procuratori onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti giudici onorari di pace in servizio come giudici onorari del Tribunale ordinario di CIVITAVECCHIA, a decorrere dal 1° giugno
2016 e con scadenza il 31 maggio 2020:
1. dott.ssa Valeria DI ROCCO;
2. dott.ssa Daniela F AGGIANI;
3. dott.ssa Fabiana FOIS;
4. dott. Marco MACCHIA;
5. dott. Pietro MAZZEI;
6. dott.ssa Gloria SABBA TINI;
7. dott.ssa Vlasta SCHIA VO;
8. dott. Floro SINATORA;
9. dott. Massimiliano STRAMPELLI.
22

206
25) – 171/VP/2018 – Dott.ssa Maria Teresa MAIORCA, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria Teresa MAIORCA, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, componente della Sezione Autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Perugia;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal vice procuratore onorario, redatto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Perugia;
– visto il parere formulato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dal vice procuratore onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del vice procuratore onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
23

207
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria Teresa MAIORCA nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
26) – 173/VP/2018 – Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
– rilevato che deve procedersi alla conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, dei vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92; – viste le domande di conferma presentate dai vice procuratori onorari dott.ssa Filomena D’AMORA, dott.ssa Domenica FAVASULI, dott. Francesco FIORELLI, dott.ssa Anna Silvia NARDI, dott. Gian Luca PROIETTI, dott.ssa Letizia Maria ROMANO, dott.ssa Stefania SPOLETINI e dott.ssa Stefania VINCENTELLI;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visti i rapporti positivi sull’attività svolta dai suindicati vice procuratori onorari, redatti dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Perugia;
24

giugno 1.
2.
3.
4. 5. 6. 7. 8.
2016 e con scadenza il 31 maggio 2020: dott.ssa Filomena D’AMORA;
dott.ssa Domenica F A V ASULI;
dott. Francesco FIORELLI;
dott.ssa Anna Silvia NARDI; dott. Gian Luca PROIETTI; dott.ssa Letizia Maria ROMANO; dott.ssa Stefania SPOLETINI; dott.ssa Stefania VINCENTELLI.
208
– visti i giudizi di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di vice procuratore onorario, espressi in data 8 novembre 2017 e 13 dicembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Perugia; – ritenuto che dagli atti, dai rapporti redatti dal Procuratore della Repubblica sull’attività svolta dai vice procuratori onorari istanti in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dai giudizi espressi dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità dei vice procuratori onorari a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, i seguenti vice procuratori onorari della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA, a decorrere dal 1°
27) – 185/VP/2018 – Dott. Andrea BERGO, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di ROVIGO.
Dimissioni dall’incarico.
(relatore Consigliere APRILE)
Il Consiglio,
25

209
– letta la nota in data 14 marzo 2018 con la quale il dott. Andrea BERGO, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Rovigo, rassegna le dimissioni dall’incarico;
– visto l’art. 21, comma 1, del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116;
d el i b era
di accettare le dimissioni e, per l’effetto, di dichiarare la decadenza del dott. Andrea BERGO dall’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale
ordinario di ROVIGO.
26

210

FacebookTwitterGoogle+EmailTelegramShare

I Commenti sono chiusi