Plenum del Csm del 22 novembre u.s. : Delibere relative alla magistratura onoraria


Pubblichiamo le delibere dell’ottava commissione deliberate anche dal Plenum del Csm:
Odg n. 2249 – speciale A del 22 novembre 2017
La Commissione propone, all’unanimità, l’adozione delle seguenti delibere:
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI DI PACE
1) – 243/GP/2017 – Dott.ssa xxx xxx, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di ROMA.
Esposto della prof.ssa Flaminia Sacca, da Roma.
(relatore Consigliere ZANETTIN)

Il Consiglio
– letto l’esposto della prof.ssa Flaminia Saccà, da Roma, la quale si duole della condotta tenuta nell’ambito della trattazione del procedimento n. 1472/12 R.G.Gdp – R.G.N.R. 3057/10 da parte della dott.ssa xxx xxx , giudice onorario di pace già in servizio come giudice di pace nella sede di ROMA;
– considerato che in data 18 aprile 2017 è stato deliberato di trasmettere gli atti al Presidente della Corte di Appello di Roma, per le valutazioni di competenza ai sensi degli articoli 9 della legge 21 novembre 1991, n. 374, e successive modificazioni, e 17 del D.P.R. 10 giugno 2000, n. 198;
– rilevato che il Presidente della Corte di Appello di Roma con provvedimento del 2 maggio 2017 ha disposto, all’esito degli accertamenti espletati, l’archiviazione degli atti, non ravvisando dall’esame degli atti acquisiti elementi di rilevanza disciplinare, trattandosi di censure attinenti l’attività giurisdizionale;
d el i b era
di prendere atto del provvedimento di archiviazione in data 2 maggio 2017 del Presidente
della Corte di Appello di Roma.
2) – 816/GP/2017 – Dott.ssa Cecilia BONACCI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
1

143
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 9 giugno 2016 dalla dott.ssa Cecilia BONACCI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Cassino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Roma;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Cecilia BONACCI nell’incarico di
2

144
giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
3) – 817/GP/2017 – Dott.ssa Marianna OLIVIERO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 9 giugno 2016 dalla dott.ssa Marianna OLIVIERO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Cassino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Roma;
3

145
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Marianna OLIVIERO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario
di Cassino), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
4) – 818/GP/2017 – Dott. Gianfausto PALANGE, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 21 giugno 2016 dal dott. Gianfausto PALANGE, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
4

146
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Cassino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Roma;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
– considerato peraltro che, ai sensi dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 92 del 2016 citato, l’incarico di magistrato onorario cessa in ogni caso al compimento del sessantottesimo anno di età;
d el i b era
di confermare, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Gianfausto PALANGE nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino), a decorrere dal 1° giugno 2016 e fino al
compimento del sessantottesimo anno di età (4 febbraio 2019).
5) – 819/GP/2017 – Dott.ssa Maria Sabrina SCAPPATICCIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
5

147
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 13 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria Sabrina SCAPPATICCIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Cassino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Roma;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria Sabrina SCAPPATICCIO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di GAETA (circondario di Cassino), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio
2020.
6

148
6) – 820/GP/2017 – Dott. Giovanni CATINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SORA (circondario di Cassino).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dal dott. Giovanni CATINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SORA (circondario di Cassino), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Cassino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Roma;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione
7

149
autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Giovanni CATINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SORA (circondario di
Cassino), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
7) – 821/GP/2017 – Dott. Giuseppe VERRELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SORA (circondario di Cassino).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 14 giugno 2016 dal dott. Giuseppe VERRELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SORA (circondario di Cassino), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
8

150
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Cassino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Roma;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Giuseppe VERRELLI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di SORA (circondario di
Cassino), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
8) – 798/GP/2017 – Dott.ssa Rosa ARCURI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Rosa ARCURI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
9

151
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Crotone;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Rosa ARCURI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE, a decorrere dal 1°
giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
9) – 799/GP/2017 – Dott.ssa Rina Antonietta NIGRO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
10

152
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Rina Antonietta NIGRO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Crotone;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Rina Antonietta NIGRO nell’incarico di
11

153
giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
10) – 800/GP/2017 – Dott.ssa Amelia Vera Angela PERRI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Amelia Vera Angela PERRI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Crotone;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
12

154
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Amelia Vera Angela PERRI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di
CROTONE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
11) – 801/GP/2017 – Dott.ssa Laura RUSSO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Laura RUSSO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
13

155
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Crotone;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 20 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Laura RUSSO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di CROTONE, a decorrere dal 1°
giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
12) – 811/GP/2017 – Dott.ssa Giuseppina Luana CASTRIZIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di PALMI.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dalla dott.ssa Giuseppina Luana CASTRIZIO, giudice
14

156
onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di PALMI, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto in data 14 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Palmi;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 22 giugno 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Reggio Calabria;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Giuseppina Luana CASTRIZIO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di
PALMI, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
15

157
13) – 812/GP/2017 – Dott. Salvatore BALDARI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di PALMI.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 18 giugno 2016 dal dott. Salvatore BALDARI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di PALMI, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Palmi;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 22 giugno 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Reggio Calabria;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari e relativi allegati non emergono elementi o fatti specifici
16

158
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice di pace a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Salvatore BALDARI nell’incarico di giudice onorario di pace già in servizio come giudice di pace nella sede di PALMI, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
14) – 824/GP/2017 – Dott. Fabrizio CERA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di PINEROLO (circondario di Torino).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 28 giugno 2016 dal dott. Fabrizio CERA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di PINEROLO (circondario di Torino), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante 4
“Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
17

159
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Fabrizio CERA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di PINEROLO (circondario di
Torino), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
15) – 825/GP/2017 – Dott.ssa Pasqualina BISCIOTTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dalla dott.ssa Pasqualina BISCIOTTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante 4
18

160
“Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 20 ottobre 2017 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
– considerato peraltro che, ai sensi dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 92 del 2016 citato, l’incarico di magistrato onorario cessa in ogni caso al compimento del sessantottesimo anno di età;
d el i b era
di confermare, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Pasqualina BISCIOTTI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e fino al compimento
del sessantottesimo anno di età (12 maggio 2019).
16) – 826/GP/2017 – Dott.ssa Giuliana BOLOGNA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
19

161
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Giuliana BOLOGNA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 20 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
20

162
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Giuliana BOLOGNA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
17) – 827/GP/2017 – Dott. Marco Carlo Alberto BORETTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 29 giugno 2016 dal dott. Marco Carlo Alberto BORETTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 20 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
21

163
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Marco Carlo Alberto BORETTI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di
TORINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
18) – 828/GP/2017 – Dott.ssa Enrica BORGNA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 21 giugno 2016 dalla dott.ssa Enrica BORGNA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari
22

164
in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 20 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Enrica BORGNA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere
dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
19) – 829/GP/2017 – Dott.ssa Carla BOSCHIGGIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
23

165
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dalla dott.ssa Carla BOSCHIGGIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 20 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Carla BOSCHIGGIA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere
dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
24

166
20) – 830/GP/2017 – Dott.ssa Maria Alessandra BUCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria Alessandra BUCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 20 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici
25

167
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria Alessandra BUCHI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
21) – 831/GP/2017 – Dott. Giovanni GHERARDINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 21 giugno 2016 dal dott. Giovanni GHERARDINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
26

168
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 24 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
– considerato peraltro che, ai sensi dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 92 del 2016 citato, l’incarico di magistrato onorario cessa in ogni caso al compimento del sessantottesimo anno di età;
d el i b era
di confermare, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Giovanni GHERARDINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 fino al compimento del
sessantottesimo anno di età (22.11.2018).
22) – 832/GP/2017 – Dott.ssa Daniela Annamaria GIUNIPERO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dalla dott.ssa Daniela Annamaria GIUNIPERO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
27

169
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 24 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Daniela Annamaria GIUNIPERO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di
TORINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
23) – 833/GP/2017 – Dott. Giovanni POMERO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
28

170
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dal dott. Giovanni POMERO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 24 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
29

171
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Giovanni POMERO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
24) – 834/GP/2017 – Dott.ssa Anna Carlotta TEDESCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 21 giugno 2016 dalla dott.ssa Anna Carlotta TEDESCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 24 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
30

172
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Anna Carlotta TEDESCHI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
25) – 835/GP/2017 – Dott.ssa Daniela VOLPES, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 14 giugno 2016 dalla dott.ssa Daniela VOLPES, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari
31

173
in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 24 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Daniela VOLPES nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere
dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
26) – 836/GP/2017 – Dott.ssa Laura VORIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
32

174
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Laura VORIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto in data 24 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Torino;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 11 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Torino;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Laura VORIA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TORINO, a decorrere dal 1°
giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
33

175
27) – 839/GP/2017 – Dott.ssa Maria Incoronata GOFFREDO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di MAGLIE (circondario di Lecce).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria Incoronata GOFFREDO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di MAGLIE (circondario di Lecce), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecce;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici
34

176
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria Incoronata GOFFREDO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di MAGLIE (circondario di Lecce), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio
2020.
28) – 840/GP/2017 – Dott.ssa Anna Maria AVENTAGGIATO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Anna Maria AVENTAGGIATO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
35

177
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecce;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Anna Maria AVENTAGGIATO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di
LECCE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
29) – 841/GP/2017 – Dott. Nicola BRUNETTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 27 giugno 2016 dal dott. Nicola BRUNETTI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
36

178
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecce;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Nicola BRUNETTI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, a decorrere dal 1°
giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
30) – 842/GP/2017 – Dott. Raffaele CARLUCCIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
37

179
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 27 giugno 2016 dal dott. Raffaele CARLUCCIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecce;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Raffaele CARLUCCIO nell’incarico di
38

180
giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
31) – 843/GP/2017 – Dott.ssa Veneranda CERFEDA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 27 giugno 2016 dalla dott.ssa Veneranda CERFEDA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecce;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce;
39

181
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Veneranda CERFEDA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, a decorrere
dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
32) – 844/GP/2017 – Dott.ssa Anna Maria COSI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Anna Maria COSI, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
40

182
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecce;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Anna Maria COSI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di LECCE, a decorrere
dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
33) – 845/GP/2017 – Dott.ssa Anna Rita COSTA, giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TRICASE (circondario di Lecce).
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 28 giugno 2016 dalla dott.ssa Anna Rita COSTA, giudice onorario di pace
41

183
in servizio come giudice di pace nella sede di TRICASE (circondario di Lecce), ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice di pace, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Lecce;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice di pace, espresso in data 18 settembre 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Lecce;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice di pace istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Anna Rita COSTA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice di pace nella sede di TRICASE (circondario
di Lecce), a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
42

184
34) – 231/GP/2014 – Dott. Vincenzo IANNUCCI, già giudice di pace nella sede di NOCERA INFERIORE
Esposto in data 3 dicembre 2013 a firma del Sig. Salvatore Greco.
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– letto l’esposto in data 3 dicembre 2013 a firma del Sig. Salvatore Greco relativo all’assegnazione dell’incarico di consulente tecnico da parte del dott. Vincenzo IANNUCCI, già giudice di pace nella sede di NOCERA INFERIORE;
– considerato che in data 7 maggio 2014 è stato deliberato di trasmettere gli atti al Presidente della Corte di Appello di Salerno, per le valutazioni di competenza ai sensi degli articoli 9 della legge 21 novembre 1991, n. 374, e successive modificazioni, e 17 del D.P.R. 10 giugno 2000, n. 198;
– rilevato che il Presidente della Corte di Appello di Salerno con provvedimento del 21 marzo 2017 ha deliberato il non luogo a provvedere non facendo più parte il dott. IANNUCCI dell’Ordine Giudiziario.
d el i b era
di prendere atto del provvedimento di non luogo a provvedere in data 21 marzo 2017 del
Presidente della Corte di Appello di Salerno.
43

185
COMPONENTI PRIVATI
35) – 113/CP/2017 – Nota pervenuta in data 9 maggio 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di Palermo trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dai consiglieri onorari della Sezione per i minorenni della Corte di Appello di PALERMO.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la nota pervenuta in data 9 maggio 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di Palermo trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dai consiglieri onorari della Sezione per i minorenni della Corte di Appello di Palermo, nonché copia della delibera del 16 febbraio 2017 con la quale quel Consiglio Giudiziario prende atto di detta relazione;
– visto l’art. 12 della circolare consiliare prot. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015, sui criteri di nomina e conferma dei giudici onorari minorili, per il triennio 2017-2019;
– considerato che non emergono rilievi sull’attività dei giudici onorari minorili;
d el i b era
di prendere atto.
36) – 112/CP/2017 – Nota pervenuta in data 3 aprile 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di Reggio Calabria trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dai giudici onorari del Tribunale per i minorenni di REGGIO CALABRIA, ai sensi dell’art. 12 della circolare consiliare prot. P- 19415 del 26 ottobre 2015.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la nota pervenuta in data 3 aprile 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di Reggio Calabria trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dai giudici onorari del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria nonché copia della delibera del 23 marzo 2017 con la quale quel Consiglio Giudiziario prende atto di detta relazione;
44

186
– visto l’art. 12 della circolare consiliare prot. P-19415/2015 del 26 ottobre 2015, sui criteri di nomina e conferma dei giudici onorari minorili, per il triennio 2017-2019;
– considerato che non emergono rilievi sull’attività dei giudici onorari minorili;
d el i b era
di prendere atto.
37) – 121/CP/2017 – Dott. Antonio ANTONUCCIO, aspirante alla nomina di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di REGGIO CALABRIA.
Nota in data 26 luglio 2017 con la quale l’istante chiede di annullare in autotutela la nomina del dott. Andrea Canale nell’incarico di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria e conseguentemente di essere nominato in luogo dello stesso.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 26 luglio 2017 del dott. Antonio ANTONUCCIO, aspirante alla nomina di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, con la quale chiede con ricorso in autotutela che venga annullata la nomina del dott. Andrea Canale nell’incarico di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria e conseguentemente di essere nominato in luogo dello stesso;
– vista la Circolare consiliare P-19415/2015 del 26 ottobre 2015 e l’allegato bando relativi ai criteri per la nomina e conferma dei giudici onorari minorili per il triennio 2017-2019;
– vista la proposta formulata dalla Commissione per la valutazione degli aspiranti alla conferma e nomina di giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria per il triennio 2017-2019 di cui ai verbali delle riunioni tenutesi in data 26, 28 febbraio 2016 e 3, 8, 10, 15, 22, 30 marzo 2016;
– visto il parere formulato in data 23 marzo 2017 dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Reggio Calabria;
– rilevato che con la nota in oggetto non sono stati prospettati elementi nuovi tali da far valutare la sussistenza dei presupposti per un eventuale provvedimento da emettere in sede di autotutela;
d el i b era
45

187
il non luogo a provvedere in ordine all’istanza in oggetto.
38) – 126/CP/2017 – Dott. Silvestro CALABRESE, già giudice onorario del Tribunale per i minorenni di SALERNO.
Nota in data 15 maggio 2017 del Presidente del Tribunale per i minorenni di Salerno con la quale si trasmette la segnalazione resa dal suddetto magistrato onorario di aver intrapreso una relazione more-uxorio con avvocato iscritto all’Ordine degli Avvocati di Salerno.
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 15 maggio 2017 del Presidente del Tribunale per i minorenni di Salerno con cui si trasmette la segnalazione resa dal dott. Silvestro CALABRESE, già giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Salerno il quale comunica di aver intrapreso una relazione more-uxorio con avvocato iscritto all’Ordine degli Avvocati di Salerno;
– rilevato che con delibera consiliare in data 4 ottobre 2017 il dott. Silvestro CALABRESE è stato dichiarato cessato dall’incarico di giudice onorario minorile a seguito dell’accettazione delle dimissioni dallo stesso rassegnate in data 11 luglio 2017;
d el i b era
il non luogo a provvedere, non facendo più parte il dott. Silvestro CALABRESE dell’ordine
giudiziario.
46

188
ESPERTI DI SORVEGLIANZA
39) – 50/ES/2017 – Nota pervenuta in data 9 maggio 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di Palermo trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dagli esperti del Tribunale di Sorveglianza di PALERMO.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la nota pervenuta in data 9 maggio 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di Palermo trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dagli esperti del Tribunale di Sorveglianza di Palermo nonché copia della delibera del 16 febbraio 2017 con la quale quel Consiglio Giudiziario prende atto di detta relazione;
– visto l’art. 13, punto 1, della circolare consiliare prot. P-19453/2015 del 26 ottobre 2015, sui criteri di nomina e conferma degli esperti dei tribunali di sorveglianza, per il triennio 2017- 2019;
– considerato che non emergono rilievi sull’attività degli esperti di sorveglianza;
d el i b era
di prendere atto.
40) – 51/ES/2017 – Nota pervenuta in data 9 maggio 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di L’Aquila trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dagli esperti del Tribunale di Sorveglianza di L’AQUILA, ai sensi dell’art. 13, punto 1, della circolare consiliare prot. P- 19453 del 26 ottobre 2015.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la nota pervenuta in data 9 maggio 2017 con la quale il Presidente della Corte di Appello di L’Aquila trasmette la relazione annuale sul lavoro svolto, nell’anno 2016, dagli esperti del Tribunale di Sorveglianza di L’Aquila nonché copia della delibera del 2 maggio 2017 con la quale quel Consiglio Giudiziario prende atto di detta relazione;
47

di prendere atto.
189
– visto l’art. 13, punto 1, della circolare consiliare prot. P-19453/2015 del 26 ottobre 2015, sui criteri di nomina e conferma degli esperti dei tribunali di sorveglianza, per il triennio 2017- 2019;
– considerato che non emergono rilievi sull’attività degli esperti di sorveglianza;
d el i b era
48

190
GIUDICI ONORARI DI PACE IN SERVIZIO COME GIUDICI ONORARI DI TRIBUNALE
41) – 570/GT/2017 – Dott. Giovanni DE ANGELIS, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di RAGUSA.
Esposti pervenuti in data 18 luglio 2017, 27 luglio 2017, 2 agosto 2017 e 16 agosto 2017 del sig. Nunzio Mezzasalma.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– letti gli esposti pervenuti in data 18 luglio 2017, 27 luglio 2017, 2 agosto 2017 e 16 agosto 2017 del sig. Nunzio Mezzasalma nei confronti del dott. Giovanni DE ANGELIS, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Ragusa;
d el i b era
l’archiviazione degli esposti, non essendovi provvedimenti di competenza del Consiglio da
adottare, trattandosi di censure ad attività giurisdizionale.
42) – 580/GT/2017 – Dott. Luigi BONACQUA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 16 giugno 2016 dal dott. Luigi BONACQUA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
49

191
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 16 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Luigi BONACQUA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI
IMERESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
43) – 582/GT/2017 – Dott. Angelo PETRALIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
50

192
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 15 giugno 2016 dal dott. Angelo PETRALIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 1° febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Angelo PETRALIA nell’incarico di giudice
51

193
onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
44) – 583/GT/2017 – Dott. Fabio RAIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dal dott. Fabio RAIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 16 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
52

194
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Fabio RAIA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI
IMERESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
45) – 584/GT/2017 – Dott. Fabio STUPPIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 27 giugno 2016 dal dott. Fabio STUPPIA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
53

195
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 1 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Fabio STUPPIA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI
IMERESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
46) – 585/GT/2017 – Dott. Giovanni TURCO, giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dal dott. Giovanni TURCO, giudice onorario del Tribunale
54

196
ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– rilevato che la Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo in data 7 luglio 2017 ha disposto il non luogo a provvedere essendo intervenuta la decadenza per raggiunti limiti di età;
– vista la delibera consiliare del 3 maggio 2017 con cui è stata dichiarata la cessazione dall’incarico del dott. Giovanni TURCO per raggiungimento del sessantottesimo anno di età, a decorrere dal 18 maggio 2017;
d el i b era
di confermare, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Giovanni TURCO nell’incarico di giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE a decorrere dal 1° giugno 2016 e fino alla cessazione per raggiunto limite massimo
di età (18.05.2017).
47) – 586/GT/2017 – Dott.ssa Giuseppina TURRISI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
55

197
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 21 giugno 2016 dalla dott.ssa Giuseppina TURRISI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 1 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Giuseppina TURRISI nell’incarico di
56

198
giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
48) – 587/GT/2017 – Dott.ssa Maria Margherita URSO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria Margherita URSO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 1 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
57

199
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria Margherita URSO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
TERMINI IMERESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
49) – 588/GT/2017 – Dott.ssa Simona VIOLA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 28 giugno 2016 dalla dott.ssa Simona VIOLA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI IMERESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
58

200
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 ottobre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Termini Imerese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 1 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Simona VIOLA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TERMINI
IMERESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
50) – 661/GT/2017 – Dott.ssa Elvira MAUCERI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Elvira MAUCERI, giudice onorario di pace
59

201
in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Palermo ;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 15 giugno 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Elvira MAUCERI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
PALERMO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
60

202
51) – 666/GT/2017 – Dott.ssa Antonina GIARDINA GIARDINA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Antonina GIARDINA GIARDINA, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Palermo ;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 15 giugno 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici
61

203
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Antonina GIARDINA GIARDINA nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale
ordinario di PALERMO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
52) – 677/GT/2017 – Dott. Giovanni LENTINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 15 giugno 2016 dal dott. Giovanni LENTINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
62

204
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Palermo;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Giovanni LENTINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
53) – 682/GT/2017 – Dott.ssa Antonella DI MAIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 9 giugno 2016 dalla dott.ssa Antonella DI MAIO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
63

205
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Palermo;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Antonella DI MAIO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
PALERMO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
54) – 683/GT/2017 – Dott.ssa Antonina Maria Giuseppina AIELLO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
64

206
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Antonina Maria Giuseppina AIELLO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Palermo ;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Antonina Maria Giuseppina AIELLO
65

207
nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
55) – 688/GT/2017 – Dott.ssa Daniela DAMIANI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 10 giugno 2016 dalla dott.ssa Daniela DAMIANI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PALERMO, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Palermo ;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 luglio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Palermo;
66

208
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Daniela DAMIANI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
PALERMO, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
56) – 873/GT/2017 – Nota in data 3 ottobre 2017 del Presidente del Tribunale di Isernia avente ad oggetto un “quesito sul rilascio di copia integrale dell’istruttoria svolta in relazione ad un esposto nonché al provvedimento di archiviazione proposto dal medesimo avvocato”.
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 3 ottobre 2017 del Presidente del Tribunale di Isernia avente ad oggetto un “quesito sul rilascio di copia integrale dell’istruttoria svolta in relazione ad un esposto nonché al provvedimento di archiviazione proposto dal medesimo avvocato”;
d el i b era
il non luogo a provvedere, trattandosi di quesito inerente l’interpretazione di norme giuridiche, in particolare relative ai presupposti per l’accesso agli atti disciplinato dalla legge n. 241/1990.
57) – 449/GT/2017 – Dott. Luigi PITARO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
67

209
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 17 giugno 2016 dal dott. Luigi PITARO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Paola;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Luigi PITARO nell’incarico di giudice
68

210
onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
58) – 452/GT/2017 – Dott. Antonio MAGLIOCCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dal dott. Antonio MAGLIOCCHI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Paola;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
69

211
– visto il ricorso al T.A.R. per il Lazio proposto dal dott. Antonio MAGLIOCCHI per l’annullamento, previa sospensione, della delibera consiliare del 2 maggio 2012 e del D.M. in data 24 maggio 2012 che l’ha recepita, con cui è stata dichiarata la decadenza del ricorrente dall’incarico di giudice onorario del Tribunale di Paola.
– vista la sentenza n. 4634/2013 del T.A.R. del Lazio, di accoglimento del ricorso e, per l’effetto, di annullamento degli atti impugnati;
– vista l’ordinanza n. 2610/2013 del Consiglio di Stato di reiezione della domanda di sospensione dell’efficacia della sentenza del T.A.R. del Lazio, avanzata dall’amministrazione; – vista la delibera consiliare in data 9 ottobre 2013 con cui, preso atto della succitata ordinanza, il dott. Antonio MAGLIOCCHI è stato riammesso nelle funzioni di giudice onorario del Tribunale di Paola, in via provvisoria, fino all’esito del giudizio di merito;
– ritenuto di dover provvedere, allo stato, alla conferma nell’incarico del dott. Antonio MAGLIOCCHI, fatta salva l’eventualità della revoca della presente delibera all’esito del giudizio di merito pendente davanti al Consiglio di Stato;
d el i b era
di confermare in via provvisoria, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Roberto LAURO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020, fino all’esito del
giudizio di merito.
59) – 455/GT/2017 – Dott.ssa Carmela MIRABELLI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Carmela MIRABELLI, giudice onorario di
70

212
pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Paola;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Carmela MIRABELLI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA,
a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
71

213
60) – 456/GT/2017 – Dott.ssa Elvezia VETERE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dalla dott.ssa Elvezia VETERE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Paola;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici
72

214
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Elvezia VETERE nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
PAOLA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
61) – 457/GT/2017 – Dott. Alberto PUGLIESE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 13 giugno 2016 dal dott. Alberto PUGLIESE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
73

215
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto dal Presidente del Tribunale ordinario di Paola;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Catanzaro;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Alberto PUGLIESE nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di PAOLA, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
62) – 271/GT/2017 – Dott. Davide ALVIGINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dal dott. Davide ALVIGINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
74

216
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Davide ALVIGINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
63) – 274/GT/2017 – Dott.ssa Renata Maria BARNABO’, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
75

217
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 17 giugno 2016 dalla dott.ssa Renata Maria BARNABO’, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Renata Maria BARNABO’ nell’incarico
76

218
di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
64) – 275/GT/2017 – Dott. Francesco CAVALLARO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 21 giugno 2016 dal dott. Francesco CAVALLARO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
77

219
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Francesco CAVALLARO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
VARESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
65) – 276/GT/2017 – Dott.ssa Elisabetta CHIODINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dalla dott.ssa Elisabetta CHIODINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
78

220
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Elisabetta CHIODINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
VARESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
66) – 277/GT/2017 – Dott.ssa Alessandra FUGINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dalla dott.ssa Alessandra FUGINI, giudice onorario di pace
79

221
in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Alessandra FUGINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
VARESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
80

222
67) – 278/GT/2017 – Dott. Fabio Eugenio Maria IACOPINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 23 giugno 2016 dal dott. Fabio Eugenio Maria IACOPINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici
81

223
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Fabio Eugenio Maria IACOPINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale
ordinario di VARESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
68) – 279/GT/2017 – Dott. Andrea PUCCI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 17 giugno 2016 dal dott. Andrea PUCCI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
82

224
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Andrea PUCCI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, a
decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
69) – 280/GT/2017 – Dott.ssa Alessandra SAGONE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dalla dott.ssa Alessandra SAGONE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
83

225
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Alessandra SAGONE nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
VARESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
70) – 281/GT/2017 – Dott.ssa Antonella VITALE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
84

226
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 17 giugno 2016 dalla dott.ssa Antonella VITALE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 19 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Varese;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 7 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Antonella VITALE nell’incarico di
85

227
giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di VARESE, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
71) – 872/GT/2017 – Dott. Nicola CIANCIARUSO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di LECCO.
Nota in data 6 ottobre 2017 del Presidente della Corte di Appello di Milano avente ad oggetto: “Nota prot. 630 del 20.3.2017 del Presidente del Tribunale di Lecco recante comunicazione in merito alla mancata presentazione della domanda di conferma a G.O.T. da parte dell’avv. Nicola CIANCIARUSO, nominato con D.M. 1.6.2016”.
(relatore Consigliere PONTECORVO)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 6 ottobre 2017 del Presidente della Corte di Appello di Milano avente ad oggetto: “Nota prot. 630 del 20.3.2017 del Presidente del Tribunale di Lecco recante comunicazione in merito alla mancata presentazione della domanda di conferma a G.O.T. da parte dell’avv. Nicola CIANCIARUSO, nominato con D.M. 1.6.2016”;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio…”
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 9…2”;
– letto il verbale in data 12 settembre 2017 della Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano con il quale è stato disposto di prendere atto della mancata presentazione della domanda di conferma da parte del dott. Nicola CIANCIARUSO e di trasmettere la pratica al Consiglio superiore della magistratura per l’adozione del provvedimento di cessazione dal servizio;
86

228
– letto il successivo verbale in data 3 ottobre 2017 della Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Milano con il quale è stato disposto di prendere atto delle osservazioni presentate dal dott. Nicola CIANCIARUSO e di trasmettere “la pratica al CSM a fronte del possibile contrasto fra la normativa primaria di cui all’art. 1 del d.lgs 92/16 e quella secondaria di cui all’art. 1 comma 3 della circolare P 16372/2016 del 1.8.2016” ;
– considerato che il dott. Nicola CIANCIARUSO è stato indotto in errore nella presentazione della domanda di conferma nell’incarico per causa allo stesso non imputabile o comunque per giustificato motivo atteso che il medesimo, nominato con delibera consiliare in data 11 maggio 2016, in pendenza del termine di presentazione della domanda de quo svolgeva il prescritto periodo di tirocinio formativo;
– rilevato, pertanto, che ricorrono le condizioni per poter disporre la rimessione in termini per la presentazione della domanda di conferma del dott. Nicola CIANCIARUSO nell’incarico di giudice onorario del Tribunale ordinario di Lecco, atteso che il ritardo nella proposizione della stessa può considerarsi dovuto a causa non imputabile all’interessato o comunque per giustificato motivo;
Tutto ciò premesso
d el i b era
la rimessione in termini del dott. Nicola CIANCIARUSO giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di LECCO, per la presentazione della istanza
di conferma nell’incarico ex art. 2 del 31 maggio 2016, n. 92.
72) – 413/GT/2017 – Dott.ssa Maria LA NAVE, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria LA NAVE, giudice onorario di pace in
87

229
servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria LA NAVE nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO
EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
88

230
73) – 414/GT/2017 – Dott.ssa Chiara NERI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 14 giugno 2016 dalla dott.ssa Chiara NERI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici
89

231
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Chiara NERI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario diREGGIO
EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
74) – 416/GT/2017 – Dott.ssa Barbara PANGRAZZI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 16 giugno 2016 dalla dott.ssa Barbara PANGRAZZI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
90

232
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Barbara PANGRAZZI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
75) – 417/GT/2017 – Dott.ssa Beatrice PRISCO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Beatrice PRISCO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
91

233
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Beatrice PRISCO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
76) – 420/GT/2017 – Dott.ssa Maria Pia SACCO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92
(relatore Consigliere MORGIGNI)
92

234
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 29 giugno 2016 dalla dott.ssa Maria Pia SACCO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Maria Pia SACCO nell’incarico di
93

235
giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
77) – 425/GT/2017 – Dott.ssa Silvia SEMPRINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 28 giugno 2016 dalla dott.ssa Silvia SEMPRINI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
94

236
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Silvia SEMPRINI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
78) – 427/GT/2017 – Dott.ssa Ofelia TROPEANO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 24 giugno 2016 dalla dott.ssa Ofelia TROPEANO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
95

237
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Ofelia TROPEANO nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
79) – 430/GT/2017 – Dott.ssa Graziella TUGNETTI giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Graziella TUGNETTI, giudice onorario di
96

238
pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Graziella TUGNETTI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
97

239
80) – 431/GT/2017 – Dott.ssa Elena VINCENZI giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 20 giugno 2016 dalla dott.ssa Elena VINCENZI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici
98

240
che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Elena VINCENZI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
81) – 432/GT/2017 – Dott.ssa Monica Santa KUMBASAR, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 22 giugno 2016 dalla dott.ssa Monica Santa KUMBASAR, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
99

241
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Monica Santa KUMBASAR nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio
2020.
82) – 433/GT/2017 – Dott. Stefano CATELLANI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 15 giugno 2016 dal dott. Stefano CATELLANI, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
100

242
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, il dott. Stefano CATELLANI nell’incarico di giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di
REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
83) – 450/GT/2017 – Dott.ssa Donata ROMANO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA.
Procedura di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
101

243
Il Consiglio,
– vista la domanda di conferma nell’incarico, per un primo mandato di durata quadriennale, presentata in data 16 giugno 2016 dalla dott.ssa Donata ROMANO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 12, recante “Disciplina della sezione autonoma dei Consigli giudiziari per i magistrati onorari e disposizioni per la conferma nell’incarico dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari in servizio”, in particolare gli articoli 1, rubricato “Primo mandato dei magistrati onorari in servizio”, e 2, rubricato “Procedura di conferma”;
– vista la circolare consiliare approvata nella seduta del 28 luglio 2016, Prot. P-16372/2016 del 1° agosto 2016, riguardante la “Procedura di conferma per un primo mandato quadriennale dei giudici di pace, dei giudici onorari di tribunale e dei vice procuratori onorari, ai sensi degli artt. 1 e segg. del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92”;
– visto il rapporto positivo sull’attività svolta dal giudice onorario, redatto in data 6 dicembre 2016 dal Presidente del Tribunale ordinario di Reggio Emilia;
– visto il giudizio di idoneità ai fini della conferma nell’esercizio delle funzioni di giudice onorario, espresso in data 13 marzo 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio giudiziario della Corte di Appello di Bologna;
– ritenuto che dagli atti, dal rapporto redatto dal Presidente del Tribunale sull’attività svolta dal giudice onorario istante in merito alla capacità, alla laboriosità, alla diligenza all’impegno ed ai requisiti dell’indipendenza e dell’equilibrio nonché dal giudizio espresso dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari, e relativi allegati, non emergono elementi o fatti specifici che possano incidere negativamente sulla idoneità del giudice onorario a continuare lo svolgimento delle funzioni giudiziarie onorarie;
d el i b era
di confermare, per un primo mandato di durata quadriennale, ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto legislativo 31 maggio 2016, n. 92, la dott.ssa Donata ROMANO nell’incarico di
102

244
giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di REGGIO EMILIA, a decorrere dal 1° giugno 2016 e con scadenza il 31 maggio 2020.
84) – 863/GT/2017 – Dott. Alessandro SIGILLO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TRENTO.
Nota in data 9 ottobre 2017 con la quale chiede di poter svolgere il periodo di tirocinio, di cui all’art. 8 della circolare CSM P-793/2016 del 19 gennaio 2016, presso un Ufficio giudiziario della Corte di Appello di Messina.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 9 ottobre 2017 con cui il dott. Alessandro SIGILLO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di Trento, chiede di poter svolgere il periodo di tirocinio, di cui all’art. 8 della circolare CSM P-793/2016 del 19 gennaio 2016, presso un Ufficio giudiziario della Corte di Appello di Messina;
– visto l’art. 8 della circolare consiliare CSM P-793/2016 del 19 gennaio 2016 relativo allo svolgimento del tirocinio dei giudici onorari di nuova nomina;
– ritenuto, alla luce del dato normativo, di non poter accogliere la richiesta del dott. Alessandro SIGILLO in quanto è opportuno che il tirocinio – finalizzato, oltre che alla conoscenza dell’attività professionale, anche alla conoscenza dell’ambiente di lavoro e della struttura organica dell’ufficio sede di servizio – si svolga presso il Tribunale ordinario di Trento, sede di servizio dove il magistrato onorario ha chiesto di svolgere la propria attività;
d el i b era
il rigetto della richiesta del dott. Alessandro SIGILLO, giudice onorario di pace in servizio come giudice onorario del Tribunale ordinario di TRENTO, di poter effettuare il tirocinio in
altra sede.
103

il non luogo a provvedere.
245
VICE PROCURATORI ONORARI
85) – 546/VP/2017 – Dott. Daniele ROSSI, aspirante alla nomina di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di PERUGIA.
Nota pervenuta in data 27 luglio 2017 concernente richiesta di riesame/annullamento in autotutela della delibera consiliare del 12 luglio 2017 con la quale non è stato nominato nell’incarico di vice procuratore onorario.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– letta la nota in data 27 luglio 2017 con cui il dott. Daniele ROSSI chiede il riesame/annullamento in autotutela della delibera consiliare in data 12 luglio 2017 concernente la mancata sua nomina nell’incarico di vice procuratore onorario della Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Perugia;
– vista la delibera consiliare in data 12 luglio 2017 nella parte in cui si dispone che l’aspirante ROSSI Daniele non può essere proposto per la nomina a vice procuratore onorario;
– rilevato che con le odierne deduzioni non sono stati prospettati elementi nuovi tali da far valutare la sussistenza dei presupposti per un eventuale provvedimento da emettere in sede di autotutela, atteso che con delibera consiliare del 6 giugno 2001 è stato disposto di non confermare il dott. Daniele ROSSI nell’incarico di vice procuratore onorario ricoperto per “motivi di incompatibilità stante l’attività svolta dall’aspirante”, risultando egli ricoprire la carica di consigliere comunale presso il Comune di Seggiano (GR) dal giugno 1999, incompatibile ai sensi degli artt. 42-quater, primo comma, lettera a) e 71 del R.D. 30 gennaio 1941 n.12 con l’incarico di magistrato onorario;
d el i b era
104

246
TABELLE DI COMPOSIZIONE UFFICI DEL GIUDICE DI PACE
86) – 73/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di MENFI (circondario di Sciacca) (decr. n. 8 in data 16 gennaio 2017 del Presidente f.f. del Tribunale di Sciacca).
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di modifica delle tabelle di composizione dell’Ufficio del Giudice di Pace di MENFI (circondario di Sciacca), per il triennio 2015-2017, di cui al decreto n. 8 del 16 gennaio 2017 del Presidente f.f. del Tribunale di Sciacca, trasmessa dalla Corte di Appello di Palermo con nota prot. n. 2204 del 9 febbraio 2017;
– visto il parere favorevole espresso in data 1° febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Palermo;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di MENFI (circondario di Sciacca), come da proposta
sopraindicata.
87) – 74/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di SCIACCA (decr. n. 7 in data 16 gennaio 2017 del Presidente f.f. del Tribunale di Sciacca).
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
105

247
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di modifica delle tabelle di composizione dell’Ufficio del Giudice di Pace di SCIACCA, per il triennio 2015-2017, di cui decreto n. 7 in data 16 gennaio 2017 del Presidente f.f. del Tribunale di Sciacca, trasmessa dalla Corte di Appello di Palermo con nota prot. n. 3302 del 28 febbraio 2017;
– visto il parere favorevole espresso in data 16 febbraio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Palermo;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di SCIACCA, come da proposta sopraindicata.
88) – 76/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di PALERMO (nota n. 178 in data 3 marzo 2017 del Presidente del Tribunale di Palermo).
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di modifica delle tabelle di composizione dell’Ufficio del Giudice di Pace di PALERMO, per il triennio 2015-2017, di cui alla segnalazione nota n. 178 in data 3 marzo 2017 del Presidente del Tribunale di Palermo, trasmessa dalla Corte di Appello di Palermo con nota prot. n. 6667 del 2 maggio 2017;
– visto il parere favorevole espresso in data 6 aprile 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Palermo;
d el i b era
106

248
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di PALERMO, come da proposta sopraindicata.
89) – 68/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di pace di SEGNI (circondario di Velletri) (decreto n. 190 in data 28 dicembre 2016 del Presidente del Tribunale di Velletri).
(relatore Consigliere ZANETTIN)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di modifica tabellare, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di SEGNI (circondario di Velletri), del Presidente del Tribunale di Velletri di cui al decreto n. 190 in data 28 dicembre 2016, trasmessa dalla Corte di Appello di Roma con nota prot. n. 7979 del 23 febbraio 2017;
– rilevato che nella seduta dell’8 febbraio 2017 la Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Roma ha espresso parere favorevole alla variazione disposta;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di SEGNI (circondario di Velletri), come da proposta
sopraindicata.
90) – 69/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di pace di LATINA (decreto n. 239 in data 3 novembre 2016 del Presidente del Tribunale di Latina).
(relatore Consigliere ZANETTIN)
107

249
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di modifica tabellare, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di LATINA di cui al decreto n. 239 in data 3 novembre 2016 del Presidente del Tribunale di Latina, trasmessa dalla Corte di Appello di Roma con nota prot. n. 7974 del 23 febbraio 2017;
– rilevato che nella seduta dell’8 febbraio 2017 la Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Roma ha espresso parere favorevole alla variazione disposta;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di LATINA, come da proposta sopraindicata.
91) – 56/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NOLA (decreto n. 102/16 in data 5 luglio 2016 del Presidente del Tribunale di Nola).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NOLA, formulata dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 1° agosto 2016 nei termini di cui al decreto n. 102/16 del 5 luglio 2016 del Presidente del Tribunale di Nola, trasmessa dalla medesima Corte di Appello con nota prot. n. 19703/2016 in data 9 dicembre 2016;
108

250
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 7 novembre 2016;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di NOLA, come da proposta sopraindicata.
92) – 57/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI (decreto n. 181/16 in data 12 luglio 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, formulata dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 1° agosto 2016 nei termini di cui al decreto n. 181/16 del 12 luglio 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli, trasmessa dalla medesima Corte di Appello con nota prot. n. 19703/2016 in data 9 dicembre 2016;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 7 novembre 2016;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, come da proposta sopraindicata.
93) – 58/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI (decreto n. 272/16 in data 10 ottobre 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli).
109

251
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, di cui al decreto n. 272/2016 in data 10 ottobre 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli, trasmessa dalla Corte di Appello di Napoli con nota prot. n. 19629/2016 in data 7 dicembre 2016;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 21 novembre 2016;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, come da proposta sopraindicata.
94) – 59/TP/2017 – Modifiche delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di TORRE ANNUNZIATA (decreti n. 273/16 del 9 giugno 2016 e 320/2016 del 1° luglio 2016 del Presidente del Tribunale di Torre Annunziata).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminate le proposte di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di TORRE ANNUNZIATA, formulate dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 20 giugno 2016 nei termini di cui alle segnalazioni del Presidente del Tribunale di Torre Annunziata rispettivamente n. 273/16 del 9 giugno 2016 e n.
110

252
320/16 del 1° luglio 2016, trasmesse da quella Corte di Appello con nota prot. 17629/2016 dell’8 novembre 2016;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 3 ottobre 2016;
d el i b era
di approvare le variazioni delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio
del Giudice di Pace di TORRE ANNUNZIATA, come da proposte sopraindicate.
95) – 60/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di AVELLINO (decreti n. 21 e 22 in data 17 maggio 2016 del Presidente del Tribunale di Avellino).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminate le proposte di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di AVELLINO, formulate dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 8 giugno 2016 nei termini di cui alle segnalazioni del Presidente del Tribunale di Avellino n. 21 e n. 22 del 17 maggio 2016, trasmesse da quella Corte di Appello con nota prot. n. 17629/2016 in data 8 novembre 2016;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 3 ottobre 2016;
d el i b era
di approvare le variazioni delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio
del Giudice di Pace di AVELLINO, come da proposte sopraindicate.
111

253
96) – 61/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI (decreto n. 48/16 in data 16 novembre 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, formulata dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 29 novembre 2016 nei termini di cui al decreto n. 48/2016 del 16 novembre 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli, trasmessa da quella Corte di Appello con nota prot. n. 5279/2016 in data 29 marzo 2017;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 23 gennaio 2017;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, come da proposta sopraindicata.
97) – 62/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI (decreto n. 51/16 in data 7 dicembre 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
112

254
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, formulata dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 23 dicembre 2016 nei termini di cui al decreto n. 51/2016 del 7 dicembre 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli, trasmessa da quella Corte di Appello con nota prot. n. 5279/2016 in data 29 marzo 2017;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 23 gennaio 2017;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di NAPOLI, come da proposta sopraindicata.
98) – 63/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di MARANO DI NAPOLI (circondario di Napoli Nord in Aversa) (decreti n. 115/16 in data 15 novembre 2016 e n. 115 bis in data 18 novembre 2017 del Presidente del Tribunale di Napoli Nord in Aversa).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di MARANO DI NAPOLI (circondario di Napoli Nord in Aversa), formulata dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 29 novembre 2016 nei termini di cui al decreto n. 115/2016 del 15 novembre 2016 del Presidente del Tribunale di Napoli Nord in Aversa, rettificato con decreto n. 115 bis del 18 novembre 2017, trasmessa da quella Corte di Appello con nota prot. n. 5279/2016 in data 29 marzo 2017;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 23 gennaio 2017;
d el i b era
113

255
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di MARANO DI NAPOLI (circondario di Napoli Nord in Aversa), come da proposta sopraindicata.
99) – 64/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di PIEDIMONTE MATESE (circondario di Santa Maria Capua Vetere) (nota n. 14/16 in data 16 febbraio 2016 del giudice di pace coordinatore).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di PIEDIMONTE MATESE (circondario di Santa Maria Capua Vetere), formulata dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 29 febbraio 2016 nei termini di cui alla segnalazione del giudice di pace coordinatore prot. n. 14/16 del 16 febbraio 2016, trasmessa da quella Corte di Appello con nota prot. n. 5279/2016 in data 29 marzo 2017;
– rilevato che in data 2 maggio 2016 la sezione Autonoma per i giudici di pace del Consiglio Giudiziario di Napoli ha disposto di richiedere chiarimenti in ordine al divieto di assegnazione dei singoli procedimenti;
– vista la nota n. 7857 del 4 novembre 2016 del Presidente del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere con cui sono stati rimessi i chiarimenti richiesti;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 5 dicembre 2016;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di PIEDIMONTE MATESE (circondario di Santa Maria
Capua Vetere), come da proposta sopraindicata.
114

256
100) – 65/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di SANTA MARIA CAPUA VETERE (decreto n. 229/16 in data 13 ottobre 2016 del Presidente del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere).
(relatore Consigliere FORCINITI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di SANTA MARIA CAPUA VETERE, formulate dal Presidente della Corte di Appello di Napoli in data 21 ottobre 2016 nei termini di cui al decreto n. 229/16 del 13 ottobre 2016 del Presidente del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, trasmessa da quella Corte di Appello con nota prot. n. 5279/2016 in data 29 marzo 2017;
– visto il parere favorevole espresso dal Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Napoli, Sezione autonoma per i magistrati onorari, nella seduta del 5 dicembre 2016;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di SANTA MARIA CAPUA VETERE, come da proposta
sopraindicata.
101) – 67/TP/2017 – Modifica delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017, dell’Ufficio del Giudice di Pace di BOLOGNA.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– visti gli artt. 7-bis e 7-ter del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12;
115

257
– vista la circolare del Consiglio Superiore della Magistratura n. P-9510/2014 in data 26 maggio 2014 relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli Uffici del Giudice di Pace per il triennio 2015-2017;
– esaminata la proposta di modifica delle tabelle di composizione dell’Ufficio del Giudice di Pace di BOLOGNA, per il triennio 2015-2017, di cui al decreto n. 2 dell’11 gennaio 2017 del Presidente del Tribunale di Bologna, trasmessa dalla Corte di Appello di Bologna in data 27 gennaio 2017;
– visto il parere favorevole espresso in data 23 gennaio 2017 dalla Sezione autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario presso la Corte di Appello di Bologna;
d el i b era
di approvare la variazione delle tabelle di composizione, per il triennio 2015-2017,
dell’Ufficio del Giudice di Pace di BOLOGNA, come da proposta sopraindicata.
116

il non luogo a provvedere.
258
VARIE
102) – 43/VA/2017 – Note pervenute in data 18 agosto 2017 dell’avv. Nicola Simonelli, riguardanti alcuni magistrati onorari, aventi ad oggetto: “riconoscimento rapporto di lavoro dipendente …”.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– viste le note pervenute in data 18 agosto 2017 dell’avv. Nicola Simonelli, riguardanti alcuni magistrati onorari, aventi ad oggetto: “riconoscimento rapporto di lavoro dipendente …”;
– considerato che la materia esula dalle attribuzioni del Consiglio superiore della magistratura;
d el i b era
il non luogo a provvedere.
103) – 44/VA/2017 – Note pervenute in data 17 luglio 2017 del Prof. Avv. Antonio Lanzara, riguardanti alcuni magistrati onorari, aventi ad oggetto: “Vice Procuratori Onorari – Giudici Onorari di Tribunale – diritti retributivi – compensi e indennità – diritti previdenziali ed assistenziali maturati – violazione del diritto UE …”.
(relatore Consigliere CLIVIO)
Il Consiglio,
– viste le note pervenute in data 17 luglio 2017 del Prof. Avv. Antonio LANZARA, riguardanti alcuni magistrati onorari, aventi ad oggetto: “Vice Procuratori Onorari – Giudici Onorari di Tribunale – diritti retributivi – compensi e indennità – diritti previdenziali ed assistenziali maturati – violazione del diritto UE …”;
– considerato che gli argomenti esulano dalle attribuzioni del Consiglio superiore della magistratura;
d el i b era
117

259
104) – 51/VA/2017 – Nota n. 5263 del 26 luglio 2017 del Presidente Vicario della Corte di Appello di Ancona avente ad oggetto: Nota della componente rappresentativa della Magistratura Onoraria avente ad oggetto la richiesta di liquidazione dei compensi previsti dall’art. 14 D.L.vo 25/2006.
(relatore Consigliere BALDUZZI)
Il Consiglio,
– vista la nota n. 5263 del 26 luglio 2017 del Presidente Vicario della Corte di Appello di Ancona con cui si trasmette per quanto di competenza, unitamente all’estratto del verbale della seduta della Sezione Autonoma per i magistrati onorari del Consiglio Giudiziario in data 19 luglio 2017, la nota dei componenti rappresentanti della magistratura onoraria volta ad ottenere la liquidazione dei compensi previsti dall’art. 14 del decreto legislativo n. 25 del 2006.
– visto l’art. 14 del decreto legislativo 27 gennaio 2015 n. 25, secondo cui “Ai componenti non togati dei consigli giudiziari è corrisposto un gettone di presenza per ciascuna seduta, la cui entità è stabilita con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottarsi entro sessanta giorni dalla data di acquisto di efficacia delle disposizioni del presente decreto”;
– considerato che la materia esula dalle attribuzioni del Consiglio Superiore della Magistratura;
d el i b era
il non luogo a provvedere, trattandosi di materia di competenza del Ministero della Giustizia,
cui si rimette la nota in oggetto.
105) – 31/VA/2015 – Nota pervenuta in data 21 ottobre 2015 del Presidente f.f. del Tribunale ordinario di Firenze avente ad oggetto: “Quesito sul ruolo dei giudici onorari di Tribunale nell’Ufficio del Processo”.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
118

260
– letta la nota pervenuta in data 21 ottobre 2015 del Presidente f.f. del Tribunale ordinario di Firenze avente ad oggetto: “Quesito sul ruolo dei giudici onorari di Tribunale nell’Ufficio del Processo”;
– rilevato che il Comitato di Presidenza, nella seduta del 22 ottobre 2015, vista la nota indicata in oggetto, deliberava di trasmetterla alle Commissioni Ottava e Settima, per quanto di rispettiva competenza;
– vista la legge 28 aprile 2016, n. 57, recante “Delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace”;
– visto il decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116, recante “Riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace, nonché disciplina transitoria relativa ai magistrati onorari in servizio, a norma della legge 28 aprile 2016, n. 57. ”;
d el i b era
il non luogo a prevvedere in ordine al quesito in oggetto, stante l’entrata in vigore della legge
28 aprile 2016, n. 57 e del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116.
106) – 50/VA/2017 – Nota prot. n. 5371 del 29 giugno 2017 del Presidente della Corte di Appello di L’Aquila avente ad oggetto: Consiglio giudiziario Sezione autonoma per i magistrati onorari. Liquidazione compensi e rimborso spese.
(relatore Consigliere MORGIGNI)
Il Consiglio,
– vista la nota prot. n. 5371 del 29 giugno 2017 del Presidente della Corte di Appello di L’Aquila con cui si richiedono indicazioni sulle determinazioni da adottare in merito all’istanza con la quale i magistrati onorari componenti della Sezione autonoma del Consiglio giudiziario hanno chiesto la liquidazione dei compensi previsti dall’art. 14 del decreto legislativo n. 25 del 2006 per i componenti non togati dei Consigli giudiziari e altresì di conoscere se e in che modo possano essere rimborsate le spese sostenute per il trasferimento nelle sedi del distretto in cui si tengono le sedute itineranti;
– visto l’art. 14 del decreto legislativo 27 gennaio 2015 n. 25, secondo cui “Ai componenti non togati dei consigli giudiziari è corrisposto un gettone di presenza per ciascuna seduta, la cui entità è stabilita con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro
119

261
dell’economia e delle finanze, da adottarsi entro sessanta giorni dalla data di acquisto di efficacia delle disposizioni del presente decreto”;
– considerato che gli argomenti posti dalla nota in esame esulano dalle attribuzioni del Consiglio Superiore della Magistratura;
d el i b era
il non luogo a provvedere, trattandosi di argomenti di competenza del Ministero della
Giustizia, cui si rimette la nota in oggetto.
120

262

FacebookTwitterGoogle+EmailTelegramShare

I Commenti sono chiusi